Vi aspettiamo tutti sul nuovo sito https://melius.club Nelle prossime ore metteremo a punto i particolari e lanceremo il redirect automatico ma il buffet è già aperto :-)
naim xs 2 + stageline
  • Renzio
    Posts: 102Member
    Buona giornata Lamberto
    Fai il processo alle intenzioni e questo è lecito ognuno ha la propria visione delle cose ma la prossima volta provane almeno uno degli oggetti prima di farle.
    È un consiglio perché poi si rischia di essere considerato quello che le spara più grosse nei bar.
  • morrisvetmorrisvet
    Posts: 3,498Member
    Cano said:

    morrisvet said:

    Cano said:

    morrisvet said:

    Cano said:

    È che ne hanno 2
    Questo è sempre più aggiornato

    http://www.lector-audio.com



    Piccolo OT per Cano : come vedresti un Lector zoe+ VM 200 al posto di un supernait 2 per pilotare una coppia di Harbeth M 40.2 ? Grazie


    Dipende quello che cerchi
    Il Lector è più luminoso, una voce meravigliosa, un buon basso
    Il naim è più grintoso, il basso è più possente e anche più articolato
    Non ho mai provato ma non credo che i Lector abbiano difficoltà con le harbeth...io con i vecchi mla+vm150 pilotavo le atc...e ancora oggi sono pentito di averli venduti




    Non mi toccate il basso B-) grazie mille !


    E allora puoi solo salire nel catalogo naim


    :)>-
  • imaginator
    Posts: 2,078Member

    "Imaginator"scusa come la solita solfa sul prezzo del hi fi? Io dico solo che quel cavo non è un cavo coperto da brevetto, e non è il frutto di una progettazione proprietaria perché se fosse stato così non avrei fatto nessuna critica . Essendo invece un cavo speciale per cablaggi industriali ,e naim lo ha adottato per collegare le alimentazioni, facendolo pagare una cifra assurda. Io ritengo scorretto è ingiustificato per cui ritengo giusto esprimere il mio disappunto , poi siamo liberi di pagare ad esempio un cavo Ethernet 10.000,00 euro ,perché è marchiato che so Gryphon , ma sempre di cavo da pochi euro si tratta. Ma anche le alimentazioni naim hanno un bassissimo rapporto qualità prezzo meglio molto meglio un TeddySuperCap è costa un quarto del prezzo



    Per di là ci passa anche il segnale non solo l'alimentazione, siamo sicuri che sia esattamente lo stesso cablaggio e lo stessa qualità dei cavi all'interno della guaina? Magari sarà anche così, ma magari no. Tu hai potuto verificare questo? Poi possiamo dire che tutti i cavi siano essi  di alimentazione di interconnessione o di potenza soffrono proposti nell'hifi soffrono di un "leggero" sovrapprezzo.           
    Per la qualità delle alimentazioni, non ti saprei dire se vada meglio un supercar DR o un TeddySupercap che costa un terzo del prezzo, io penso di no, però siccome non l'ho provato non mi pronuncio. Un pensiero su due piedi però lo esternerei. Il teddycap lo prendi direttamente dal costruttore/distributore, non ha l'organizzazione commerciale, di distribuzione locale nei vari paesi, di pubblicità , di assistenza tecnica e nemmeno il grado di finitura estetica del case che Naim ha, queste sono cose che in qualche maniera giustificano la differenza di prezzo, che per confronto onesto dovrebbe essere fatta su piazza e listino UK, non su quella italiano.



    Post edited by imaginator at 2017-09-14 16:55:10
  • Renzio
    Posts: 102Member
    Buona giornata Imaginator
    È un dato di fatto che gli alimentatori naim siano il fiore all'occhiello di questa azienda che ha dietro un dipartimento di ricerca che si occupa principalmente di questo aspetto perché sono anche gli elementi più critici in assoluto.
    Dunque riassumendo ricerca dei migliori da implementare e stessa implementazione quindi ricerca ed 'implementazione separata.
    In tutto questo il signor Teddy cosa c'entra?
  • mas 65
    Posts: 916Member
    crosby said:

    mas 65 said:

    Crosby, che lettore e casse hai? Stanza?che musica ascolti?...
    Saluti massimo



    sono vintagista, kef c40 + denon dv1930 +luxman pd 264, salotto 6 x 3.5, rock,jazz,classica


    Exposure super xv phono 60 w, no telecomando avuto e direi ottimo phono...usato 5-600 euri

    Exposure suer xxxv telecomando phono, 80w (ho letto le misure in rete 98w -170 w 8-4 ohm) ascoltato con harbet monitor 30 ...ottimo
    1200-1400 usato

    Pre- finale exposure xxiii -xxviii 75w non sono sicuro se abbia il phono , telecomando
    1600-1700 usati

    Saluti massimo

  • Ste73
    Posts: 1,821Member

    Per me naim ha prezzi molto troppo alti rispetto alla qualita dei suoi prodotti. Calcola che uno yamaha as2100 lo prendi a 2000euro e non ha nulla da invidiare ad un naim xs2 anzi.



    Vero che si paga caro, ma come modo di suonare il naim 5i si è sbranato un as1000, fu il test che i fece approdare all xs. Il jap suonava smorto, spento. Il 5i cantava e ballava....
  • leikaleika
    Posts: 2,079Member
    Se parliamo di prezzi alti, senza offesa questo è un problema che riguarda tutto il sistema dell hi-fi
    Avevo adocchiato un tavolo porta elettroniche, in pratica costa quando un naim XS
    Post edited by leika at 2017-09-14 22:38:34
  • Lamberto7276Lamberto7276
    Posts: 220Member
    Ste 73 sicuramente il naim 5I suona molto meglio dello yamaha as1000. Ho posseduto questo yamaha per 4anni in un secondo impianto e suonava male suono affaticante, e ad alti volumi il suono si impastava , il monrio mc 207 che avevo nel l'impianto principale era di un altro pianeta al confronto. Ma yamaha a s 2100 non ha nulla a che spartire col 1000 ,ho avuto modo di fare vari confronti perfino col norma ipa 70 e diciamo che se la batte alla pari se non un pelino meglio per I miei gusti , e oggi si prende traquillamente a 1900 euro ,il naim xs 2 costa almeno 400euro in piu
  • Ste73
    Posts: 1,821Member
    Cano said:

    Ant68 said:

    per esempio questo è un XPS che costa oltre 5.000 euro

    Se pensi cio' che puoi fare con una cifra del genere oggi ti rendi conto che spesso l'hi fi è fumo negli occhi

    image


    Questa è la xps dr
    Non è roba da poco
    Prova a portare lo schema ad un bravo tecnico, la fai clonare e poi la confronti...


    Ciao Cano,
    Si la qualità dei componenti sarà anche ottima e il risultato eccelso, ma pur da naimista e ahimè da progettista conosco il costo dei mstetiali e un regolatore lineare anche a discreti lo si progetta senza gran sforzo... 5k sono davvero troppi

    Ste 73 sicuramente il naim 5I suona molto meglio dello yamaha as1000. Ho posseduto questo yamaha per 4anni in un secondo impianto e suonava male suono affaticante, e ad alti volumi il suono si impastava , il monrio mc 207 che avevo nel l'impianto principale era di un altro pianeta al confronto. Ma yamaha a s 2100 non ha nulla a che spartire col 1000 ,ho avuto modo di fare vari confronti perfino col norma ipa 70 e diciamo che se la batte alla pari se non un pelino meglio per I miei gusti , e oggi si prende traquillamente a 1900 euro ,il naim xs 2 costa almeno 400euro in piu



    Grazie per la tua esperienza, se mi capita a tiro un 2100 proverò ad ascoltarlo per farmi una idea. E' sicuramente diverso nello stadio finale dal AS1000, questo è a BJT mentre il 2100 è a Mosfet, per il resto penso vi siano parecchie analogie almeno a livello di schema a blocchi, molto più complesso che un Naim il quale fa della semplicità un punto di forza (ma anche di svantaggio, mancano ad esempio le protezioni casse...).
  • Cano
    Posts: 23,462Member
    Stefano, la naim ha impiegato anni a mettere a punto quel regolatore
    Per progettarlo non è un problema...Il problema è farlo suonare secondo i loro standard
    Tutto il tempo che hanno impiegato era per evitare l'effetto tappo su micro e macro dinamica

    Come non è roba da poco quel trafo

    Poi è ovvio che non ci sono dentro 5k di roba
    Post edited by Cano at 2017-09-15 21:14:11
  • Ste73
    Posts: 1,821Member
    Cano said:

    Stefano, la naim ha impiegato anni a mettere a punto quel regolatore
    Per progettarlo non è un problema...Il problema è farlo suonare secondo i loro standard
    Tutto il tempo che hanno impiegato era per evitare l'effetto tappo su micro e macro dinamica

    Come non è roba da poco quel trafo

    Poi è ovvio che non ci sono dentro 5k di roba



    Ciao, immagino non abbiano preso quella strada a cuor leggero, prima usavano regolatori integrati commerciali, avranno fatto molte prove di ascolto per il DR. I trasformatori per quanto ben realizzati costano in base ai VA, pensa che un trasfo industriale da 40000VA costa mille euro e pesa circa 150kg... Trovo molto più onesto il supernait a pari listino per quello che offre, e a bordo ha un buon alimentatore più tutto il resto.
    Buona serata
  • Renzio
    Posts: 102Member
    Buona sera Cno e ste 73
    Esattamente sanno il fatto loro.
    E si paga per quello che è
    Molto ragionevole e fin troppo poco per le altissime prestazioni.
  • Cano
    Posts: 23,462Member
    Ste73 said:

    Cano said:

    Stefano, la naim ha impiegato anni a mettere a punto quel regolatore
    Per progettarlo non è un problema...Il problema è farlo suonare secondo i loro standard
    Tutto il tempo che hanno impiegato era per evitare l'effetto tappo su micro e macro dinamica

    Come non è roba da poco quel trafo

    Poi è ovvio che non ci sono dentro 5k di roba



    Ciao, immagino non abbiano preso quella strada a cuor leggero, prima usavano regolatori integrati commerciali, avranno fatto molte prove di ascolto per il DR. I trasformatori per quanto ben realizzati costano in base ai VA, pensa che un trasfo industriale da 40000VA costa mille euro e pesa circa 150kg... Trovo molto più onesto il supernait a pari listino per quello che offre, e a bordo ha un buon alimentatore più tutto il resto.
    Buona serata


    Non sono normali trafi
    Hanno fino a 5 avvolgimenti secondari per poter alimentare fino a 7 stadi differenti

    Ci sono diversi costruttori che clonano la xps, così come gli altri, alcuni vanno veramente molto bene...nessuno va come i naim
  • Ste73
    Posts: 1,821Member
    Cano said:

    Ste73 said:

    Cano said:

    Stefano, la naim ha impiegato anni a mettere a punto quel regolatore
    Per progettarlo non è un problema...Il problema è farlo suonare secondo i loro standard
    Tutto il tempo che hanno impiegato era per evitare l'effetto tappo su micro e macro dinamica

    Come non è roba da poco quel trafo

    Poi è ovvio che non ci sono dentro 5k di roba



    Ciao, immagino non abbiano preso quella strada a cuor leggero, prima usavano regolatori integrati commerciali, avranno fatto molte prove di ascolto per il DR. I trasformatori per quanto ben realizzati costano in base ai VA, pensa che un trasfo industriale da 40000VA costa mille euro e pesa circa 150kg... Trovo molto più onesto il supernait a pari listino per quello che offre, e a bordo ha un buon alimentatore più tutto il resto.
    Buona serata


    Non sono normali trafi
    Hanno fino a 5 avvolgimenti secondari per poter alimentare fino a 7 stadi differenti

    Ci sono diversi costruttori che clonano la xps, così come gli altri, alcuni vanno veramente molto bene...nessuno va come i naim


    Lungi da me voler polemizzare con te, ma ti assicuro che avere più secondari nei trasformatori è prassi comune, come avere uno schermo di terra. Queste due caratteristiche alzano il prezzo ma ragionevolmente rispetto a trasformatori più semplici, con minor numero di secondari. Naim usa come tutti gli altri trasformatori tradizionali a 50Hz, moltop più semplici da progettare in quanto puoi trascurare effetto pelle e prossimità per potenze nell'ordine di quelle di un alimentatore XPS o Supernait che si voglia. Si tratta di dimensionare il nucleo a seconda del punto di lavoro che si desidera (più o meno vicino alla saturazione) e filo per pri/sec, isolamenti ed eventuali schermi tra gli avvolgimenti o distanze tra essi. Talema che li produce ha sedi produttive in repubblica Ceca e India fa design custom a piacimento inclusi quelli di ottima qualità, come per Naim:

    http://www.talemagroup.com/about-us

    Non scandalizziamoci, anche i semiconduttori utilizzati sono spesso costruiti dai grandi produttori in facilities orientali o delocalizzate. L'Iphone è made in china e nessuno ne discute la qualità.

    Il progetto del trasformatore è fatto congiuntamente con il fornitore su richieste dei clienti, che poi testano i prototipi e li approvano per mass production.

    Quello che Naim mette solitamente è una cura e ricerca del suono come da loro tradizione, di certo avranno provato più prototipi prima di giungere al risultato voluto, e questo costa moltissimo, un'ora di engineering costa ad una azienda media italiana 70/80 euro all'ora e spendere ore uomo nei progetti si paga, questo e la cura costruttiva e selezione dei componenti (ammettendo che così sia) in parte mi porta a giustificare il costo elevato di alcuni prodotti che non dimentichiamo sono di nicchia e per rientrare dalle spese di sviluppo l'unico modo è farseli pagare...

    un caro saluto


  • Lamberto7276Lamberto7276
    Posts: 220Member
    I prezzi dei componenti hi fi hi end esulano totalmente di costi produttivi , progettazione ,ricerca , costi dei componenti. ogni marchio si posiziona strategicamente in una fascia di prezzo indipendente dai costi vivi per produrre quel componente , questo avviene perché i potenziali acquirenti non sono persone tradizionali ma persone che hanno passione per l'hi fi ,e cercano esclusività , qualità dei dettagli , e status symbol del prodotto, sembrerà strano ma uno dei fattori fondamentali per dar prestigio a un brend hi fi è proprio il prezzo, più della qualità del suono e del desain , se ad esempio un supernait 2 invece dei 5000 euro che costa fosse venduto a 500 euro sarebbe considerato non un integrato di alto livello ma ,un discreto ampli entri level , strasicuro , in hi fi regnano le stesse leggi dell'orologeria , un citizen da 300 euro è considerato una schifezza a confronto ad un Audemars Piguet ,a prescindere .
  • leikaleika
    Posts: 2,079Member

    I prezzi dei componenti hi fi hi end esulano totalmente di costi produttivi , progettazione ,ricerca , costi dei componenti. ogni marchio si posiziona strategicamente in una fascia di prezzo indipendente dai costi vivi per produrre quel componente , questo avviene perché i potenziali acquirenti non sono persone tradizionali ma persone che hanno passione per l'hi fi ,e cercano esclusività , qualità dei dettagli , e status symbol del prodotto, sembrerà strano ma uno dei fattori fondamentali per dar prestigio a un brend hi fi è proprio il prezzo, più della qualità del suono e del desain , se ad esempio un supernait 2 invece dei 5000 euro che costa fosse venduto a 500 euro sarebbe considerato non un integrato di alto livello ma ,un discreto ampli entri level , strasicuro , in hi fi regnano le stesse leggi dell'orologeria , un citizen da 300 euro è considerato una schifezza a confronto ad un Audemars Piguet ,a prescindere .



    Con tutto rispetto, non sono d'accordo
  • Renzio
    Posts: 102Member
    Buona serata Lamberto
    Ti contraddici.
    L'esempio prezzato dell elettronica naim che dici tu è pure fantasia.
    E di conseguenza l'estensione del ragionamento al mondo dell'hifi.
  • imaginator
    Posts: 2,078Member
    A occhio e croce Naim venderà a circa 1000/1100  Pounds + VAT( la nostra Iva) un Supernait 2 all'importatore di turno . Prezzo esagerato? Forse, ma forse, anzi, sicuro anche no, visti i numeri in gioco. Ad ogni passaggio della filiera il prezzo raoddoppia o quasi, facciamo due conti. poi c'è lo sconto,  ci sono le tasse, gli insoluti ecc..Io non voglio difendere nessuno, ma cerchiamo di comprendere di cosa stiamo parlando. Vorrei vedere i bilanci di Naim, che spero siano con utili al top, con 170 dipendenti non lo so. 
    Post edited by imaginator at 2017-09-16 21:05:40
  • leikaleika
    Posts: 2,079Member

    A occhio e croce Naim venderà a circa 1000/1100  Pounds + VAT( la nostra Iva) un Supernait 2 all'importatore di turno . Prezzo esagerato? Forse, ma forse, anzi, sicuro anche no, visti i numeri in gioco. Ad ogni passaggio della filiera il prezzo raoddoppia o quasi, facciamo due conti. poi c'è lo sconto,  ci sono le tasse, gli insoluti ecc..Io non voglio difendere nessuno, ma cerchiamo di comprendere di cosa stiamo parlando. Vorrei vedere i bilanci di Naim, che spero siano con utili al top, con 170 dipendenti non lo so. 



    Un amico mi raccontava che hanno un grande centro di ricerca , anche questo costa !