Pazzesco... Da non credere...
  • marcolinomarcolino
    Posts: 479Member
    Questa è da raccontare, magari non interesserà nessuno ma a mio parere la cosa è troppo eclatante per tacerne. Dunque ho deciso di mettervene a parte.

    Allora, volete la versione lunga o la versione breve? No, scherzo. Non esiste alcuna versione breve.
    Chi vorrà dovrà avere pazienza e sorbirsi tutta la vicenda compresi i più minuti particolari.

    Inizia tutto ieri mattina. Avendo alcune ore a disposizione, decido, fra le altre cose, di mettere un po' di ordine nell'impianto in attesa dell'arrivo (previsto in giornata) del nuovo gira. Più che altro pulizie di primavera, fra cui quelle dell'interno dell'ampli (Pioneer A400) che si è un po' riempito di polvere.
    Tolgo pertanto la calotta, e armato di pennellino, aria compressa e aspirapolvere mi accingo all'impresa. Il nuvolone che si alza quando spruzzo l'aria dalla bomboletta mi dice che la cosa era proprio necessaria, e già che ci sono dò un'occhiata a piste, selettori e contatti in generale, fra cui il potenziometro, piuttosto esposto. Noto anche una certa ossidazione del fusibile da 2,5 Amp posto sulla linea di alimentazione, lo tolgo (un po' a fatica perché la posizione è davvero "criminale", tanto è vero che, dimenticatomi ahimè di togliere la spina, mi prendo una bella botta a 220 dai contatti di entrata del cavo di alimentazione - meno male ho le suole di gomma), pulisco bene le superfici metalliche e lo reinserisco, rimetto anche la calotta, avvito il tutto, e visto che ho un po' di tempo prima del pranzo metto su un po' di musica.
    Lo faccio con un CD che ho ascoltato tante di quelle volte che mi meraviglia il fatto che, in qualche modo, non si sia consumato con l'uso, un album del 1988 che ho fin da allora e che reputo uno dei più belli e meglio registrati fra quelli di genere pop-rock che possiedo. Parlo del primo lavoro di Tracy Chapman, un CD dal titolo omonimo, di cui conosco a memoria ogni nota e ogni sfumatura, come pure conosco bene il suono del mio impianto.

    Dunque, lo metto sul vassoio del lettore, premo il Play, mi giro per andare verso la poltrona, e non appena partono i primi accordi di chitarra acustica della Track 1... mi blocco, paralizzato. Oddio. Cosa è successo al mio impianto? Mi giro. No, l'impianto è sempre lì, sempre quello, tutto come prima.
    Solo una cosa è cambiata: il suono. Ascolto con attenzione, e quello che ascolto non mi piace per nulla, anzi: un suono freddo, acido, con l'unico aspetto di un qualche rilievo, in positivo, costituito dai bassi, ora belli definiti e asciutti, senza quel po' di rimbombo che avevano prima (a causa di una poco opportuna, ma obbligata, posizione delle casse), ma con uguale profondità. Ma per il resto: la chitarra sembra un mandolino suonato in lontananza, i piatti della batteria sembrano campanelli del citofono, i
    colpi di grancassa non mi si ripercuotono più nello stomaco, la voce non ha più contorni né fisicità. Il suono è come smagrito, anzi svuotato. Disordinato, convulso.

    Terrore. Una mano di ghiaccio mi stringe il cuore. Mi abbatto sulla poltrona e penso "Adesso mi sveglio", ma no, non è un sogno, cambio freneticamente le tracce, aspetto un quarto d'ora perché gli apparecchi si considerino abbastanza caldi, specie il lettore che ne ha bisogno (ma dopo settimane di rodaggio ormai non serve quasi più), ma nulla cambia.
    Mi agito sulla potrona incapace di trovare una posizione di relax, intanto il tempo passa, devo andare a mangiare e poi al lavoro, mangio in furia un'insalatina che per qualche ora deciderà di trovarsi comoda piazzata sulla bocca dello stomaco, e vado via.

    E intanto penso, penso, penso... Cosa ho fatto? Ho toccato qualcosa che non andava toccato? Ho fatto danni, magari quando mi son preso la botta di alternata? Poi, un'idea: e se fosse... Ma sarebbe assurdo... O forse no? Tanto, del resto, cosa ho da perdere?

    Torno a casa, ceno con calma e con altrettanta calma riprendo in mano il cacciavite, tolgo le viti della calotta dell'ampli, la sollevo, individuo la parte che mi interessa (ma stavolta, vivaddio, mi sono ricordato di staccare la spina), tolgo un componente e lo rimetto in posizione invertita. Chiudo.
    Accendo. Metto su Tracy Chapman. Mi accorgo del tremore delle mani mentre appoggio il CD sul vassoio. Play. Pausa. Mi siedo. Chiudo gli occhi.
    Ci siamo, si va. Play di nuovo. Track 1.
    Eccoci...

    E di colpo, la luce! Tutto suona come prima! Pregi (a mio parere parecchi), difetti, tutto è come lo ricordavo e contemporaneamente tutto mi appare nuovo! Il cuore accelera, gli occhi si inumidiscono, chiamo mia moglie e le racconto tutto, lei mi guarda con l'ennesimo sguardo di compassione, non mi importa, è tutto ok ora, e giuro, giuro a me stesso che non leggerò più con scetticismo certe descrizioni nirvaniche di qualche componente che miracolisticamente stravolge il suono di un impianto, perché a me, signori, è bastato inserire (per sbaglio) un fusibile alla rovescia per non riconoscere più quello che ascoltavo, e rimetterlo come prima per ottenere di nuovo quello che desideravo ascoltare.

    Ora, padronissimi di non credermi, o di pensare che ieri avevo le orecchie intasate; io vi dico semplicemente quello che è accaduto, e se qualcuno mi dirà e mi dimostrerà che c'é una spiegazione semplicissima per tutto questo, ben lieto di leggerla, altrimenti rimarrà nel novero dei misteri della riproduzione audio.

    Per quanto mi riguarda, tutto ciò è anche un po' terrorizzante, perché magari chissà quanti impianti sono stati stravolti (stravolgendo anche la psiche di legioni di audiofili insoddisfatti) semplicemente per un componente, un cavo, una spina magari inseriti dal lato sbagliato.

    C'è un insegnamento in tutto questo? Non lo so, ognuno trarrà il proprio, se crede, io, umile cronista di una minuta disavventura, riporto ciò che è accaduto perché serva anche un po' da stimolo e da riflessione: a volte non solo le leggi della fisica, ma qualcosa di più imponderabile governa le proprietà dei nostri impianti.

    Un saluto



    Modificato da - marcolino il 07/04/2012 20:58:21
  • revenge1revenge1
    Posts: 16,644Member
    normale... si chiama sindrome da CCI... la 220 a volte è terribile...image

    Antonino
  • dufaydufay
    Posts: 62,453Member
    quote:
    normale... si chiama sindrome da CCI... la 220 a volte è terribile...image

    Antonino



    Già è vero che il cicciaro consiglia di girare i fusibili. E' assurdo... Non bisogna girare i fusubili ma girare l'intera elettronica.

    Non scherzo: avete presente come i carabinieri cambiano una lampadina?...
    Daje de punta daje de tacco.
  • Esprit
    Posts: 79,900Moderator, Redazione
    quote: Non bisogna girare i fusubili ma girare l'intera elettronica.
    Fronte retro o sotto sopra?
  • dufaydufay
    Posts: 62,453Member
    quote:
    quote: Non bisogna girare i fusubili ma girare l'intera elettronica.
    Fronte retro o sotto sopra?


    Bisogna fare delle prove... anche di lato. Io i risultati migliori li ottengo lanciando in aria l'elettronica, lasciando cioè fare al caso.
    Daje de punta daje de tacco.
  • bungalow bill
    Posts: 19,958Member
    Oppure buttarla nella vasca da bagno colma d'acqua.

    M
  • paride
    Posts: 1,763Member
    non preoccuparti degli sfottò..
    ti credo: certe cose non le racconto proprio per questo.
    grazie, comunque per il contributo.
    Ciao. Paride
  • NoFateNoFate
    Posts: 4,124Member
    Infatti alla cetena di montaggio della Pioneer c'è l'addetto al contro del senso dei fusibili, non lo sapevi?!

    Al terzo errore riscontrato, l'operaio deve fare seppuku!



    *****
    Fastweb? No grazie, se la conosci la eviti!
    *****
    Sono un SUVvista da 25 anni e non ho intenzione di redimermi, per questo andrò all'inferno.... Beh che volete che vi dica, almeno ci andrò comodo!
    *****
    Alle CERWIN-VEGA! "ie fa' na' sega!"
    Fastweb? No grazie, se la conosci la eviti! * Sono un SUVvista da 30 anni e non ho intenzione di redimermi, per questo andrò all'inferno.... Beh che volete che vi dica, almeno ci andrò comodo! * Alle CERWIN-VEGA! "ie fa' na' sega!"
  • NoFateNoFate
    Posts: 4,124Member
    Comunque....

    Visto che "la posizione è davvero "criminale"" mi viene il sospetto che tu non abbia pulito come si deve i contatti della sede del fusibile e che al secondo innesto...... ammesso che il primo fosse fatto in modo consono.

    *****
    Fastweb? No grazie, se la conosci la eviti!
    *****
    Sono un SUVvista da 25 anni e non ho intenzione di redimermi, per questo andrò all'inferno.... Beh che volete che vi dica, almeno ci andrò comodo!
    *****
    Alle CERWIN-VEGA! "ie fa' na' sega!"
    Fastweb? No grazie, se la conosci la eviti! * Sono un SUVvista da 30 anni e non ho intenzione di redimermi, per questo andrò all'inferno.... Beh che volete che vi dica, almeno ci andrò comodo! * Alle CERWIN-VEGA! "ie fa' na' sega!"
  • briandinazareth
    Posts: 43,895Member
    quote:
    Infatti alla cetena di montaggio della Pioneer c'è l'addetto al contro del senso dei fusibili, non lo sapevi?!

    Al terzo errore riscontrato, l'operaio deve fare seppuku!



    :)
    la vita ha un significato? Perché esistiamo? Che cosa è l'uomo? Tutti i tentativi di rispondere a questa domanda prima del 1859 sono privi di valore, e faremmo meglio ad ignorarli completamente
  • Esprit
    Posts: 79,900Moderator, Redazione
    quote: Io i risultati migliori li ottengo lanciando in aria l'elettronica, lasciando cioè fare al caso.
    Quanto punti ad ogni lancio?
  • meridianmeridian
    Posts: 8,055Member
    Ciao ,

    interessante il tuo racconto ,

    mi convinco sempre di più che solo le orecchie possono , nel proprio sistema , dire qualche cosa di utile e costruttivo in un mare di parole inutili , di concetti sterili e di cose riportate per sentito dire . . .

    Sono anche convinto che il fascino e la complessità dell ' ascolto musicale stanno anche nel fatto che, per fortuna o per disgrazia, non tutto è spiegabile, non tutto si può ricondurre ad una legge , ad un' equazione , ad una somma algebrica di 1+1+1 = 3 , spesso è uguale a 4 o 5 o 2 o zero , a seconda di come certi elementi e determinati aspetti del sistema interagiscono e forse . . . .

    se così non fosse , il nostro hobby , la nostra passione , si ridurrebbe a un mero elenco di oggetti , componenti , numeri , decibel , sensibilità , ma senza pathos , passione , coinvolgimento e anche diversità , che resta un patrimonio da preservare e coltivare .

    Che poi ci sia qualche ragazzaccio che deve per forza fare la battuta , beh è intrinseco nella specie Homo Sapiens , si deride ciò che non si capisce o non interessa , salvo poi esserci dentro a propria volta e stupirsi dell ' effetto che fa !!!!!!!! image

    Saluti , Dario
    Jazz : musica in cui la stessa nota può essere suonata ogni volta in modo diverso. Ornette Coleman
  • zagor333zagor333
    Posts: 4,538Member
    quote:
    Questa è da raccontare, magari non interesserà nessuno ma a mio parere la cosa è troppo eclatante per tacerne. Dunque ho deciso di mettervene a parte.

    Allora, volete la versione lunga o la versione breve? No, scherzo. Non esiste alcuna versione breve.
    Chi vorrà dovrà avere pazienza e sorbirsi tutta la vicenda compresi i più minuti particolari.

    Inizia tutto ieri mattina. Avendo alcune ore a disposizione, decido, fra le altre cose, di mettere un po' di ordine nell'impianto in attesa dell'arrivo (previsto in giornata) del nuovo gira. Più che altro pulizie di primavera, fra cui quelle dell'interno dell'ampli (Pioneer A400) che si è un po' riempito di polvere.
    Tolgo pertanto la calotta, e armato di pennellino, aria compressa e aspirapolvere mi accingo all'impresa. Il nuvolone che si alza quando spruzzo l'aria dalla bomboletta mi dice che la cosa era proprio necessaria, e già che ci sono dò un'occhiata a piste, selettori e contatti in generale, fra cui il
    potenziometro, piuttosto esposto. Noto anche una certa ossidazione del fusibile da 2,5 A posto sulla linea di alimentazione, lo tolgo (un po' a fatica perché la posizione è davvero "criminale", tanto è vero che, dimenticatomi ahimè di togliere la spina, mi prendo una bella botta a 220 dai contatti di entrata
    del cavo di alimentazione - meno male ho le suole di gomma), pulisco bene le superfici metalliche e lo reinserisco, rimetto anche la calotta, avvito il tutto, e visto che ho un po' di tempo prima del pranzo metto su un po' di musica.
    Lo faccio con un CD che ho ascoltato tante di quelle volte che mi meraviglia il fatto che, in qualche modo, non si sia consumato con l'uso, un album del 1988 che ho fin da allora e che reputo uno dei più belli e meglio registrati fra quelli di genere pop-rock che possiedo. Parlo del primo lavoro di Tracy Chapman, un CD dal titolo omonimo, di cui conosco a memoria ogni nota e ogni sfumatura, come pure conosco bene il suono del mio impianto.

    Dunque, lo metto sul vassoio del lettore, premo il Play, mi giro per andare verso la poltrona, e non appena partono i primi accordi di chitarra acustica della Track 1... mi blocco, paralizzato. Oddio. Cosa è successo al mio impianto? Mi giro. No, l'impianto è sempre lì, sempre quello, tutto come prima.
    Solo una cosa è cambiata: il suono. Ascolto con attenzione, e quello che ascolto non mi piace per nulla, anzi: un suono freddo, acido, con l'unico aspetto di un qualche rilievo, in positivo, costituito dai bassi, ora belli definiti e asciutti, senza quel po' di rimbombo che avevano prima (a causa di una poco opportuna, ma obbligata, posizione delle casse), ma con uguale profondità. Ma per il resto: la chitarra sembra un mandolino suonato in lontananza, i piatti della batteria sembrano campanelli del citofono, i
    colpi di grancassa non mi si ripercuotono più nello stomaco, la voce non ha più contorni né fisicità. Il suono è come smagrito, anzi svuotato. Disordinato, convulso.

    Terrore. Una mano di ghiaccio mi stringe il cuore. Mi abbatto sulla poltrona e penso "Adesso mi



    sveglio", ma no, non è un sogno, cambio freneticamente le tracce, aspetto un quarto d'ora perché gli apparecchi si considerino abbastanza caldi, specie il lettore che ne ha bisogno (ma dopo settimane di rodaggio ormai non serve quasi più), ma nulla cambia.
    Mi agito sulla potrona incapace di trovare una posizione di relax, intanto il tempo passa, devo andare a mangiare e poi al lavoro, mangio in furia un'insalatina che per qualche ora deciderà di trovarsi comoda piazzata sulla bocca dello stomaco, e vado via.

    E intanto penso, penso, penso... Cosa ho fatto? Ho toccato qualcosa che non andava toccato? Ho fatto danni, magari quando mi son preso la botta di alternata? Poi, un'idea: e se fosse... Ma sarebbe assurdo... O forse no? Tanto, del resto, cosa ho da perdere?

    Torno a casa, ceno con calma e con altrettanta calma riprendo in mano il cacciavite, tolgo le viti




    della calotta dell'ampli, la sollevo, individuo la parte che mi interessa (ma stavolta, vivaddio, mi sono ricordato di staccare la spina), tolgo un componente e lo rimetto in posizione invertita. Chiudo.
    Accendo. Metto su Tracy Chapman. Mi accorgo del tremore delle mani mentre appoggio il CD sul vassoio. Play. Pausa. Mi siedo. Chiudo gli occhi.
    Ci siamo, si va. Play di nuovo. Track 1.
    Eccoci...

    E di colpo, la luce! Tutto suona come prima! Pregi (a mio parere parecchi), difetti, tutto è come lo ricordavo e contemporaneamente tutto mi appare nuovo! Il cuore accelera, gli occhi si inumidiscono, chiamo mia moglie e le racconto tutto, lei mi guarda con l'ennesimo sguardo di compassione, non mi importa, è tutto ok ora, e giuro, giuro a me stesso che non leggerò più con scetticismo certe descrizioni nirvaniche di qualche componente che miracolisticamente stravolge il suono di un impianto, perché a me, signori, è bastato inserire (per sbaglio) un fusibile alla rovescia per non riconoscere più quello che ascoltavo, e rimetterlo come prima per ottenere di nuovo quello che desideravo ascoltare.

    Ora, padronissimi di non credermi, o di pensare che ieri avevo le orecchie intasate; io vi dico semplicemente quello che è accaduto, e se qualcuno mi dirà e mi dimostrerà che c'é una spiegazione sepmplicissima per tutto questo, ben lieto di leggerla, altrimenti rimarrà nel novero dei misteri della riproduzione audio.

    Per quanto mi riguarda, tutto ciò è anche un po' terrorizzante, perché magari chissà quanti impianti sono stati stravolti (stravolgendo anche la psiche di legioni di audiofili insoddisfatti) semplicemente
    per un componente, un cavo, una spina magari inseriti dal lato sbagliato.

    C'è un insegnamento in tutto questo? Non lo so, ognuno trarrà il proprio, se crede, io, umile cronista di una minuta disavventura, riporto ciò che è accaduto perché serva anche un po' da stimolo e da riflessione: a volte non solo le leggi della fisica, ma qualcosa di più imponderabile governa le proprietà dei nostri impianti.

    Un saluto


    Per curiosità, togli il cavo della corrente, apri il tuo integrato, inverti di nuovo il fusibile, chiudi il tutto e riavvia il tuo impianto con il tuo CD di riferimento, e senti cosa accade.
    Ciao, Roberto

    "Noi siamo l'elemento umano nella macchina e siamo liberi sotto alle nuvole..."
    Roberto
    "Più veloci di aquile i miei sogni attraversano il mare."
    McIntosch MCD500, MBL Corona C51, Fisher & Fisher SN370, Grado Spirit Labs MMXVI Series
  • marcolinomarcolino
    Posts: 479Member
    quote:

    Per curiosità, togli il cavo della corrente, apri il tuo integrato, inverti di nuovo il fusibile, chiudi il tutto e riavvia il tuo impianto con il tuo CD di riferimento, e senti cosa accade.
    Ciao, Roberto

    "Noi siamo l'elemento umano nella macchina e siamo liberi sotto alle nuvole..."


    Sì, lallero! image

    No, guarda, primo non mi va di slogarmi di nuovo le dita per togliere quel maledetto fusibile, poi l'ampli è in una posizione tale che per togliere le viti va spostato, staccati i cavi, eccetera, e io sono pigro e mi voglio godere questi giorni di riposo per la Santa Pasqua - soprattutto non voglio togliere tempo agli ascolti che già mi prefiggo e sto pregustando, per cui visto che mi è andata di culo così, tutto rimane com'è e buonanotte ai suonatori! image

    Un saluto



    Modificato da - marcolino il 07/04/2012 20:58:05
  • goldenvoicegoldenvoice
    Posts: 1,286Member
    quote:
    quote:

    Per curiosità, togli il cavo della corrente, apri il tuo integrato, inverti di nuovo il fusibile, chiudi il tutto e riavvia il tuo impianto con il tuo CD di riferimento, e senti cosa accade.
    Ciao, Roberto

    "Noi siamo l'elemento umano nella macchina e siamo liberi sotto alle nuvole..."


    Sì, lallero! image

    No, guarda, primo non mi va di slogarmi di nuovo le dita per togliere quel maledetto fusibile, poi l'ampli è in una posizione tale che per togliere le viti va spostato, staccati i cavi, eccetera, e io sono pigro e mi voglio godere questi giorni di riposo per la Santa Pasqua - soprattutto non voglio togliere tempo agli ascolti che già mi prefiggo e sto pregustando, per cui visto che mi è andata di culo così, tutto rimane com'è e buonanotte ai suonatori! image

    Un saluto



    Modificato da - marcolino il 07/04/2012 20:58:05


    Allora prova almeno a girare la spina, forse era in controfase. Tanto per curiosità.

    Saluti!
    Mario.
  • krodolfokrodolfo
    Posts: 1,581Member
    0può essere che il fusibile non fosse semplicemente invertito ma che fosse anche posizionato in modo da dare un contatto labile?

    Ipotizzo... non ironizzo.
    Moi aussi!
  • Esprit
    Posts: 79,900Moderator, Redazione
    quote: interessante il tuo racconto ,
    Interessante la tua risposta identica nei vari 3ad image
  • NoFateNoFate
    Posts: 4,124Member
    quote:
    Ciao ,

    interessante il tuo racconto ,

    mi convinco sempre di più che solo le orecchie possono , nel proprio sistema , dire qualche cosa di utile e costruttivo in un mare di parole inutili , di concetti sterili e di cose riportate per sentito dire . . .

    Sono anche convinto che il fascino e la complessità dell ' ascolto musicale stanno anche nel fatto che, per fortuna o per disgrazia, non tutto è spiegabile, non tutto si può ricondurre ad una legge , ad un' equazione , ad una somma algebrica di 1+1+1 = 3 , spesso è uguale a 4 o 5 o 2 o zero , a seconda di come certi elementi e determinati aspetti del sistema interagiscono e forse . . . .

    se così non fosse , il nostro hobby , la nostra passione , si ridurrebbe a un mero elenco di oggetti , componenti , numeri , decibel , sensibilità , ma senza pathos , passione , coinvolgimento e anche diversità , che resta un patrimonio da preservare e coltivare .

    Che poi ci sia qualche ragazzaccio che deve per forza fare la battuta , beh è intrinseco nella specie Homo Sapiens , si deride ciò che non si capisce o non interessa , salvo poi esserci dentro a propria volta e stupirsi dell ' effetto che fa !!!!!!!! image

    Saluti , Dario


    Qualche volta mi è capitato che mi si siano girati i..... fusibili e mai ho sentito la minima differenza nel suono o in qualsiasi altro parametro.

    Le prime due cause logiche che mi sono venute in mente le ho scritte, potrebbero essercene altre, ma non il senso del fusibile, altrimenti sarebbe ben indicato dai costruttori/progettisti dato che sarebbe la cosa più semplice di questo mondo il farlo, no?!



    *****
    Fastweb? No grazie, se la conosci la eviti!
    *****
    Sono un SUVvista da 25 anni e non ho intenzione di redimermi, per questo andrò all'inferno.... Beh che volete che vi dica, almeno ci andrò comodo!
    *****
    Alle CERWIN-VEGA! "ie fa' na' sega!"
    Fastweb? No grazie, se la conosci la eviti! * Sono un SUVvista da 30 anni e non ho intenzione di redimermi, per questo andrò all'inferno.... Beh che volete che vi dica, almeno ci andrò comodo! * Alle CERWIN-VEGA! "ie fa' na' sega!"
  • johnmupjohnmup
    Posts: 1,830Member
    A volte lo trovo un mondo un po pazzo. Anche a me veniva da dire che magari nei due casi la spina di alimentazione era girata. Sul fusibile girato ho pesanti dubbi che fosse il colpevole.

    La cosa più banale che mi viene in mente, a parte la spina girata ... non è che i diffusori erano in controfase, problema risolto quando hai ricollegato il tutto? Capita di ricollegare in modo errato, anche nelle migliori famiglie ...
  • GianGastoneGianGastone
    Posts: 37,222Member
    Contatto sporco, tolto il fusibile, patina che finisce dove il poco contatto rimasto era libero, messo fusibile, brutto risultato, tolto fusibile, patina di sporco casualmente rimossa, rimesso fusibile, ascolto regolare, poco importa il verso del fusibile...


    Sergio
  • meridianmeridian
    Posts: 8,055Member
    quote:
    [quote] interessante il tuo racconto ,
    Interessante la tua risposta identica nei vari 3ad [:

    Mi sembrava pertinente ! ! image

    Saluti , Dario
    Jazz : musica in cui la stessa nota può essere suonata ogni volta in modo diverso. Ornette Coleman
  • marcolinomarcolino
    Posts: 479Member
    Non so che dirvi, ragazzi. La spina di alimentazione l'ho reinserita nel modo esatto in cui è sempre stata (è contrassegnata, non si scappa, inoltre già per prova in altre occasioni avevo provato a cambiarla di verso, se differenze nella riproduzione c'erano , erano talmente deboli da ascriverle al capitolo "autosuggestioni"), i cavi di potenza non li ho toccati, quelli di segnale sì ma è una cosa che ho fatto un po' di volte ultimamente per provare altri cavi e non ho mai riscontrato un risultato simile, mentre sul discorso della patina di ossidazione del fusibile rimossa o non rimossa, dico solo questo: sono sicuro di aver messo il fusibile alla rovescia perché ricordo molto bene (o meglio l'ho ricordato quando ho aperto la seconda volta l'ampli) che la punzonatura del valore di amperaggio segnata su una delle estremità del fusibile stesso la leggevo capovolta quando ho aperto per pulire (il fusibile è parallelo alle fiancate dell'apparecchio), mentre alla seconda apertura la leggevo diritta, segno certo dell'inversione del dispositivo. Fra l'altro i morsetti del portafusibile hanno un "effetto molla" piuttosto pronunciato, il fusibile o è ben inserito o scappa via, tutto o nulla insomma.
    Questi sono i fatti.

    Che possa aver pulito male o non pulito affatto in occasione della prima rimozione, è un'ipotesi ma non la ritengo valida perché il risultato non sarebbe cambiato. Né sarebbe tornato quello di prima con una pulitura più accurata (in ogni caso, le estremità metalliche del fusibile le avevo riportate a specchio già al primo intervento, mentre i contatti del portafusibile essendo di metallo già opaco li ho puliti ma non ho notato differenza di aspetto). Questo la prima volta, la seconda non ho toccato nulla, solo rimosso il fusibile e girato di verso.

    Per il resto, sono sicuro di ciò che ho sentito prima e dopo, e vi garantisco che come esperienza non è stata piacevole e non desidero ripeterla... image

    Un saluto




    Modificato da - marcolino il 08/04/2012 12:29:56
  • luca4
    Posts: 3,267Member
    Però ripetendo l'operazione avresti la certezza definitiva che sia il verso del fusibile oppure no.
    Fai un po' tu........
    Ma se riprovi facci sapere come è andata !!
  • Member_0019
    Posts: 12,977Member
    quote:
    Oppure buttarla nella vasca da bagno colma d'acqua.

    M


    accesa.




    marshal Max


  • revenge1revenge1
    Posts: 16,644Member
    siete de' coccio...image

    http://motxam.interfree.it/fusibili.html



    Antonino
  • Rossano.MarcheRossano.Marche
    Posts: 6,263Member
    non credo che i fusibili abbiano un verso...almeno io la vedo così !


    probabilmente hai tolto solamente dello sporco come ti anno detto

    riprova a rimetterlo come quando non ti andava bene e poi facci sapere

    personalmente ho cambiato i fusibili alle mie maggie 1.7 originali con quelli cosidetti "super fusibili"...ho fatto molte prove..mettendoli da un verso e viceversa.risultato...?..nessuna differenza in confronto a quelli originali..qualunque sia il verso usato..

    comunque se ce lo racconti un motivo ci sarà di sicuro...io ti credo sulla parola..cosa sia successo non ne ho la più pallida idea...però dubito francamente che il colpevole sia il fisibile.


    ottimi ascolti,rossano

    [url="http://www.videohifi.com/forum/"]image[/url]

    (attenti...il nemico ci segue)
    Rossano.marche.(ex gosten84)
    Ama e fai ciò che vuoi.(cit..san Agostino)
  • Anch'io ho fatto caso se cambiasse qualcosa ma non ho mai riscontrato cambiamenti.
    Insomma come quando sembra che la ADSL sembra non andare bene, facccciamo fatica ad aprire alcune pagine in internet e chiamiamo il 187
    Spesso non c'è nessun problema, ma il computer che fino a ierì non dava problemi ora li dà e magicamente domano no. Questo l'ho verificato da quando ho un secondo computer.
    Sono macchine o megli elettroniche e dipendono da molti fattori, Enel compressa

    Saluti
    Lino

    Modificato da - terlino il 08/04/2012 07:47:17
    Saluti
    Pasquale Terzi
  • piergiorgiopiergiorgio
    Posts: 18,773Member
    quote:ma qualcosa di più imponderabile governa le proprietà dei nostri impianti.


    sara' Pasqua di resurrezione anche per loro...
    a parte gli scherzi, i contatti del fusibile saranno stati belli ossidati, il toglierlo/rimetterlo ha ripristinato il contatto che si era degradato la prima volta; il fatto che tu lo abbia messo girandolo e' un caso : del resto anche la prima volta non sei sicuro al 100% di averlo rimontato nel verso opposto, potresti benissimo averlo rimontato tale e quale a prima ed averlo ora, rimontandolo al contrario, averlo appunto al contrario rispetto al senso originale.
    Ciao
    Piergiorgio
    ...se suona bene, suona bene...
    Internet adesso e' piena di perdenti, mediocri e gente che altrove non
    ha dignità per esprimere nulla se non il proprio vuoto esistenziale


    Modificato da - piergiorgio il 08/04/2012 08:42:27
  • BiggyBiggy
    Posts: 3,491Member
    Caro Marcolino, posso dirti che certi marchi di cavi a cui va fatto il rodaggio nelle prime 100 ore di utilizzo effettivo suonano esattamente come hai descritto il tuo fusibile invertito.

    Come hai detto, forse ora non considererai più pazzo chi ti parla di certi stravolgimenti.

    Non perdere tempo appresso a chi cerca spiegazioni bizzarre per ciò che è successo e/o ha orgasmi multipli nell'attribuire agli altri abbagli da psicoacustica o autoconvincimento, sii sicuro di ciò che hai sentito, perché se sei sicuro di averlo sentito in maniera così netta era davvero così.

    Ho una mia teoria sull'accaduto comunque: il fusibile nel tempo ha rodato "polarizzandosi" in quel verso, se tu lo girassi e facessi fare al sistema un nuovo "mini-rodaggio" dopo un pò forse lo sentiresti suonare come lo conosci.

    Saluti

    Emanuele
    C'era un Architetto molto ingegnoso che aveva escogitato un nuovo Metodo per costruire Case, cominciando dal tetto, e lavorando all'ingiu' fino alle Fondamenta (Jonathan Swift)

  • GianGastoneGianGastone
    Posts: 37,222Member
    quote:


    Non perdere tempo appresso a chi cerca spiegazioni bizzarre per ciò che è successo...

    Ho una mia teoria sull'accaduto comunque: il fusibile nel tempo ha rodato "polarizzandosi" in quel verso, se tu lo girassi e facessi fare al sistema un nuovo "mini-rodaggio" dopo un pò forse lo sentiresti suonare come lo conosci.

    Saluti

    Emanuele



    Questa teoria invece non e' bizzarra...nooo...neanche un po'...

    Sergio
  • joe1949joe1949
    Posts: 37,521Member
    Mah...è proprio vero: non c' è più la "buona roba" di una volta!!...imageimage

    joe1949
    Saluti a tutti - Fabio, Valdobbiadene (TV) - Je suis Paris