Steven Wilson e il nuovo album To The Bone
  • Mr.AlexisMr.Alexis
    Posts: 1,463Member
    Ricordando che verrà rilasciato il 18 Agosto, il nuovo album è in pre-order e in diversi formati. Si parte da una edizione deluxe, lp, blu-ray e cd. Nel frattempo è stato reso noto il tour per il 2018 che toccherà il nostro paese il 9 e 10 Febbraio rispettivamente a Milano e Roma. Secondo le sue stesse considerazioni azzarderei che l'album promette bene... staremo a sentire! Buoni ascolti ovviamente \m/
    "Non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini. Abbiamo solo bisogno di più gente onesta" Benedetto Croce
  • aleniolaaleniola
    Posts: 702Member
    è anche uscito il primo singolo intitolato "Pariah", disponibile su Tidal e Spotify

    Buon ascolto :-)
    Synology DS916+ > Roon > Auralic Aries > Heed Obelisk DA > Cyrus pre Xp > Cyrus Xpower > PMC Twenty 21
  • MonisiMonisi
    Posts: 918Member
    Grazie per le interessanti info! E cosa vuol dire edizione deluxe? In quale formato?
    Roberto
  • marillionmarillion
    Posts: 7,906Moderator, Redazione
    Purtroppo pessima location a Roma.
    Interessante la descrizione che fa nella sua pagina su quali album e artisti lo hanno ispirato per questo suo nuovo lavoro.
    Speriamo bene. Anche se, almeno per quanto mi riguarda, non ha mai deluso finora.
    Howdy
  • Mr.AlexisMr.Alexis
    Posts: 1,463Member
    Esatto Antonio, stando agli album e agli artisti che lo hanno ispirato si prospetta appunto un album interessante... se la location de Roma non ti garba puoi sempre venire da me così andiamo insieme al Teatro degli Arcimboldi:D
    La versione deluxe in cd comprende un secondo disco con demo e canzoni inutilizzate, un blu-ray in 96/24, un dvd e un 7" contenente "Antisocial", una bonus track...
    "Non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini. Abbiamo solo bisogno di più gente onesta" Benedetto Croce
  • MonisiMonisi
    Posts: 918Member
    Grande Steven Wilson ❗️
    Roberto
  • crimsonking
    Posts: 1,870Member
    Da conoscitore di SW e PT , dopo l'ascolto del singolo non posso che sentirmi deluso. Per carità,  livello sempre alto di produzione,  ma quanto ad idee mi sembra che ormai il fondo del barile sia stato raschiato a dovere. Dopo essersi ispirato nei dischi precedenti ( a volte ai limiti del plagio) a King Crimson, Genesis, Pink Floyd con risultati spesso interessanti stavolta dice che in questo disco si è ispirato a Kate Bush, Peter Gabriel di So e Talk Talk.. Quindi in un certo senso dovrebbe aver abbandonato il prog. Mah, spero vivamente di sbagliarmi ma già il precedente HCE rispetto a Grace for Drowning e The Raven era stato per me un passo indietro. Vedremo.
  • marillionmarillion
    Posts: 7,906Moderator, Redazione
    Come fai a dirlo dopo aver ascoltato solo un brano ?
    Ad ogni modo se, come asserisci, conosci la carriera di Wilson, dovresti già sapere che non si fossilizza ad un solo genere.
    Aspettiamo e ..sentiremo.
    Post edited by marillion at 2017-05-10 14:59:49
    Howdy
  • crimsonking
    Posts: 1,870Member
    Ho e conosco  tutto di SW dagli inizi alle collaborazioni. Tutto. Lo apprezzo per la sintesi che è sempre riuscito a fare di quelle che sono le sue tante muse ispiratrici. (anche se diverse volte , soprattutto nella carriera solista, si è mosso ai limiti del plagio). Semplicemente  dopo grace for drowning e in parte The raven  mi sembra che la vena si sia inaridita e si continui a ripetere. DI sicuro sarà un buon disco in particolare se confrontato con il ciarpame dei giorni nostri però non mi entusiasma più. Sarò felice dopo aver comprato e digerito il prossimo disco di cambiare opinione ma l'impressione è questa.
  • meridianmeridian
    Posts: 8,055Member

    Da conoscitore di SW e PT , dopo l'ascolto del singolo non posso che sentirmi deluso. Per carità,  livello sempre alto di produzione,  ma quanto ad idee mi sembra che ormai il fondo del barile sia stato raschiato a dovere. Dopo essersi ispirato nei dischi precedenti ( a volte ai limiti del plagio) a King Crimson, Genesis, Pink Floyd con risultati spesso interessanti stavolta dice che in questo disco si è ispirato a Kate Bush, Peter Gabriel di So e Talk Talk.. Quindi in un certo senso dovrebbe aver abbandonato il prog. Mah, spero vivamente di sbagliarmi ma già il precedente HCE rispetto a Grace for Drowning e The Raven era stato per me un passo indietro. Vedremo.






    Quoto e concordo !

    Saluti , Dario
    Jazz : musica in cui la stessa nota può essere suonata ogni volta in modo diverso. Ornette Coleman
  • djansiadjansia
    Posts: 15,165Member
    Il singolo è molto "paraculo". Sinceramente tale, nel senso che se è quella l'ispirazione allora non potrebbe essere altrimenti.
    I duetti uomo/donna sono già complicati ed è difficile non scadere nella "limonata sonora" e qui mi sa che c'è caduto con tutti i reverberi, gli echi, i sospiri e la voce roca di lei (Gabriel ha la voce roca in Don't Give Up...mi cade sulle basi :D :D ). Un po' scontato il singolo per uno come Wilson, forse.
    In So, i duetti uomo/donna sono due (uno è anche una cover di un già fu duetto). Se penso alla Bush, mi viene in mente Snowed In At Wheeler Street. Tre duetti eccezionali e almeno per me lontani anni luce da questo.

    Ma sono sicuro che il resto del disco sarà bello. In fondo questo dovrebbe essere il singolo del lancio ed è anche normale un po' di scontatezza.
    ...ho un cerchio alla testa...
    Andrea
  • Gabrilupo
    Posts: 3,396Member
    djansia said:

    Il singolo è molto "paraculo". Sinceramente tale, nel senso che se è quella l'ispirazione allora non potrebbe essere altrimenti.
    I duetti uomo/donna sono già complicati ed è difficile non scadere nella "limonata sonora" e qui mi sa che c'è caduto con tutti i reverberi, gli echi, i sospiri e la voce roca di lei (Gabriel ha la voce roca in Don't Give Up...mi cade sulle basi :D :D ). Un po' scontato il singolo per uno come Wilson, forse.
    In So, i duetti uomo/donna sono due (uno è anche una cover di un già fu duetto). Se penso alla Bush, mi viene in mente Snowed In At Wheeler Street. Tre duetti eccezionali e almeno per me lontani anni luce da questo.

    Ma sono sicuro che il resto del disco sarà bello. In fondo questo dovrebbe essere il singolo del lancio ed è anche normale un po' di scontatezza.



    Non ascolto So da un pezzo. Qual'è il secondo duetto dopo la (splendida) Don't Give Up?
  • marillionmarillion
    Posts: 7,906Moderator, Redazione
    This Is the picture.
    Post edited by marillion at 2017-05-12 15:45:47
    Howdy
  • djansiadjansia
    Posts: 15,165Member
    marillion said:

    Thai Is the picture.



    Esatto...però può avere ragione Gabrilupo ora che ci penso. Ricordavo qualcosa e infatti la canzone non è presente nelle stampe su vinile...almeno le prime.
    ...ho un cerchio alla testa...
    Andrea
  • mojo_65mojo_65
    Posts: 2,461Member
    Buono a sapersi, ora do' un'occhiata in giro... Nel complesso gli ultimi lavori non sono male e dal vivo é da vedere assolutamente. A Cremona l'anno scorso il concerto é stato molto bello, e pure l'audio era molto curato, davvero un bel sentire.
    Ciao
    Alessandro

    Linn Sondek-Lingo-Ittok-Adikt, digitale Pioneer e Yamaha, amplificazione Conrad Johnson, sistema altoparlanti Electro Voice, cavi segnale Van den Hul e Purist Audio, cavi potenza Van den Hul, alimentazioni Furutech, Tprojectcable, Elrod e Acrolink, condizionatore IREM
  • giorgiocana82
    Posts: 72Member
    Scusa Alexis,
    una domanda, dove lo hanno messo in prevendita?
    Grazie mille
    Giorgio
  • Gabrilupo
    Posts: 3,396Member
    djansia said:

    marillion said:

    Thai Is the picture.



    Esatto...però può avere ragione Gabrilupo ora che ci penso. Ricordavo qualcosa e infatti la canzone non è presente nelle stampe su vinile...almeno le prime.


    Infatti nella mia non c'è. Poco male, mi hai dato la possibilità di conoscerla ;)
  • Mr.AlexisMr.Alexis
    Posts: 1,463Member
    "Non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini. Abbiamo solo bisogno di più gente onesta" Benedetto Croce
  • genoaudiogenoaudio
    Posts: 1,635Member
    arrivato poco fa alert da T1, presi al volo 3 biglietti x Milano non ce n'è quasi più...tacciloro
    ...torta di riso? Finita (come al solito!)
  • landmarqlandmarq
    Posts: 2,166Member
    genoaudio said:

    arrivato poco fa alert da T1, presi al volo 3 biglietti x Milano non ce n'è quasi più...tacciloro



    Grazie a te ho beccato il biglietto, me ne sarei dimenticato ;-)
    "Dopo i 50 sono diventato la cover band di me stesso" (cit.)
  • genoaudiogenoaudio
    Posts: 1,635Member
    ottimo  ;)
    ...torta di riso? Finita (come al solito!)
  • CristodekCristodek
    Posts: 2,891Member

    genoaudio said:

    arrivato poco fa alert da T1, presi al volo 3 biglietti x Milano non ce n'è quasi più...tacciloro



    In realtà la vendita era già aperta da un paio di giorni, ma accedevano solo quelli iscritti alla mailing list di Wilson a cui era stato inviato un link dedicato. Ecco perché all'apertura ufficiale di Ticketone avete trovato le prime 22 file in platea bassa già occupate.
  • rael71rael71
    Posts: 2,174Member
    A mio parere Wilson non è mai stato un grande compositore di canzoni e dal punto di vista della scrittura lo reputo nella media con un certa tendenza alla ripetizione.
    La sua forza è sempre stata la grande conoscenza della musica pop rock (attenzione non solo degli anni 70) e la grande sensibilità musicale (grazie alla quale è diventato il "remixatore" più richiesto in circolazione) che gli hanno permesso, come è stato già detto da qualcuno, di sintetizzare le sue varie influenze all'interno di una forma impeccabile scegliendo di volta in volta i musicisti più funzionali al progetto.
    Dopo tre album (a mio parere di qualità decrescente) dedicati al progressive più classico vista la sua storia mi sembra naturale che Wilson abbia deciso di cambiare strada, tra l'altro già in HCE c'era già un graduale scivolamento verso una forma più pop e a mio parere uno dei due pezzi per me più riusciti del disco, Perfect Life, ne era un esempio lampante (per onor di cronaca l'altro è Routine).
    Arrivando al singolo mi sembra la solita melodia impeccabilmente wilsoniana (non Brian però...) senza grosse novità  formali se non nelle chitarre vagamente shoegaze del finale: il giudizio per me è comunque insufficiente anche per la voce "XFactoriana" della Tayeb che non mi va giù.
    Di certo non sento le influenze di Kate Bush, Peter Gabriel e tantomeno Talk Talk; a proposito dei TT di quali parliamo? di quelli di It's my life o di Laughing Stock? c'è una bella differenza e io spero che si parli di quest'ultimo, uno dei miei dischi preferiti in assoluto!
    Mi sento comunque di dare fiducia a Wilson che se la è guadagnata in tutti questi anni e ...staremo a vedere!
    Post edited by rael71 at 2017-05-12 22:34:02
    Ciao! Andrea
  • marillionmarillion
    Posts: 7,906Moderator, Redazione
    Ammiro la vostra grande competenza. Con un solo brano riuscite a stroncare un disco. :P
    Sarò sordo e poco competente ma IMHO, anche gli ultimi suoi due album sono di valore assoluto.
    Il fatto che non sia un grande compositore di canzoni non lo avevo mai sentito prima. C'è sempre da imparare. ;)
    Howdy
  • densenpfdensenpf
    Posts: 3,082Member
    rael71 said:

    A mio parere Wilson non è mai stato un grande compositore di canzoni e dal punto di vista della scrittura lo reputo nella media con un certa tendenza alla ripetizione.



      Vi dimenticate troppo in fretta il suo lavoro con i Porcupine, album come The Sky Moves , Signify o In Absentia
      non dicono nulla??
      D'accordo, che a volte e' ripetitivo, ma forse e' il suo marchio di fabbrica.
      
    rael71 said:


    Dopo tre album (a mio parere di qualità decrescente) dedicati al progressive più classico vista la sua storia mi sembra naturale che Wilson abbia deciso di cambiare strada, 



       Anche qui dissento,e non solo l'unico a considerare The Raven, il suo terzo album,come l'apice della sua, finora,
       breve carriera solista. Cosi' come Grace for Drowning lo trovo decisamente superiore al suo primo album troppo
       cupo per i miei gusti.
       Quindi Wilson e' andato in crescendo ai miei occhi, e non l'opposto.
       Poi ci sta' che per questione di gusti si preferisca certe atmosfere, che non altre.
    Saluti Pier
  • rael71rael71
    Posts: 2,174Member
    marillion said:

    Ammiro la vostra grande competenza. Con un solo brano riuscite a stroncare un disco. :P
    Sarò sordo e poco competente ma IMHO, anche gli ultimi suoi due album sono di valore assoluto.
    Il fatto che non sia un grande compositore di canzoni non lo avevo mai sentito prima. C'è sempre da imparare. ;)



    Probabilmente non mi sono spiegato bene; mi sono limitato a giudicare il brano e  a far notare che in esso non riscontravo nessuna delle influenze da lui citate nè tantomeno grosse novità sia dal punto di vista della composizione che dell'arrangiamento.
    Ascolto musica da troppo tempo per giudicare un disco dal singolo e aspetto e comprerò il disco senza alcun pregiudizio e con ottime aspettative come sempre accade con Wilson.


    densenpf said:

    rael71 said:

    A mio parere Wilson non è mai stato un grande compositore di canzoni e dal punto di vista della scrittura lo reputo nella media con un certa tendenza alla ripetizione.



      Vi dimenticate troppo in fretta il suo lavoro con i Porcupine, album come The Sky Moves , Signify o In Absentia
      non dicono nulla??
      D'accordo, che a volte e' ripetitivo, ma forse e' il suo marchio di fabbrica.


    Anche qui probabilmente non mi sono spiegato bene ed emerso un giudizio
    su Wilson ben più severo di quanto sia il mio apprezzamento nei suoi
    confronti visto che seguo i PT da più di vent'anni, li ho visti più volte live, possiedo tutti i dischi e i suoi solisti e provo a spiegarmi meglio
    Ad esempio The sky moves è il mio album preferito dei PT ma anche qui la sua forza non è nelle singole canzoni  ma in come sono sviluppate, arrangiate e suonate (la sinergia con i musicisti è fondamentale); ad esempio la title track non mi sembra una canzone memorabile in sè ma lo diventa per come è sviluppata e con l'unione di sonorità tipicamente floydiane e anni 70 all'elettronica anni 90.
    Per non parlare di Moonloop (uno dei miei brani perferiti dei PT) basato tutto sull'atmosefer e l'improvvisazione
    Il disco di Wilson per me migliore dal punto di vista della scrittura è Stupid Dream un altro dei miei preferiti mentre amo molto meno il periodo più duro da In Absentia in poi.
    densenpf said:

    Dopo tre album (a mio parere di qualità decrescente) dedicati al progressive più classico vista la sua storia mi sembra naturale che Wilson abbia deciso di cambiare strada, 


       Anche qui dissento,e non solo l'unico a considerare The Raven, il suo terzo album,come l'apice della sua, finora,

       breve carriera solista. Cosi' come Grace for Drowning lo trovo decisamente superiore al suo primo album troppo
       cupo per i miei gusti.
       Quindi Wilson e' andato in crescendo ai miei occhi, e non l'opposto.
       Poi ci sta' che per questione di gusti si preferisca certe atmosfere, che non altre.


    Anche qua dovevo essere più esplicito; quanto parlavo dei tre album prog mi riferivo a Grace For Drowning, Raven e HCE. Insurgentes è  un buonissimo album ma ancora in bilico tra le tipiche sonorità dei PT e influenze di prog più classico me (ad es i KC) che invece verrano sviluppate maggiormente in Graze.
    Il migliore dei tre nonchè della sua carriera è per me Grace perchè riesce a sintetizzare le influenze in un suono personale e moderno (vedi ad es Remainder the black dog).
    So che Raven è il più apprezzato (soprattutto dai Progster) e mi piace molto ma per me è inferiore a Grace, gran bel disco impeccabile nel suono ma sembra fatto apposta per "piacere a quelli a cui piace" e soffre a mio parere di un po' di freddezza e eccessivo tecnicismo (preferisco musicisti più umani come Maitland, Edwin  Barbieri e lo stesso Wilson chitarrista ai super musicisti di Raven).
    Non per niente il mio brano preferito è la title track.
    Dell'ultimo abbiamo già detto, sempre impeccabile e in definitiva sempre un buondisco ma musica più tipicamente prog mi pare qualitativamente inferiore a quella dei precedenti e dall'inserimento di una maggiore componente melodica sembra già quasi apparire la voglia di Wilson di andare oltre.

    Comunque meno male che Steven Wilson c'è!
    Spero di aver chiarito la mia posizione di appassionato "critico" di Wilson e scusate la prolissità!
    Ciao! Andrea
  • CristodekCristodek
    Posts: 2,891Member
    Wilson quando ha citato i Talk Talk, Gabriel e i Tears for fears non ha fatto riferimento nello specifico a Pariah, ma all'album. E comunque contestare Wilson è diventato uno sport... ad averne di giganti come lui.
    Post edited by Cristodek at 2017-05-13 14:20:26
  • rael71rael71
    Posts: 2,174Member
    Cristodek said:

    Wilson quando ha citato i Talk Talk, Gabriel e i Tears for fears non ha fatto riferimento nello specifico a Pariah, ma all'album. E comunque contestare Wilson è diventato uno sport... ad averne di giganti come lui.



    Ho capito devo averso perso la capacità di spiegarmi quindi per l'ultima volta ci riprovo:
    1) mi piace molto Steven Wilson ma spero e credo di avere ancora un po' di senso critico
    2) Steven Wilson è uno dei musicisti più importanti degli ultimi vent'anni nell'ambito della musica che ha come  riferimento il rock progressivo sia per gli innumerevoli dischi che per il suo lavoro come produttore, remixatore e divulgatore della stessa; tuttavia a mio avviso Wilson non ha inventato niente ma ha riproposto alla sua maniera una serie di sonorità e musiche preesistenti (voi potrete rispondere quanti l'hanno fatto negli ultimi anni? non molti è vero ma non lui)
    4) non ho espresso alcun giudizio sulle influenze o su un album che uscirà fra 3 mesi ma solo ed esclusivamente sul singolo notando che in quel singolo tali influenze non ci sono ma sono certo ci saranno sicuramente nell'album
    5) comprerò sicuramente l'album e mi aspetto come sempre grandi cose
    6) ho detto che spero che le influenze dei Talk Talk si riferiscano al periodo di Laughing Stock perchè è uno dei miei dischi preferiti in assoluto e non al periodo di It's My Life che non mi piace
    7) esprimere un giudizio (spero) articolato è molto diverso da contestare
    8) (lo riscrivo) Rubando il ritornello ad un memorabile inno politico, meno male che... Steven c'è!!!! :D

    PS non c'è alcun spirito polemico o voglia di flame nel mio scritto ma solo la voglia di precisare la mia posizione e la mia sicuramente opinabile opinione

    Ciao! Andrea
  • CristodekCristodek
    Posts: 2,891Member
    Rael, non avevo letto il precedente post... era chiarissimo!

    p.s. sui talk Talk... secondo me non v'è dubbio che si riferisse al periodo LS
  • rael71rael71
    Posts: 2,174Member
    Cristodek said:

    Rael, non avevo letto il precedente post... era chiarissimo!

    p.s. sui talk Talk... secondo me non v'è dubbio che si riferisse al periodo LS



    Fiuuu!!! Grazie Cristodek, meno male, avevo paura di non essere più capace di scrivere!! b-(

    Per i Talk Talk speriamo... [-O< già qualcosa in tal senso si era sentito in uno dei progetti più sottovalutati ma tra i miei preferiti di Wilson ovvero Storm Corrosion
    Ciao! Andrea
  • Mr.AlexisMr.Alexis
    Posts: 1,463Member
    Già dall'album H.C.E. c'è stata, a mio modesto parere, una "virata pop-rock" (mi si passi il termine) e il singolo rimane, sempre a mio modesto parere, sulla stessa onda ma non concedere "il beneficio del dubbio" a Wilson sarebbe un delitto... cosa che ad esempio non ho fatto con Waters dopo aver ascoltato i due singoli (e ne sono un'estimatore sia chiaro). 
    The Raven al momento rimane per me il suo più bell'album tant'è che fui in prima fila al Teatro Duse di Bologna nel 2013... pura estasi :D
    "Non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini. Abbiamo solo bisogno di più gente onesta" Benedetto Croce