Vi aspettiamo tutti sul nuovo sito https://melius.club Nelle prossime ore metteremo a punto i particolari e lanceremo il redirect automatico ma il buffet è già aperto :-)
La Donna che Canta (Netflix)
  • ordelleordelle
    Posts: 396Member
    Bel film di Villneuve.....(É su Netflix) dategli un'occhiata perché merita assolutamente la visione.
  • analogico_09analogico_09
    Posts: 22,597Member
    Non l'ho visto.., ottimo che sia su Netflix, non me lo perdo...
  • gug74gug74
    Posts: 6,031Member
    Merita di essere visto.
  • medusamedusa
    Posts: 3,544Member
    E tratto da un opera teatrale, "Incendi" che ho avuto la fortuna di vedere a teatro qualche anno fa. Meravigliosi e toccanti entrambi. 

    un sorriso
    enzo
  • mozarteum
    Posts: 52,768Member
    Scusate in che sezione lo trovo? Titolo in inglese o?
  • gug74gug74
    Posts: 6,031Member
    mozarteum said:

    Scusate in che sezione lo trovo? Titolo in inglese o?


    Scelti per Roberto.
  • Mahificamente
    Posts: 31Member
    Visto, non male. Sicuramente da vedere.
  • ordelleordelle
    Posts: 396Member
    mozarteum said:

    Scusate in che sezione lo trovo? Titolo in inglese o?



    Basta che cerchi: La donna che canta
  • kaukokauko
    Posts: 24,261Member

    martedì 3 ottobre:

    Rai Movieh 22:50LA DONNA CHE CANTA
  • stanzanistanzani
    Posts: 20,097Member
    Incedies: gran film canadese
  • briandinazareth
    Posts: 43,977Member
    film molto duro e bello
    Post edited by briandinazareth at 2017-10-04 17:13:02
  • analogico_09analogico_09
    Posts: 22,597Member
    Le cose che più mi hanno colpito di La Donna che canta.
    Una a storia dura , realistica, "straordinaria" in fondo "semplice" e lineare, genialmente scritta e raccontata con l'artificio delle "scatole cinesi" non per "complicare" bensì per mettere in scena il passato e il presente che si alternano senza soluzione di continuità, senza i risaputi flashback e altre transizioni narrative e visive atte a separarli, come se passato e presente fossero un'unica e coincidente dimensione temporale, spaziale e psichica.

    Impresa non facile quella di incastrare tra di loro i vari blocchi tramici senza compromette il ritmo della messinscena, che scorre fluido e senza increspature nonostante i 130' di durata, nè il comparto immaginifico geometrico e rigoroso, tuttavia mai arido, mai schematico e ridondante, mentre il flusso delle profonde e devastanti emozioni attraversa linearmente il tempo e le geografie fisiche e mentali senza scadere nel sentimentalismo ricattatorio, nell'esibizione spettacolare e compiaciuta della violenza e del dolore.

    L'ottimo cast di interpreti, la musica, la fotografia, tutto aderisce perfettamente al senso formale  e contenutistico di una rappresentazione di scarnificante lirismo  che contiene un "morale della favola" aperta/chiusa (EWS) così "scandalosa", ineluttabile e fatale come una tragedia greca, con tanto di agnizione finale, da "costringere" lo spettatore a chiedersi se vi sia o meno una posibilità di catarsi...
    Capolavoro!
    Post edited by analogico_09 at 2017-10-27 11:48:19
  • medusamedusa
    Posts: 3,544Member
    Se il teatro di Sardegna rimettesse in scena "Incendi", da cui il film è stato tratto, sarebbe da non perdere. Qui sotto un filmato di presentazione della piéce del 2015, con le parole del regista. 


    un sorriso
    enzo
  • analogico_09analogico_09
    Posts: 22,597Member
    Non dubito che la rappresentazione teatrale sia interessante, ma si parla del film che pur basato sullo stesso testo è tutt'altra e incomparabile realtà estetica.