avviare moto con macchina e cavi batteria
  • tonistartonistar
    Posts: 1,254Member
    Salve, scusate l'ignoranza ma potreste spiegarmi passo passo come far partire una moto cui causa fari accesi la batteria è scarica (anche sen on del tutto) utilizzando i classici cavi nero rosso ed una macchina?
    Scusate ma non saprei cosa collegare...cavo rosso o cavo nero (o meglio polo positivo o negativo al di là del colre del cavo) e poi prima moto o prima machcina? a motore macchina acceso o spento? rischio qualcosa?
    Grazie per chiunque riesca a darmi una mano..altrimeni domattina la vedo dura partire in moto per andare al lavoro
    sigh!
    Toni
  • miromiro
    Posts: 3,145Member
    A motore spento collega per primo il cavo rosso al posititvo della moto e poi al positivo dell'auto, poi collega il cavo nero al negativo della moto e al negativo dell'auto facendo bene attenzione a non far toccare i due cavi.
    A questo punto metti in moto l'auto e se c'è un'altra persona con te falla agire un pochino sull'acceleratore, ora puoi tentare di avviare la moto.

    Roberto


    Roberto
  • ismaeleismaele
    Posts: 946Member
    quote:
    Salve, scusate l'ignoranza ma potreste spiegarmi passo passo come far partire una moto cui causa fari accesi la batteria è scarica (anche sen on del tutto) utilizzando i classici cavi nero rosso ed una macchina?
    Scusate ma non saprei cosa collegare...cavo rosso o cavo nero (o meglio polo positivo o negativo al di là del colre del cavo) e poi prima moto o prima machcina? a motore macchina acceso o spento? rischio qualcosa?
    Grazie per chiunque riesca a darmi una mano..altrimeni domattina la vedo dura partire in moto per andare al lavoro
    sigh!
    Toni


    Cavetto rosso tra polo + della batteria dell'auto e polo + di quello della moto
    e - viceversaimage
    Tutto a motori spenti!
    Poi avvia il motore dell'auto e indi quello della moto.
    Puoi staccare appena il motore "tiene".
    1)non far toccare tra loro le pinze.
    2)Non collegare positivo con negativo(sembra impossibile eppure una volta mi e' successo!)image
    3)Non spegnere il motore della moto, prima di farlo, marcia per qualche kilometro
    4)Se la batteria e' "andata" alla ripartenza NON si avviera'.

    (Il mio guru(meccanico moto) mi dice CHE NON S'HA DA FARE).

    Ciao

    Ismaele
  • tonistartonistar
    Posts: 1,254Member
    grazie ragazzi!
    Provo ad accenderla tra poco in discesa in seconda e se non va tento coi cavi
    Toni
  • tonistartonistar
    Posts: 1,254Member
    riuscito a farla partire in discesa in seconda (classico metodo a "spinta"..bene ora sembra si sia ricaricata...vedremo stasera e domani..
    Grazie per l'aiuto
    Toni
  • l_pisani_54l_pisani_54
    Posts: 5,449Member
    IMPORTANTE!
    I motori di oggi, zeppi di centraline e componenti elettronici richiedono qualche precauzione: molte case consigliano di collegare il negativo ad una massa (parte metallica del motore) e non direttamente al morsetto della batteria.
    Addirittura, in molte macchine, lo scollegare la batteria può provocare danni e malfunzionamenti, infatti andrebbe usato, quando si cambia la batteria, un dispositivo che mantiene comunque la tensione mentre si smonta quella vecchia.

    buona musica

    Leonardo
  • Fabio CottatellucciFabio Cottatellucci
    Posts: 17,453Moderator, Redazione
    Mi hai tolto le parole dalla... tastiera.

    Quando si stacca una batteria bisogna sincerarsi di aver disattivato la centralina dell'antifurto se la sirena è autoalimentata (sennò sai che concerto), ed alcune case aggiungono altre cautele: quella dell'alimentazione costante, come dicevi, ma anche ad esempio (nella mia) quella di non scollegare la batteria senza aver tolto la chiave dal quadro per almeno mezzo minuto.

    Quanto alla procedura di collegamento, mi risulta che essa vada eseguita col motore del "donatore" acceso, e secondo la seguente sequenza di applicazione dei coccodrilli: rosso batteria carica, rosso batteria scarica, nero batteria scarica, massa del veicolo con batteria carica diversa dal polo negativo della sua batteria (tipicamente, si "pinza" qualche flangia del carter della trasmissione o del blocco motore).
    Un audiofilo che si concentra sui cavi del suo stereo è come una coppia che va fuori tutte le sere: sembra che si divertano ma c'è qualcosa che non va nel rapporto.
  • MAXXIMAXXI
    Posts: 9,542Member
    quote:
    Mi hai tolto le parole dalla... tastiera.

    Quando si stacca una batteria bisogna sincerarsi di aver disattivato la centralina dell'antifurto se la sirena è autoalimentata (sennò sai che concerto), ed alcune case aggiungono altre cautele: quella dell'alimentazione costante, come dicevi, ma anche ad esempio (nella mia) quella di non scollegare la batteria senza aver tolto la chiave dal quadro per almeno mezzo minuto.

    Quanto alla procedura di collegamento, mi risulta che essa vada eseguita col motore del "donatore" acceso, e secondo la seguente sequenza di applicazione dei coccodrilli: rosso batteria carica, rosso batteria scarica, nero batteria scarica, massa del veicolo con batteria carica diversa dal polo negativo della sua batteria (tipicamente, si "pinza" qualche flangia del carter della trasmissione o del blocco motore).


    Aggiungo anche che è bene che il motore del donatore sia spento e naturalmente con batteria ben carica. Questo perchè una volta che l'alternatore del "salvato" entra in funzione potrebbe interferire col circuito di ricarica del donatore con possibili problemi a qualche centralina un pò sensibile tipo ABS o altre. Questo è quanto mi ha raccomandato la mia assistenza Alfa Romeo dopo che avevo dovuto ricorrere ad un donatore per la mia 156 con batteria andata giù all' improvviso.Non è successo niente , con i due motori accesi , però sono stato sgridato....e naturalmente seguirò i consigli per il futuro image

    Saluti
    Massimo
  • l_pisani_54l_pisani_54
    Posts: 5,449Member
    Aggiungo una cosa sulle partenze a spinta.
    Le auto di oggi sono tutte dotate di una pompa del carburante elettrica immersa nel serbatoio. Se la batteria è completamente a terra, la benzina non arriverà mai agli iniettori, tralasciando poi il problema che l'iniezione è elettronica e richiede energia elettrica per funzionare, per non parlare di centraline e compagnia bella.
    Se l'auto non parte ma la corrente arriva, il tentativo di avviarla a spinta è utilissimo per farla partire ingolfata, con un bel po' di benzina incombusta nello scarico, utilissima per "cuocere a puntino" il catalizzatore.
    Chi ha dovuto sostituire il catalizzatore sa quanto sia divertente.

    buona musica

    Leonardo
  • wowwow
    Posts: 15,508Member
    leggendo questo 3ad mi è tornata in mente la mitica vespa di un tizio che conoscevo (parliamo di più di 30 anni fa, quindi avviamento rigorosamente a pedale) che a volte, ingranata la prima, aveva il "difetto" di partire in retromarcia :-)


    ciaO!
    antonio
    antonio dp
    Into the blue again/in the silent water
  • MAXXIMAXXI
    Posts: 9,542Member
    quote:
    Aggiungo una cosa sulle partenze a spinta.
    Le auto di oggi sono tutte dotate di una pompa del carburante elettrica immersa nel serbatoio. Se la batteria è completamente a terra, la benzina non arriverà mai agli iniettori, tralasciando poi il problema che l'iniezione è elettronica e richiede energia elettrica per funzionare, per non parlare di centraline e compagnia bella.
    Se l'auto non parte ma la corrente arriva, il tentativo di avviarla a spinta è utilissimo per farla partire ingolfata, con un bel po' di benzina incombusta nello scarico, utilissima per "cuocere a puntino" il catalizzatore.
    Chi ha dovuto sostituire il catalizzatore sa quanto sia divertente.

    buona musica

    Leonardo


    Leonardo , sei competentissimo , complimenti. Beh, anche io sono un appassionato di motori e conosco le casistiche che hai elencato.

    Saluti e ottima musica ,anche a 6000 giri....

    Massimo
  • stefaninostefanino
    Posts: 19,969Member
    quote:
    leggendo questo 3ad mi è tornata in mente la mitica vespa di un tizio che conoscevo (parliamo di più di 30 anni fa, quindi avviamento rigorosamente a pedale) che a volte, ingranata la prima, aveva il "difetto" di partire in retromarcia :-)


    ciaO!
    antonio



    Il motore a due tempi di per se' puo' "girare al contrario".

    Ciao
    Stefanino

    Ciao. Stefanino
  • longjohnsilver54longjohnsilver54
    Posts: 393Member
    quote:
    riuscito a farla partire in discesa in seconda (classico metodo a "spinta"..bene ora sembra si sia ricaricata...vedremo stasera e domani..
    Grazie per l'aiuto
    Toni


    Penso sia meglio così.
    Molti sostengono che l'operazione con la batteria di un'auto e quella, ricevente, di una moto sia poco consigliabile e che potresti compromettere la batteria della moto, soprattutto se si tratta di batteria al gel.

    Quando ho avuto lo stesso problema con lo scooter, il meccanico Yamaha mi ha consigliato caldamente una ricarica lenta con apposito carica batteria (o mantenitore di carica elettronico), anche per evitare danni ai circuiti.

    Non so fino a che punto sia valida questa considerazione, forse è un problema di intensità di corrente scaricata.




    Romano
This discussion has been closed.
Tutte le discussioni