Vi aspettiamo tutti sul nuovo sito https://melius.club Nelle prossime ore metteremo a punto i particolari e lanceremo il redirect automatico ma il buffet è già aperto :-)
John Coltrane -- easy però
  • jakob1965
    Posts: 3,158Member
    Mi ritengo un uomo semplice - vivo già troppa complessità sul lavoro

    e quando ascolto musica (un poco di tutto) mi devo anche (non solo) rilassare e seguire la musica 

    In un recente treat ho scritto che reputo Coltrane difficile ma sono pronto a ricredermi e soprattutto a conoscerlo meglio.


    Ho questo CD di lui e questo devo dire mi piace molto - lo trovo piacevole - ne avete altri da consigliare in questa direzione?

    Vi ringrazio e speriamo cali il caldo (i classe A sono rigorosamente spenti)

    Jakob

    image


  • BazzaBazza
    Posts: 3,512Member
    Da quel poco che mi intendo di jazz, Cannonball Arderly con Something Else e Dexter Gordon con Go!
    Se puoi ascoltare le web radio ti consiglio TheJazzGroove.com
    Post edited by Bazza at 2017-06-17 19:34:41
  • Gabrilupo
    Posts: 3,454Member
    Tutta la produzione antecedente al periodo Impulse ed il suo unico lavoro per la Blue Note: Blue Train.
    Per la veritá puoi considerare anche i dischi Impulse anteriori ad Ascension, come quello che hai giá.
    Non trascurerei, se non li hai giá, anche i lavori del primo quintetto di Miles Davis e, naturalmente, Kind of Blue.
  • NAPOLI
    Posts: 668Member
    In duo con ellington,ottimo
  • landrupplandrupp
    Posts: 1,053Member
    Wayne Shorter "Speak no evil"
  • chicco98chicco98
    Posts: 3,590Member
    Crescent e' un altro capolavoro di Coltrane molto facile e piacevole
  • chicco98chicco98
    Posts: 3,590Member
    mi riferisco a questo

    image

    comunque anch'io ho il vinile di ballads e o trovo splendido
  • OTREBLAOTREBLA
    Posts: 5,935Member
    I dischi registrati per la Prestige:  Soultrane, Coltrane, Lush Life, Standard.

    Non ti deluderanno.

    Alberto.
    Post edited by OTREBLA at 2017-06-17 21:25:21
  • crosby
    Posts: 9,296Member
    BALLADS è un disco a se nella notevole discografia di JC. Per chi lo vuole easy io valuterei un preascolto dei titoli più facili, c'è ne sono altri uno o forse due titoli del genere "easy"
  • analogico_09analogico_09
    Posts: 22,597Member
    jakob1965 said:

    Mi ritengo un uomo semplice - vivo già troppa complessità sul lavoro


    e quando ascolto musica (un poco di tutto) mi devo anche (non solo) rilassare e seguire la musica 

    In un recente treat ho scritto che reputo Coltrane difficile ma sono pronto a ricredermi e soprattutto a conoscerlo meglio.


    Ho questo CD di lui e questo devo dire mi piace molto - lo trovo piacevole - ne avete altri da consigliare in questa direzione?

    Vi ringrazio e speriamo cali il caldo (i classe A sono rigorosamente spenti)

    Jakob

    Che dici, Jakob, devo sentirmi un po' chiamato in causa visto che la discussione su Coltrane scaturisce dal
    recentissimo scambio di opinioni nato tra te e me in altro topic? ;)
    Prima di contribuire con qualche suggerimento discografico vorrei chiarire una cosa.
    Dal titolo del topic mi sembra di capire che tu chieda consigli discografici solo sui dischi di Coltrane che vadano verso la direzione di un ascolto più "facile",  mentre sono stati citati anche dischi di altri musicisti.
    Per quanto riguarda la definizione "easy", usiamola pure tanto per capirci all"ingrosso", ma non c'è nulla di più improprio e lontano dalla musica di Coltrane, il quale anche nei lavori più "piacevoli", "orecchiabili" (diaciamo così...) sfodera una classe musicale, strumentale e lirica di assoluta profondità situata sotto la superficie immediatamente "piacevole" che nasconde "sottotestualità" pressochè inesauribili, tutte da scoprire ad ogni nuovo ascolto.
    Mi sto dilungando un pò con queste "premesse" visto che ti dichiari disposto a conoscere meglio Coltrane per la qual cosa molto modestamente e ben volentieri mi piacerebbe contribuire.
    Guarda, in tutta sincerità, con quella franchezza che mi è propria, sarei tentato di dire che se cerchi musica "rilassante" e "facile", Coltrane non è l'autore per te, ma non lo dirò perchè se ti piace molto Ballads, un gran disco "facile/difficile", di quelli che più lo riascolti e più hai cose nuove da scoprire, sei già a buon punto del lungo cammino di approfondimento e conoscenza all'interno dell'universo coltraniano che verso le più remote propaggini dell'infinito si fa indubbiamente, "necessariamente", trasfigurante, molto "astratto", ad immagine e somiglianza dell'"Infinito" stesso...
    Vorrei consigliarti un celebre capolavoro, tra i tanti di Coltrane, una delle pietre miliari del jazz "modale" (per iniziare verso una direzione, che forse ti è sconosciuta, diciamo pre-transitoria che non sia ancora "free", mi sembra perfetto) che sono certo apprezzerai, e magari se vorrai, dopo l'ascolto, se non lo conoscessi già, potremmo
    parlarne un pò

    My Favorite Things




    Post edited by analogico_09 at 2017-06-17 22:19:44
  • chicco98chicco98
    Posts: 3,590Member
    Però poi si approda a questo

    image

    imprescindibile 
  • iciogoodtimemusiciciogoodtimemusic
    Posts: 4,321Member
    "My favorite things" e "A love supreme" sono due dischi fantastici!!! ti si apre un universo parallelo...
  • analogico_09analogico_09
    Posts: 22,597Member
    chicco98 said:

    Però poi si approda a questo


    image

    imprescindibile 


    Direi, Icio e (edit)  chicco, una tappa obbligata, anzi obbligatoria! Molti anni fa feci la conoscenza di Coltrane, rimanendone folgorato, segnato a vita, prendendo di petto il suo Amore supremo... Arrivai al "free" jazz grazie a questo disco e successivamente a  My favorite things e a OM ...

    Post edited by analogico_09 at 2017-06-17 22:57:47
  • siebrandsiebrand
    Posts: 42,213Member
    All'inizio del 3D avrei Voluto dire "a love supreme".
    Ma poi ho pensato..."no non lo metto, è un disco fantastico, che risveglia anche in me, che son ateo, dei sentimenti religiosi".
    Dell'amore
    Supremo possiamo dire tutto, io credo... ma non che sia un disco facile. Non è "easy". È un opera d'arte talmente profondo che....
    Vabbeh. Son sempliciotto... mi mancano le parole per esprimere quello che davvero suscita in me, A Love Supreme...
  • analogico_09analogico_09
    Posts: 22,597Member
    Ma il "miracolo" non finisce lì.., quando diciano Coltrane non possiamo dimenticare la poderosa macchina melodica, armonico-ritmica che lo asseconda altrettanto genialmente

    Il primo quartetto
    McCoy Tyner, Jimmy Garrison, Elvin Jones... "IL" trio! (più celebre)

    Il secondo quartetto (fa un pò storia a parte.., non grande come il primo ma eccezionalmnete "funzionale" al nuovo corso coltraniano)
    Alice Coltrane, Jimmy Garrison, Rashied Alì

    Con questo secondo quartetto, con la partecipazione di Pharoah Sanders al flauto, vorrei proporre To Be, un brano "cameristico" delizioso, insolito, un mix di modalismo free/impressionistico, nonostante il titolo dell'album dal quale è tratto: Expression, magnifico dall'inizio alla fine. 
    To Be è un "gioco" a due strumenti che dialogano in solitaria e in contrappunto, in un flusso di sonorità "flautate", suggestive e remote; musica "antinarrativa", improvvisata, momentistica, fatta di sensazioni estatiche, esotiche, oniriche.., nè facile nè difficile, essa E'.., da ascoltare in silenzio e in concetrata partecipazione e penso che le orecchie abituate ad ascoltare la cameristica "classica, il rock "prog", l'"elettronica" non solo tedesca dei vari Schultz, Popol Vuh ecc, non dovrebbero incontrare particolari problemi. Io lo trovo molto rilassante... "sognante"...


    Post edited by analogico_09 at 2017-06-17 23:44:20
  • analogico_09analogico_09
    Posts: 22,597Member
    siebrand said:

     mi mancano le parole per esprimere quello che davvero suscita in me, A Love Supreme...



    Impossibile per tutti esprimere a parole ciò che solo il linguaggio musicale può esprimere, ci pensa la musica di Coltrane a farci vivere uno stesso, comune, "volo" emozionale...
  • jakob1965
    Posts: 3,158Member
    Bene ... bene

    Grazie !!!   Nuovi acquisti in vista - che cosa meravigliosa la musica
  • drummy
    Posts: 32Member

    .. Confesso che non ho idea se sia '' prima o dopo '' *Ballads*.. ma questo disco Impulse
    con cantante melodioso Johnny Hartman .+. sax di Coltrane NON deve mancare nella collezione.,!!
    Certamente (NON) si ascolta un sax melodioso+sdolcinato, ma essenziale e concreto.
    .. Bhèe, è un disco da acquistare, visto che nell' intera discografia di John Coltrane è (forse??)
    l' unico con un cantante... Ciao fabio ..-


    ,



    - , -
  • landrupplandrupp
    Posts: 1,053Member
    Se lo trovi, c'è anche il doppio lp in coppia con il chitarrista Kenny Burrel...molto molto valido, decisamente uno dei più "Easy" di Trane, come dici tu...
    Post edited by landrupp at 2017-06-18 03:35:59
  • JujuJuju
    Posts: 4,515Member
    Io aggiungo uno dei mie preferiti in assoluto: Ole` inciso per la Atlantic nel 1961. Si parte da degli influssi gitani per discostarsi dalla tonalita` classica, i modi flamenchi diventano refrain evanescenti che si ripetono durante tutto il brano, in sincrono o fuori tempo, alternandosi ad assoli che si intersecano rincorrendosi l'un l'altro senza sosta. L'idea originale era un inno comunista della guerra civile spagnola che nelle mani di Coltrane diventa un viaggio dalla materia allo spirito. Un disco che non finisce mai di stupire.

  • analogico_09analogico_09
    Posts: 22,597Member
    drummy said:


    .. Confesso che non ho idea se sia '' prima o dopo '' *Ballads*.. .. ma questo disco Impulse
    con cantante melodioso Johnny Hartman .+. sax di Coltrane NON deve mancare nella collezione.,!!



    Ballads è stato registrato nel '61, il J. Hartman nel '63, entrambi pubblicati dalla Impulse nel '63, l'anno in cui in Italia erano già apparsi i Beatles...
    Post edited by analogico_09 at 2017-06-18 09:04:02
  • il picchioil picchio
    Posts: 1,153Member
    Il primo disco di Coltrane che ho ascoltato è stato Africa Brass. Secondo me è uno dei meno ostici, soprattutto ovviamente la seconda facciata, ma anche la suite ( che è la parte migliore) non è troppo dura
  • crosby
    Posts: 9,296Member
    credo che ballads, quello con ellington e con hartman siano tre dischi a se  stanti. Fatti uscire per compiacere i gusti più orecchiabili degli ascoltatori e fare cassa. Tutti i dischi consigliati sono eccelsi, come lo è tutta la produzione di Coltrane, ma suppongo che i tre indicati prima possano essere la risposta giusta a chi ha aperto il 3ad 
  • Mister66Mister66
    Posts: 2,248Member
    Inizia con Giant Steps e Blue Train....
    Post edited by Mister66 at 2017-06-18 10:52:40
  • clapat71
    Posts: 1,361Member
    crosby said:

    credo che ballads, quello con ellington e con hartman siano tre dischi a se  stanti. Fatti uscire per compiacere i gusti più orecchiabili degli ascoltatori e fare cassa. Tutti i dischi consigliati sono eccelsi, come lo è tutta la produzione di Coltrane, ma suppongo che i tre indicati prima possano essere la risposta giusta a chi ha aperto il 3ad 



    +1
  • analogico_09analogico_09
    Posts: 22,597Member

    clapat71 said:

    crosby said:

    credo che ballads, quello con ellington e con hartman siano tre dischi a se  stanti. Fatti uscire per compiacere i gusti più orecchiabili degli ascoltatori e fare cassa. Tutti i dischi consigliati sono eccelsi, come lo è tutta la produzione di Coltrane, ma suppongo che i tre indicati prima possano essere la risposta giusta a chi ha aperto il 3ad 



    +1


    Mi riallacccio al post che quoto, che condivido nella sostanza e dal quale prendo spunto per fare qualche considerazione spero propositiva sulla musica e sulla figura di Coltrane
    Si faccesse "cassa" anche oggi con capolavori come quello in questione così ricco di musicalità, di feeling, di "sostanziose" raffinatezze, il panorama musicale non solo jazz discretamente depresso si farebbe molto ma molto più bello, ricco e stimolante. Oggi si fa troppo spesso cassa con le ruffianerie formali (entrambe cominciano con la "r" e finiscono con la "e", ma non sono la stessa cosa...) contenutisticamente vuote. 
    Sicuramente più "classico" e "orecchiabile" (caratteristica che non contrasta con la grandezza estetica dell'opera musicale) di altri album del "nostro", non credo che il Coltrane/Hartman sia stato concepito per "compiacere" il pubblico, anche se ne resta molto compiaciuto all'ascolto. Chi conosce un po' la biografia di Coltrane sa bene che egli, idem la maggior parte dei grandi del jazz, non scendeva a tali compromessi; anzi, nella seconda fase della sua parabola creativa Coltrane sceglie, coerente con se stesso, con la sua granitica, pura e incorrotta visione della musica, dell'arte, della poesia, della spiritualità, la via impopolare del free, dell'"astrattezza" musicale che, ancora oggi, anche qui, in questo forum, tiene lontani una gran parte di ascoltatori, anche quelli che apprezzano il "primo" Coltrane.
    Inoltre, la Impulse, che produce anche il Coltrane più "impegnativo" degli ultimi anni, fino alla sua prematura scomparsa  permette al geniale "collaboratore" di esprimersi nella massima, piena e totale libertà.
    Non serve suppongo precisare che Coltrane non si sia "nascosto" dietro il free perchè non sapeva suonare (ingiusta e assurda, spesso ottusa accusa che non di rado i detrattori del "free" lanciano sommariamente contro i musicisti impegnati nelle più impervie e roventi "atmosfere" della "new thing".)...
    In ultimo, la musica di Coltrane non è ma "ostica" ("difficile" magari si, in parte), siamo noi ascoltatori a essere "ostici" a lei... ;) 
    Post edited by analogico_09 at 2017-06-18 13:57:21
  • crosby
    Posts: 9,296Member
    peraltro ballads e il disco cantato, d'inverno con un buon bicchiere e una buona compagnia, si fanno apprezzare meglio di una coperta calda
    Post edited by crosby at 2017-06-18 13:56:07
  • analogico_09analogico_09
    Posts: 22,597Member
    Infatti Coltrane prima di realizzare i due dischi fece visita allo stabilimento Lanerossi per capire come avrebbe potuto farle concorrenza. :)
  • analogico_09analogico_09
    Posts: 22,597Member
    Juju said:

    Io aggiungo uno dei mie preferiti in assoluto:




    Anche per me tra i preferiti.

    Ne parlai in questo topic, la raccolta delle "Canciones Populares Antigua" recuperate, pubblicate, interpretate e registrate da F.G.Lorca negli anni '20, comprende anche "Anda alejo", una delle più belle ed amate espressioni del canto modale e della poesia spagnola che nel 1936 diventerà il tema de El quinto regimiento, l'"inno" dei repubblicani della Guerra civile spagnola, con testo modificato che conserva tuttavia il famoso "refrain": Anda AJaleo, jaleo; ya se acabò el alboroto y ahora empienza el tiroteo (Anda Jaleo.... è finita l'allegria incomincia la sparatoria)

    Questo canto, di guerra a cui molti attinsero per vari rifacimenti, fu ripreso nel '70 da Charlie Haden e Carla Bley per Liberation Music Orchestra; circa dieci anni prima Coltrane aveva "riadattato" lo stesso tema per la lunga, stupefacente improvvisazione di "Olè" che vanta una formazione di partners stellare, tra cui il mai troppo "venerato" Eric Dolphy!


    Post edited by analogico_09 at 2017-06-18 15:47:24
  • NAIROMNAIROM
    Posts: 199Member
    anche Coltrane plays the blues.
  • giov.rossigiov.rossi
    Posts: 3,069Member
    Oltre ovviamente quelli citati, ho un cd molto easy. Si intitola " John Coltrane for Lovers". Ha la copertina bianca e un uomo e una donna disegnati. Moooooooolto dolce.