La Cultura Storica delle Riviste Hi -Fi Cartacee
  • roby__58
    Posts: 163Member
    Sara' la Primavera, sara' la Luce conseguente,( ah,quanto e' Delizioso il Sole), sara' la Attesa per la Aurionizzazione del mio Lettore, be', in questi giorni mi sono tuffato nel Forum dell'usato " Varie" di Videohifi per crearmi una Biblioteca, la piu' ampia possibile, delle Riviste Hi-Fi.

    Dopo qualche giorno di impegno, ci sono riuscito: mi sono creato delle Collezioni, per me, di Valore Storico.

    - Audio Review (ho acquisito circa 240 numeri)ora, a parte pochissimi numeri mancanti, e' in bella mostra dal n. 60 al n. 320.

    - Fedelta' del Suono (ho acquisito circa 80 numeri)ora, a parte pochi numeri, e' in bella mostra dal n. 30 al n. 160, compresi l'uno e il due che, ai tempi, avevo acquisito .

    Signori miei, qualcuno si, ma altri no, non avete Idea della Visione d'Insieme di cotanta Cultura.

    Tutto ordinato nel mobile della Sala di Ascolto, con A.R. sistemati in 5 scaffali aperti (per motivi logistici ed estetici, vista la omogeneita' coerente nel corso del tempo delle confezioni), F.d.S. (quanti cambiamenti di rilegatura e dimensioni negli anni...)in scaffali chiusi, unitamente a varie Riviste di Suono.

    Perche' vi narro questo?

    Perche' e' di gioiosa Sensazione Estetico-Culturale Ammirare il Lavoro costituito da migliaia di ore degli Addetti di Hi-Fi e Musica,(quanto tempo hanno dedicato a cio', e non penso che di cio' Alcuno si sia mai arrichito) e' di gioioso Nutrimento Culturale sapere di possedere una Macchina del Tempo che di permette di andare nel Passato Remoto e Prossimo della nostra Passione, bearsi di Capolavori di veri, non solo Tecnici, ma Poeti nel Dissertare su Marchi gia' esistenti o nascenti.

    Sapere di Ritrovare le Prove di Elementi posseduti o in possesso, Deliziarsi delle Recensioni di Musica, rivedere la Posta dei Lettori, Gustare gli Editoriali.

    Poter Donare i numeri doppi o prestare i numeri unici alla propria cerchia Audiofila.

    Senza tanta Sapienza impressa nelle Pagine che il Tempo non potra' mai cancellare, forse non avremmo i Nostri Impianti, sentire i Capolavori Artistici, trovarsi nelle Mostre, la Felicita' di Discutere su questo e su altri Forum, forse... , forse..., forse...

    Il Rispetto per la Storia della Alta Fedelta' non e' una Opinione, ma Oggettivita' Categorica, please.

    Roby
  • prawaxprawax
    Posts: 5,196Member
    Ottima iniziativa e grande lavoro di archiviazione di memoria storica!

    Complimenti e buona giornata,

    Piermauro

    image

    Modificato da - prawax il 09/04/2012 11:11:17
    Metronome Technologie Kalista Référence, Concert Fidelity DAC-040 Vacuum Tube Converter, Densen Audio Technologies B-275 & B-320+, DeVore Fidelity 9s, Ariston Fortè, Potenza & Segnale: PranaWire Cosmos, PCs: 2 x PranaWire Samadhi & 3 x Shunyata King Cobra, Dig: Marigo Apparition; Meleos Power Block.
  • calibro
    Posts: 2,283Member
    Storia, Sapienza, Cultura, Oggettività Categorica (??????!!!!!!!) mi sembrano parole troppo grosse rispetto alla realtà delle riviste italiane.

    Però è bello avere tanti giornaletti da sfogliare: lo ammetto!!!!
    I numeri più belli sono i più vecchi.
    La Audioreview di Toni Jop e la FDS piccola di Binari, per intenderci.


    ____
    Lo Stereo:
    Oppo Aurion BD-83 SE - Musical Fidelity Aurion A1 - Crites Klipsch Cornscala III

    Il Multicanale:
    Samsung Plasma 42” HD + SKY HD - Rear: Marantz SR5004 + Acoustical Nota Amadeus
    Lo Stereo: Oppo Aurion BD-83 SE - Musical Fidelity Aurion A1 - Crites Klipsch Cornscala III
    Il Multicanale: come per Lo Stereo con in più Samsung Plasma 42” HD + SKY HD - Rear: Marantz SR5004 + Acoustical Nota Amadeus
  • giggione
    Posts: 2,531Member
    ciao Roby,molti miei amici audiofili non approvavano che il sottoscritto acquisti ancora le riviste hifi.....audio review -stereoplay e suono complete,stereo mancante un numero,alta fedelta' quasi completa,hifi e superstereo qualche numero,fds tutte-pero' ...quando vengono a casa o gli interessa qualche componente di hifi si rivolgono alle riviste e vai con i commenti.....per fortuna che non credono piu' a cosa scrivono le riviste.....dovresti vedere che scorpacciata di lettura quando vengono nella mia stanza audiofila
  • roby__58
    Posts: 163Member
    quote:
    Ottima iniziativa e grande lavoro di archiviazione di memoria storica!

    Complimenti e buona giornata,

    Piermauro

    image

    Modificato da - prawax il 09/04/2012 11:11:17


    Ti ringrazio, hai capito perfettamente la portata della iniziativa.

    Certo, Calibro nel suo intervento, di cui condivido la parte finale,
    parla di esagerazioni, ma il senso delle mie considerazioni e' che
    per ottenere la Oggettivita' occorre conoscere la Storia, il suo dipanarsi nel tempo.

    Certo, sappiamo che, con le dovute proporzioni, il Sapere contenuto nei Libri e' anche intriso di Soggettivita', Opportunismi, Convenienze, Interessi (ci ricordiamo, ad esempio, della Controriforma del tardo Medioevo o quello che combina qualche nuovo sistema che quando arriva al potere si arma di bianchetti e forbici?).

    Anche nel nostro piccolo mondo tutto cio',metaforicamente, e' esistito ed esiste, si tratta solo di conoscere per capire e comportarsi di conseguenza.

    E' innegabile, tuttavia, come dalle Riviste (e non giornaletti, dai, va bene tutto, ma..)sia nata anche la pubblicita' e quindi il parziale sostentamento per esse e la divulgazione informativa di Costruttori, Importatori e Negozianti.

    Naturalmente non tutti avevano ragione di esistere e per questi il Mercato ne ha decretato l'ardua sentenza, ma il nostro piccolo mondo, ignorato ( piu' o meno giustamente, non tratta di beni di prima necessita') dai mass media e' ancora qui, a fornirci soddisfazioni.

    Poi, si vuol mettere, il quid ti permette di ricordare Momenti del tuo Passato
    in accostamento a Momenti della nostra Passione.

    Poi, oggi e' Pasquetta, giorno di riposo e liberta' dagli obblighi social-istituzionali, giorno di riflessioni e magari di esagerazioni, perche' no, solo che quando si critica la Cultura, sotto qualsiasi aspetto, divento un po'
    nervosetto...

    p.s. per far posto alle riviste ho spostato un po di Libri, non ho sottostimato la Cultura Ordinaria, la ho solo diversamente collocata.

    Roby
  • bungalow bill
    Posts: 19,968Member
    E pensare che avevo circa 250 riviste AR,dal n°1 al 250/255 e poi,purtroppo, per mancanza di spazio le ho dovute buttare nella spazzatura. Quanti errori si fanno nella vita!
    Saluti

    M
  • abbacchiopino
    Posts: 108Member
    quello delle riviste e' tutto lavor sprecato. Se avessi dovuto affidarmi alle riviste, hai voglia che raggiugevo il risultato che cercavo. Tanto parlare di interfacciamento, sinergie, dischi provati, eppure di suggerimenti certi e immutabili per una prestazione sonora cosi' e cosa', nisba
  • stralicciostraliccio
    Posts: 20,434Member
    hanno contribuito molto di più alla crescita delle capacità di giudizio e di scelta degli audiofili dieci anni di internet e di forum che cent'anni di riviste cartacee.
    non tutto per colpa loro, ma il danno che le riviste hanno fatto al mercato ed agli audiofili non sarà mai rimborsabile.
    infine. penso che il 99% degli iscritti a questo forum se avesse voluto, se volesse, potrebbe essere alla stessa altezza culturale e/o scientifica del 99% di chi ha scritto e scrive tuttora sulla carta stampata.
    leone



    Modificato da - straliccio il 09/04/2012 15:17:40
    Leone
  • bungalow bill
    Posts: 19,968Member
    Ragionamento giusto e filante che condivido ma negli anni '70 non c'era il forum e internet dov'era confinato? Se si voleva sapere qualche cosa di hifi e le ultime novità del mercato,dovevamo leggere le riviste audio,a scelta (Suono,Stereoplay,AR,ecc.)
    Saluti

    M
  • stralicciostraliccio
    Posts: 20,434Member
    quote:
    Ragionamento giusto e filante che condivido ma negli anni '70 non c'era il forum e internet dov'era confinato? Se si voleva sapere qualche cosa di hifi e le ultime novità del mercato,dovevamo leggere le riviste audio,a scelta (Suono,Stereoplay,AR,ecc.)


    Vero, ma le cattive abitudini degli importatori e dei redattori sono alla base di gran parte della crisi attuale dell'hi-fi piuttosto che la mancanza di soldi.
    Che c'era pure allora.
    Gli importatori badavano solo ai soldi approfittando del cambio lira dollaro e le seconde s'accodavano al comodo tran tran di chi saccheggiava i clienti senza dire becco.
    Facile battere le mani a chinti imbottiva la rivista di centinaia di pagine di pubblicità'.
    E quei pochi giornalistinche erano più' attenti e misurati venivano strumentalizzati " vedete che ci sono pure le critiche" e poi regolarmente boicottati.
    Leone
    Leone
  • PippoBasilePippoBasile
    Posts: 708Member
    Dal 1973 al 1978 sapevo praticamente tutte le prove e tutte le recensioni di Stereoplay a memoria.
    Chi "è bambino come me" ha sicuramente sognato e fantasticato su quelle pagine e soprattutto sulle foto riportate.
    Sicuramente si era più sognatori, magari anche più creduloni.
    Si era meno consapevoli, ma ci si divertiva ed entusiasmava un casino.

    image


    PippoBasile
    Pippusssssssshhhhhh!!!!!
  • Member_0030
    Posts: 16,083Member
    Non tutto ma molto merita di essere salvato dall'oblio e portato in Internet alla libera fruizione.

    Bruno
    tra Stupor Mundi e Anticristo
  • roby__58
    Posts: 163Member
    quote:
    quote:
    Ragionamento giusto e filante che condivido ma negli anni '70 non c'era il forum e internet dov'era confinato? Se si voleva sapere qualche cosa di hifi e le ultime novità del mercato,dovevamo leggere le riviste audio,a scelta (Suono,Stereoplay,AR,ecc.)


    Vero, ma le cattive abitudini degli importatori e dei redattori sono alla base di gran parte della crisi attuale dell'hi-fi piuttosto che la mancanza di soldi.
    Che c'era pure allora.
    Gli importatori badavano solo ai soldi approfittando del cambio lira dollaro e le seconde s'accodavano al comodo tran tran di chi saccheggiava i clienti senza dire becco.
    Facile battere le mani a chinti imbottiva la rivista di centinaia di pagine di pubblicità'.
    E quei pochi giornalisti che erano più' attenti e misurati venivano strumentalizzati " vedete che ci sono pure le critiche" e poi regolarmente boicottati.
    Leone


    Accidenti a Voi, la Discussione ha preso una piega talmente interessante che sto facendo fuori il tesoretto accumulato negli ultimi tempi per corrispondere i giusti diritti di autore agli aventi diritto: dopo Emanuelito Kant (gli Imperativi Categorici) ora devo tirare giu' dagli scaffali (riordinati...) un libro di "Darwin" sulla evoluzione della specie.

    Noi siamo il risultato di migliaia, milioni di anni della specie.

    Se potessimo tornare indietro con la nostra scienza ed uno zainetto, cosa vedremmo nel quotidiano dei nostri Antenati?

    Una bella scena di caccia a suon di arco e frecce, occhi e orecchie puntati a dismisura, con tanto di comunicazione (in caso di successo, ma non e' detto, forse molte volte vincevano le prede...)con una bella battuta di mani o con bastone su un bel tronco di albero cavo (urca, ecco come come e' nata la batteria, ecco come sono nati i bassi )per avvisare la famigliola e gli amici.

    I piu' evoluti si dileggiavano con i segnali di fumo che si espandeva nel
    cielo (urca, ecco come sono nati gli alti e gli oleogrammi), i piu' canterini si scambiavano allegri messaggi canori (urca, ecco come sono nati i medi).

    Dopo esserci piegati dalle risate (anche per protezione, le prede possono essere nei dintorni...) tireremmo fuori dal nostro zainetto una bella pistola ben carichina e un paio di cellulari da regalare al nostro eroe: "hei amico, mai sentito parlare della Scienza?".

    Faremmo forse loro assistenza tecnica (per la privacy, non troppo) nella Grotta per farli allietare con della buona Musica nei giusti momenti, per loro e per le loro Gentili Compagne.

    Ritornando ad un nostro passato remoto, mi ricordo ancora, come fosse adesso, come, dopo aver letto un annuncio di vendita su una Rivista cartacea (agh..) io e mio Fratello, nei primi anni '70, ci avventurammo con la nostra nera (riverniciata) '500 in quel di Milano alla caccia delle Mitiche Casse Celestion Ditton 66. ( in quel di Bolzano, il mi Fratre le ha ancora e sai come suonano, addirittura hanno la firma autentica del controllo di Qualita').

    Orbene il Signore, (era un importatore di non so cosa, ricco, ma con un cuore grande cosi') vedendo le nostre difficolta' tecniche (e' un eufemismo) dovute alla mancanza di freni della torpedo, alla mancanza di spazio nella stessa, alla mancanza di navigatore (non, lo zainetto no), (non so come, entrare nella Milan era stato facile, ci atterriva come uscirne) si carico' i Gioielli sulla sua macchina e' ci accompagno' nelle nostre zone di Varese.

    Ricordo che io e mio Fratello ci guardavamo soddisfatti, ma timorosi che arrivasse l'uomo dal Futuro con il suo Zainetto...

    Per non parlare del passato prossimo, quando, ad un Top Audio, forse del '91 o '92, dopo aver divorato le Riviste Cartacee (doppio agh...), mi dibattevo ansioso fra una saletta e l'altra per scegliere l'Ampli integrato dei miei sogni, con il dubbio fra il Mission Due ed il Linn integra (ah, scelsi il primo).

    La fonte cognitiva che cosa era? (Forse le Rr.. Crt., accidenti, non mi vengono le parole).

    Fuori di metafora ed alla luce che voglio divertirmi e farvi divertire in questo bel giorno di relax, il punto e' che, concordo, vi sono stati degli eccessi (anche le Religioni, quante vittime mentali e fisiche hanno prodotto nella loro Storia, ma quanta Arte ci hanno donato, quanta Sicurezza hanno elargito) ma tutti noi siamo nati da li' (ah, mentre scrivo i numeri 50, 100, 200 e 300 delle Riviste gongolano dal piacere nei loro nuovi alloggi, "oh, non fate troppo casino che il mobile vibra e mi deconcentra, state attente, che se no chiamo l'uomo del futuro con lo zainetto..."

    Tante distorsioni mentali sono da loro state create (e dagli con l'Impianto), tanti soldini sono stati buttati, ma immaginiamo, per deliziarci del Miglior Vino o del Miglior Agnello, quanti morticini vi sono stati nella Storia (prede che hanno avuto la meglio, piante dagli stupendi colori ma un po' avvelenatine...)?

    E' il Progresso, Bellezza.

    Roby
  • bungalow bill
    Posts: 19,968Member
    A quei tempi(1973) non vedevo l'ora di correre in edicola per comprare Stereoplay,con quelle belle copertine colorate,poi tornare a casa e divorare pagina per pagina e sognare,sognare,perchè i soldi erano pochi e la voglia di entrare in possesso di uno di quegli oggetti pubblicati era tanta.
    Saluti


    M
  • BeboBebo
    Posts: 26,203Moderator
    Se non ci fossero state le riviste ( ovviamente contesto quelle che considera Calibro, non a caso ha citato quei due esempi, ora risponderà polemicamente ma io lo stesso non lo caccerò dal Forum) voi stareste ancora ad ascoltare con il compattone di Selezione.
    Io la mia critica forte alle riviste l'ho fatta e riguarda quelle attuali, non certo Stereoplay e Suono dei tempi mitici, non certo Audio review dei team di ricerca avanzata e del libero confronto tra posizioni, non certo ( e me lo dico da solo ma ne ho avuto grande riscontro di numeri) la Suono bella ed eroica che ho prima diretto e poi pubblicato per otto anni.

    Ottime cose

    Bebo Moroni








    Bebo Moroni
    honni soit qui mal y pense
  • roby__58
    Posts: 163Member
    quote:
    Se non ci fossero state le riviste ( ovviamente contesto quelle che considera Calibro, non a caso ha citato quei due esempi, ora risponderà polemicamente ma io lo stesso non lo caccerò dal Forum) voi stareste ancora ad ascoltare con il compattone di Selezione.
    Io la mia critica forte alle riviste l'ho fatta e riguarda quelle attuali, non certo Stereoplay e Suono dei tempi mitici, non certo Audio review dei team di ricerca avanzata e del libero confronto tra posizioni, non certo ( e me lo dico da solo ma ne ho avuto grande riscontro di numeri) la Suono bella ed eroica che ho prima diretto e poi pubblicato per otto anni.

    Ottime cose

    Bebo Moroni

    Grazie Bebo, hai colto ed approfondito un Punto molto importante che solo la irritazione e la fretta per lo scritto dal Calibro hanno impedito di capire nella sua importanza: quali siano stati gli Anni Migliori, le Riviste Migliori ed i Direttori, nonche' Recensori Migliori.

    Un bel Argomento che il nostro Forumista ha colto molto parzialmente e, secondo me, con grande superficialita'.

    Non c'erano solo il Tony o il Binari, o le Riviste citate, ma tanti Altri ed altre Entita' su cui Veleggiavi dall'Alto proprio Tu, caro Bebo.

    Concordo quindi perfettamente con quanto hai Asserito.

    p.s. i quattro Stereoplay e Stereo che conservo gelosamente stanno gongolando dalla Soddisfazione.

    Roby









  • Fabio CottatellucciFabio Cottatellucci
    Posts: 21,842Member
    quote:Tutto ordinato nel mobile della Sala di Ascolto, con A.R. sistemati in 5 scaffali aperti (per motivi logistici ed estetici, vista la omogeneita' coerente nel corso del tempo delle confezioni), F.d.S. (quanti cambiamenti di rilegatura e dimensioni negli anni...)in scaffali chiusi, unitamente a varie Riviste di Suono.
    Mettili tutti in scaffali aperti, ne guadagna l'acustica.
    Quando il saggio indica la luna, l’audiofilo gli morde il dito.
  • nerosettanta
    Posts: 352Member
    quote:
    Sara' la Primavera, sara' la Luce conseguente,( ah,quanto e' Delizioso il Sole), sara' la Attesa per la Aurionizzazione del mio Lettore, be', in questi giorni mi sono tuffato nel Forum dell'usato " Varie" di Videohifi per crearmi una Biblioteca, la piu' ampia possibile, delle Riviste Hi-Fi.

    Dopo qualche giorno di impegno, ci sono riuscito: mi sono creato delle Collezioni, per me, di Valore Storico.

    - Audio Review (ho acquisito circa 240 numeri)ora, a parte pochissimi numeri mancanti, e' in bella mostra dal n. 60 al n. 320.

    - Fedelta' del Suono (ho acquisito circa 80 numeri)ora, a parte pochi numeri, e' in bella mostra dal n. 30 al n. 160, compresi l'uno e il due che, ai tempi, avevo acquisito .

    Signori miei, qualcuno si, ma altri no, non avete Idea della Visione d'Insieme di cotanta Cultura.

    Tutto ordinato nel mobile della Sala di Ascolto, con A.R. sistemati in 5 scaffali aperti (per motivi logistici ed estetici, vista la omogeneita' coerente nel corso del tempo delle confezioni), F.d.S. (quanti cambiamenti di rilegatura e dimensioni negli anni...)in scaffali chiusi, unitamente a varie Riviste di Suono.

    Perche' vi narro questo?

    Perche' e' di gioiosa Sensazione Estetico-Culturale Ammirare il Lavoro costituito da migliaia di ore degli Addetti di Hi-Fi e Musica,(quanto tempo hanno dedicato a cio', e non penso che di cio' Alcuno si sia mai arrichito) e' di gioioso Nutrimento Culturale sapere di possedere una Macchina del Tempo che di permette di andare nel Passato Remoto e Prossimo della nostra Passione, bearsi di Capolavori di veri, non solo Tecnici, ma Poeti nel Dissertare su Marchi gia' esistenti o nascenti.

    Sapere di Ritrovare le Prove di Elementi posseduti o in possesso, Deliziarsi delle Recensioni di Musica, rivedere la Posta dei Lettori, Gustare gli Editoriali.

    Poter Donare i numeri doppi o prestare i numeri unici alla propria cerchia Audiofila.

    Senza tanta Sapienza impressa nelle Pagine che il Tempo non potra' mai cancellare, forse non avremmo i Nostri Impianti, sentire i Capolavori Artistici, trovarsi nelle Mostre, la Felicita' di Discutere su questo e su altri Forum, forse... , forse..., forse...

    Il Rispetto per la Storia della Alta Fedelta' non e' una Opinione, ma Oggettivita' Categorica, please.

    Roby




    Molto bello
    Complimento

    Saluti giovanni
  • alf
    Posts: 2,630Member
    Non guardo mai al passato cara, mi distrae dal presente. (Edna Mode - Gli Incredibili)

    Ho comprato tante riviste, alcune le conservo e ogni tanto le sfoglio, ma in questo momento la mia attenzione è rivolta al presente e al futuro.
    Quasi tutte le riviste sono figlie del loro tempo, sono nate in un'epoca in cui computer, internet, forum, social network e altro dovevano essere non solo realizzati, ma addirittura pensati.
    Non discuto la qualità dei vecchi articoli, ma bisogna andare avanti. Bebo ha fatto la storia dell'editoria audio ma oggi anche lui si rivolge altrove; conserva e mantiene funzionante il suo vintage, ma al tempo stesso tiene in vita il forum di hifi e realizza la sua rivista online.
    Il passato è interessante da scoprire e riscoprire, ma secondo me deve essere un trampolino per lanciarsi verso il futuro.

    Saluti a tutti
    Alfredo Ricci

    Apprezzatemi adesso, eviterete la coda
    (Ashleigh Brilliant)
  • saperusasaperusa
    Posts: 4,957Industry
    infine. penso che il 99% degli iscritti a questo forum se avesse voluto, se volesse, potrebbe essere alla stessa altezza culturale e/o scientifica del 99% di chi ha scritto e scrive tuttora sulla carta stampata
    ___________________________________________________________________________


    Di questo non sono convinto, a parte un cosidetto zoccolo duro di persone che hanno un bagaglio ampio di ascolti in condizioni controllate e che sanno dove mettere le mani la maggior parte parla per sentito dire, per aver ascoltato di sfuggita ad una mostra alcuni addirittura dopo aver guardato al foto sull'annuario.
    Mi viene in mente quando uno mi scrisse qui sul forum senza aver nemmeno visto i miei diffusori; senza averli ascoltati che per come erano costruiti non potevano suonare...
    Capisci da solo che nel bene e nel male senza riviste non oso immaginare che cosa poteva uscire fuori.
    Io stesso quando ero di primo pelo devo i miei primi acquisti dopo aver ovviamente fatto degli ascolti, grazie alla curiosita' che avevano suscitato la lettura degli articoli di Bebo, Jop.
    E' cosi' che sono arrivati a casa il simply two , densen, minima amator, studio 20, aedon audio nps1, classic 30, pre merlin, classe audio dr3.
    Mano a mano la mia capacita' di analizzare una catena audio cresceva ma sicuramene i primi passi che ho fatto e in fondo senza fare cazzate delle quali pentirmi dopo lo devo alle riviste...

    S.
    Silcable - Where Your music breathes
  • barf71
    Posts: 2Member
    quote:
    quello delle riviste e' tutto lavor sprecato. Se avessi dovuto affidarmi alle riviste, hai voglia che raggiugevo il risultato che cercavo. Tanto parlare di interfacciamento, sinergie, dischi provati, eppure di suggerimenti certi e immutabili per una prestazione sonora cosi' e cosa', nisba


    Nella mia poca esperienza, credo che 'di suggerimenti certi ed immutabili' nella nostra Passione non ne possano esistere.

    Ho da poco acquistato il mio primo Amplificatore Integrato, e decisiva nella scelta è stata la lettura di una recensione su Suono del 2007.
    Sono alle prime armi, e le Riviste Cartacee mi sono di grande aiuto...

    B.
  • 8000HZ8000HZ
    Posts: 283Member
    Dalla memorabile prova di Bebo Moroni delle mie infinity epsilon, a parte qualche caso le posseggo tutte. Ancora oggi continuo ad acquistarle, molte volte non le leggo ma non ho mai perso l'abitudine di acquistarle.
  • mantexxmantexx
    Posts: 684Member
    quote:Chi "è bambino come me" ha sicuramente sognato e fantasticato su quelle pagine e soprattutto sulle foto riportate.
    Sicuramente si era più sognatori, magari anche più creduloni.
    Si era meno consapevoli, ma ci si divertiva ed entusiasmava un casino.

    perfetto ! image
    Se posso, aggiungerei che forse oggi la rete offre molte più info ma anche più dubbi (c'è tutto e il contrario di tutto).

    Trent'anni fa eravamo giovani, inesperti e bisognosi di stimoli. Le riviste e i negozi erano l'unica fonte e dobbiamo ringraziarli.
    Oggi siamo tutti cresciuti, un pò più esperti ma anche più diffidenti, prevenuti e a volte anche un pò presuntuosi.

    Come allora, l'esperienza ce la si fa "sul campo" ma dobbiamo riconoscere l'importanza degli stimoli esterni; da qualunque parte provengano.

    ciao
    manuel

    Modificato da - mantexx il 10/04/2012 23:08:36
  • roby__58
    Posts: 163Member
    quote:
    [quote]
    quello delle riviste e' tutto lavor sprecato. Se avessi dovuto affidarmi alle riviste, hai voglia che raggiugevo il risultato che cercavo. Tanto parlare di interfacciamento, sinergie, dischi provati, eppure di suggerimenti certi e immutabili per una prestazione sonora cosi' e cosa', nisba


    Nella mia poca esperienza, credo che 'di suggerimenti certi ed immutabili' nella nostra Passione non ne possano esistere.

    Ho da poco acquistato il mio primo Amplificatore Integrato, e decisiva nella scelta è stata la lettura di una recensione su Suono del 2007.

    Beh, come primus che si' e' accorto della Tua prima presenza, ho diritto a dirti "Welcome" nel Forum .

    Niente male come entrata in campo, pur con la pioggia (dalle mie parti), quindi con l'acqua fra i capelli e il freddo della attesa, pur si intravede la Classe nel cogliere il Miraggio di chi desidera sugg.-cert.-immut.la Modestia nell'ammettere la poca esperienza.

    Non capita tutti i giorni vedere entrare nel Gioco chi indossa il numero Uno.

    Buona Serata e buona lettura delle Riviste Cartacee passate, presenti, future.

    Ah, un sugg.-cert.-immut: Informati, Conosci, ma Scegli con la tua Testa.

    Roby

  • BEST-GROOVEBEST-GROOVE
    Posts: 29,795Moderator
    quote:
    A quei tempi(1973) non vedevo l'ora di correre in edicola per comprare Stereoplay,con quelle belle copertine colorate,poi tornare a casa e divorare pagina per pagina e sognare,sognare,perchè i soldi erano pochi e la voglia di entrare in possesso di uno di quegli oggetti pubblicati era tanta.
    Saluti


    M


    Non solo copertine colorate ma pure a volte molto originali e presumo costose da attuare, con parti che rappresentando l'oggetto solo in parte lasciavano intravvedere la sotto copertina completando l'immagine.....

    Tipo questa per intenderci

    image

    Oppure quest'altra plastificata superiormente e apribile dando un'immagine di tridimensionalità agli oggetti rappresentati.




    image

    Ma ce ne sarebbero ancora..........



    Bye Giorgio