Per gli orfani di Zimerman
  • maverickmaverick
    Posts: 11,220Member
    urca ... ci voleva...
    sentite tutte e due dal vivo dal polacco, .. una ventina di anni fa ... meravigliose, anche se i ricordi sono ovviamente un po' annebbiati

    Post edited by maverick at 2017-08-23 00:26:08
  • IohannesIohannes
    Posts: 701Member
    Ascoltato or ora...la D 959: tempi mossi, fraseggio asciutto, impostazione antisentimentale. Ma non è che la ferma volontà di raschiare via affettazione e sentimentalismo ha come effetto collaterale il raschiar via anche gli affetti e i sentimenti più nobili? Sono molto perplesso da questa lettura così algida, quasi distaccata.
    Molto più convincente invece la D 960: lettura molto classica, in cui Zimerman mi sembra più avvicinabile agli interpreti di scuola tedesca, alla Brendel insomma, piuttosto che ai russi più visionari come la Yudina o Richer.
    Considerate le aspettative per il ritorno di Zimerman alle incisioni, confesso un po' di delusione.
    Lui naturalmente è un grandissimo, ma ammetto che come interprete preferisco lo Zimerman anni '80-'90 a quello attuale.
    Un saluto a tutti,

    Angelo
  • maverickmaverick
    Posts: 11,220Member
    Sottoscrivo Iohannes.
    Entusiastico apprezzamento per la 960, direi un'incisione "perfetta", in cui non c'è niente di criticabile, .. da mettere ai primi posti della discografia: lettura "classica", sommamente equilibrata,  nè troppo romantica, nè troppo fredda, da manuale: davvero mi ha soddisfatto al 100%.
    E invece anch'io sono rimasto un po' perplesso dalla 959, anche perchè è stata registrata negli stessi giorni, quindi non si può parlare di evoluzione stilistica dell'interprete, ..ma sembra veramente un altro pianista: lettura fredda, e tempi per me troppo veloci, soprattutto nel meraviglioso secondo movimento, che interpretato in maniera così lucida e un po' asettica perde molto, per me troppo, del suo fascino: mi sembra di risentire un po' il Pollini anni 80, che in Schubert non mi ha mai entusiasmato.
    Alla fine del movimento conclusivo il polacco sembra quasi pentirsi, .. e voler ritornare a dare un po' di "calore" alle note, .. ma l'impressione che resta è di una lettura "magra" , come un piatto senza grassi e senza zucchero.
    Scelta sua, .. perchè è pacifico che Zimerman,  il cui dominio della tastiera è assoluto, non si discute nemmeno, .. però lo ricordavo davvero più convincente vent'anni fa ( gli ho sentito suonare lo stesso pezzo più volte dal vivo,  anche se sono passati molti anni).
    Insomma, .. luci ed ombre... anche per me
    Un ultimo commento, doveroso, va alla qualità della registrazione , che trovo davvero eccezionale.
    Post edited by maverick at 2017-09-14 21:38:44
  • IohannesIohannes
    Posts: 701Member
    Anche Luca Ciammarughi ha avuto più o meno le nostre stesse opinioni ascoltando un recital con le due sonate accoppiate: http://www.classicaviva.com/blog/2016/04/10/schubert-secondo-zimerman/

    Un saluto a tutti,

    Angelo
  • maverickmaverick
    Posts: 11,220Member
    beh ...  ^:)^ ^:)^ ^:)^ ^:)^
    la dotta disquisizione di Ciammarughi non può certo essere messa a confronto con le mie povere impressioni da appassionato (e non da musicista o da critico musicale).
    Però alcuni aspetti sono abbastanza evidenti, .. e mi conforta averli seppure in parte individuati.
    detto questo, ..nella 959 continuo a preferire Lupu, .. cosa che non avrei mai ritenuto possibile qualche anno fa ....(e anche Sokolov, .. se è per quello)
    Post edited by maverick at 2017-09-18 23:40:04
  • gpbgpb
    Posts: 23,123Member
    maverick said:

    Sottoscrivo Iohannes.

    Entusiastico apprezzamento per la 960, direi un'incisione "perfetta", in cui non c'è niente di criticabile, .. da mettere ai primi posti della discografia: lettura "classica", sommamente equilibrata,  nè troppo romantica, nè troppo fredda, da manuale: davvero mi ha soddisfatto al 100%.
    E invece anch'io sono rimasto un po' perplesso dalla 959, anche perchè è stata registrata negli stessi giorni, quindi non si può parlare di evoluzione stilistica dell'interprete, ..ma sembra veramente un altro pianista: lettura fredda, e tempi per me troppo veloci, soprattutto nel meraviglioso secondo movimento, che interpretato in maniera così lucida e un po' asettica perde molto, per me troppo, del suo fascino: mi sembra di risentire un po' il Pollini anni 80, che in Schubert non mi ha mai entusiasmato.
    Alla fine del movimento conclusivo il polacco sembra quasi pentirsi, .. e voler ritornare a dare un po' di "calore" alle note, .. ma l'impressione che resta è di una lettura "magra" , come un piatto senza grassi e senza zucchero.
    Scelta sua, .. perchè è pacifico che Zimerman,  il cui dominio della tastiera è assoluto, non si discute nemmeno, .. però lo ricordavo davvero più convincente vent'anni fa ( gli ho sentito suonare lo stesso pezzo più volte dal vivo,  anche se sono passati molti anni).
    Insomma, .. luci ed ombre... anche per me
    Un ultimo commento, doveroso, va alla qualità della registrazione , che trovo davvero eccezionale.


    sto ascoltando ora e...mi viene da dire l'esatto opposto, dove il primo mov. della 960 sembra senza un filo logico (mentre sokolov vola....) e invece la 959 vola nel sublime
    Ciao Gian Paolo
  • GabrilupoGabrilupo
    Posts: 3,228Member
    Allora rimango con Arrau (cofanetto Philips con le ultime tre sonate)?
  • gpbgpb
    Posts: 23,123Member
    prova schiff
    Ciao Gian Paolo
  • GabrilupoGabrilupo
    Posts: 3,228Member
    Grazie. Ho alcune sonate da lui eseguite per Decca ed ebbi modo di sentirlo in concerto.
  • PanurgePanurge
    Posts: 26,105Member
    Magari Richter.
    "Noi i bogioma nen".
  • la432hzla432hz
    Posts: 50Member
    Io ho come riferimento Schnabel. Cinico?
  • gpbgpb
    Posts: 23,123Member
    non lo conosco in schubert (colmerò la lacuna...) ma schnabel è sempre schnabel... ;)
    certo la registrazione è quello che è
    Ciao Gian Paolo
  • la432hzla432hz
    Posts: 50Member
    ;)

    Anche con Schubert ... non solo con LVB
    https://www.amazon.it/Schubert-Piano-Sonatas-D959-D960/dp/B00GR9GWFU

    Seguo con interesse la discussione, una incisione meno datata mi piacerebbe averla.
    Ma sono curioso di sapere il vostro giudizio in confronto a Zimerman.
    Grazie
  • maverickmaverick
    Posts: 11,220Member
    gpb said:

    maverick said:

    Sottoscrivo Iohannes.

    Entusiastico apprezzamento per la 960, direi un'incisione "perfetta", in cui non c'è niente di criticabile, .. da mettere ai primi posti della discografia: lettura "classica", sommamente equilibrata,  nè troppo romantica, nè troppo fredda, da manuale: davvero mi ha soddisfatto al 100%.
    E invece anch'io sono rimasto un po' perplesso dalla 959, anche perchè è stata registrata negli stessi giorni, quindi non si può parlare di evoluzione stilistica dell'interprete, ..ma sembra veramente un altro pianista: lettura fredda, e tempi per me troppo veloci, soprattutto nel meraviglioso secondo movimento, che interpretato in maniera così lucida e un po' asettica perde molto, per me troppo, del suo fascino: mi sembra di risentire un po' il Pollini anni 80, che in Schubert non mi ha mai entusiasmato.
    Alla fine del movimento conclusivo il polacco sembra quasi pentirsi, .. e voler ritornare a dare un po' di "calore" alle note, .. ma l'impressione che resta è di una lettura "magra" , come un piatto senza grassi e senza zucchero.
    Scelta sua, .. perchè è pacifico che Zimerman,  il cui dominio della tastiera è assoluto, non si discute nemmeno, .. però lo ricordavo davvero più convincente vent'anni fa ( gli ho sentito suonare lo stesso pezzo più volte dal vivo,  anche se sono passati molti anni).
    Insomma, .. luci ed ombre... anche per me
    Un ultimo commento, doveroso, va alla qualità della registrazione , che trovo davvero eccezionale.


    sto ascoltando ora e...mi viene da dire l'esatto opposto, dove il primo mov. della 960 sembra senza un filo logico (mentre sokolov vola....) e invece la 959 vola nel sublime


    I pareri sono legittimamente diversi: sono contento di essere in compagnia di illustri opinionisti, .. ma se tutti avessimo gli stessi gusti, forse sarebbe un po' monotono: d'altronde anche su Pollini e su altri interpreti spesso abbiamo idee diverse;  ho cercato anche in parte di motivare le mie sensazioni, che confermo, ..ma la diversità di vedute resta .... quindi .... pazienza.

    Post edited by maverick at 2017-09-19 18:06:15
  • maverickmaverick
    Posts: 11,220Member
    Gabrilupo said:

    Allora rimango con Arrau (cofanetto Philips con le ultime tre sonate)?



    lo sto cercando da tempo immemore, .. ma mi pare sia fuori catalogo da tempo e non ci sia modo di recuperarlo,
    sbaglio ?
    Post edited by maverick at 2017-09-19 23:59:54