PL36 come valvola audio
  • madlifox
    Posts: 849Member
    Dopo svariati anni, mi è tornata la voglia di cimentarmi con le valvole. Mi piacerebbe realizzare un amplificatore utilizzando come finali le PL36, degli economici pentodi a fascio nati come finali di riga nei televisori. In una circuitazione push-pull, con dei trasformatori di uscita di qualità e un pilotaggio adeguato secondo me se la possono battere ad armi pari con le più blasonate EL34 o KT88. Qualche autocostruttore ha già "giocato" con questi tubi? Con quali risultati? Grazie a chi vorrà contribuire.
  • Lemmy80Lemmy80
    Posts: 2,159Member
    La Gabri's amp costruisce un integrato con queste valvole!mai ascoltato purtroppo. ..ma se un costruttore le usa,vuol dire che è sicuro del risultato...personalmente non so se comprerei un amplificatore con queste valvole perché mi sembrano comunque più difficili da reperire delle el34.
  • madlifox
    Posts: 849Member
    La PL36 è una valvola nata per uso video, era presente praticamente in tutti i televisori degli anni '60 e veniva "tirata per il collo" per pilotare la deflessione. A causa di questo utilizzo "al limite" si esauriva velocemente, ogni due-tre anni era da sostituire e i ricambisti erano ben forniti. Ne hanno costruite a vagonate.
  • Lemmy80Lemmy80
    Posts: 2,159Member
    Si certo...nos c'è ne sono un sacco effettivamente. ..di nuova produzione non credo...cmq si è una valvola interessante e abbastanza economica molto adatta per un autocostruttore.Se posso fare una domanda,visto che te ne intendi,perché un push pull e non un single ended?
  • madlifox
    Posts: 849Member
    Penso a push-pull per avere più potenza. Nel frattempo ho trovato in rete un documento in francese che parla della EL36, nel quale si dice testualmente che tra questa valvola e l'alta fedeltà c'è assoluta incompatibilità e che non si riesce a scendere sotto il 5% di distorsione armonica. Il Gabri's l'ho visto, è interessante e dichiara una distorsione minore dell1%. Quando sarò a casa confronterò con calma le caratteristiche della PL36 e della EL36. Di solito la differenza tra le valvole della serie "E" e quelle della serie "P" consiste nell'accensione dei filamenti, in parallelo a tensione costante per le prime e in serie a corrente costante per le seconde.
  • martinogall
    Posts: 2,385Member
    Dovrebbe essere "interessante" la configurazione a pseudo triodo, se trovi le curve caratteristiche ci potresti fare un pensierino.
  • RiminiRimini
    Posts: 990Member
    Lemmy80 said:

    Si certo...nos c'è ne sono un sacco effettivamente. ..di nuova produzione non credo...cmq si è una valvola interessante e abbastanza economica molto adatta per un autocostruttore.Se posso fare una domanda,visto che te ne intendi,perché un push pull e non un single ended?



    Ma anche queste andranno sparendo e se qualcuno si accorge sono economiche e suonano bene, presto potrebbero salire di prezzo.

    15 anni fa nessuno voleva le Fivre e le trovavi a prezzi ridicoli. Oggi hanno raggiunto prezzi da collezionismo.
    td124 - fr54 - supex 900 mk4 - denon dl103 - manticore mantra anniversary - audioaero prima cd - viva audio LF2 - vtl mb125 - audiophysic virgo 2
  • groove
    Posts: 1,056Member
    Cìao,
    io pur non essendo un autocostruttore di elettroniche posseggo da qualche anno un single-ended costruito con due PL36 finali e una ECC81 preamplificatrice tutte Mullard. Ha tre trasformatori pare autocostruiti ben dimensionati. Il risultato è che è diventato il mio amplificatore di riferimento per tutti i diffusori ad alta efficienza che ho costruito e/o restaurato negli anni (con altoparlanti Saba, Grundig, Telefunken, Tesla, Sachsenwerk, ecc). Molto silenzioso, privo del benché mininimo hum e privo di microfonicità, dolce e delicato ma relativamente autorevole quando deve muovere coni in carta con motori in alnico e spider fenolico. In sintesi un ampli delizioso. Nel tempo mi sono anche procurato un set di PL36 Telefunken e un set Valvo... non si sa mai.