MiniDSP DDRC-22D versus DSPeaker Anti-Mode 2.0 Dual Core
  • FelisFelis
    Posts: 638Member
    Dirac a parte per il primo, come si comportano? Pregi? Difetti? Differenze?
    Grazie. 
    :)
    Post edited by Esprit at 2017-04-21 15:28:15
    Sonador de concenti su grandi et antiqui stromenti dotadi de pedali
  • FelisFelis
    Posts: 638Member
    Sonador de concenti su grandi et antiqui stromenti dotadi de pedali
  • GasVanTarGasVanTar
    Posts: 2,424Member
    In soldoni, per quello che ho letto, l'antimode funziona stand alone (può fare anche da pre e da dac) e corregge prevalentemente le basse fequenze o poco più. Il mini dsp fa la correzione sull'intero spettro di fequenze e almeno all'inizio ha bisogno di essere connesso ad un PC.
    I tecnici sapranno essere più esaustivi.
    Gaspare iVan atTardi
  • FelisFelis
    Posts: 638Member
    Grazie mille. Attendo altri pareri...
    Sonador de concenti su grandi et antiqui stromenti dotadi de pedali
  • ZapuanZapuan
    Posts: 5,000Member
    Se non ricordo male l'antimode non è mixed phase... quindi sostanzialmente un equalizzatore.
    Dirac invece corregge anche l'impulso, che è la cosa più importante.
    Il PIL misura tutto, tranne quello che rende la vita degna di essere vissuta. (Bob Kennedy). (Casualmente ucciso).
  • FelisFelis
    Posts: 638Member
    Post edited by Felis at 2017-04-21 13:53:47
    Sonador de concenti su grandi et antiqui stromenti dotadi de pedali
  • inmydreamsinmydreams
    Posts: 174Member
    Ho da poco venduto il dspeaker ma adesso mi trovo nella tua stessa situazione....ovvero non so ancora in che direzione muovermi!!
    Allora il dspeaker per me rende al meglio entrando in digitale ed usando il suo dac interno....ha quindi il vantaggio dell ingresso usb....mentre se parliamo di pc come sorgente....con il DDRC dovresti usare un convertitore usb/spdif quindi maggiori connessioni e cavi in più....per poi arrivare al DDRC dove ancora una volta devi uscire per andare ad un dac esterno! quindi guarda che aggiunta di cavi e punti di contatto....certo c'è chi dice che non fa niente e che sono solo paranoie audiofile....mentre c'è chi sostiene che facendo tutti questi passaggi tra elaborazioni di clock e upsampling diversi si andrebbe ad ottenere come un ' effetto di una "fotocopia" dell originale....che se vista da sola puó sembrare ottima, ma se sovrapposta all originale si andrebbe a notare di quanto sia lontana da essa!!
    bah....allora mi sono detto "vado di dirac live suite da pc" perô avrei la preferenza di equalizzare anche ció che proviene dalla tv (lo so la priorità ce l'ha la musica....ma trovandomi comunque a spendere non pochi soldi...) e quindi niente!
    Ho notato che hanno fatto il DDRC24 che ha ingresso usb, ingresso analogico proprio come il dspeaker....ma NON HA uscita digitale quindi ti vincola per sempre al dac interno! In più ho chiesto a rivenditori vari e al produttore perchè mai il DDRC 24 costa anche meno del DDRC 22 pur avendo più soluzioni! Ancora non rispondono

    ....qualcuno ne sa qualcosa? se c sono differenze nella progettazione interna....nella potenza di calcolo...non so!

    Comunque sono anch io bloccato....fatto sta che di base il dspeaker corregge fino ai 200hz....peeeeeró ció che non mi piaceva era che stabilisce la curva in automatico....poi se si vuole tornare "verso l'originale" ma senza rimbombi, c'è la funzione house curve che alza la curva dei bassi massimo di 6db....ma questo è indicativo perchè se l intervento che lui fa in automatico è troppo lontano dalla potenza sulle basse che si cerca, non c'è modo di aumentare troppo altrimenti il tutto inizia a suonare abbastanza compresso!! è questo che mi ha frenato perchè giusto o sbagliato che sia DIRAC almeno ti da scelta di quanti db scendere eliminando i picchi ed è più semplice scegliersi il suono che più sposa i propri gusti (calcola che non ascolto ne classica ne jazz).
    Il dac del dspeaker devo dire la verità è di tutto rispetto rimanendo peró nella sua fascia di prezzo. Non è estremo in nessun ambito...tende al neutro con la giusta dose di dettagli(non iper) e anche il giusto peso sulle basse e ricordo una gamma media bella presente ed asciutta!
    Ah per uscire in digitale ad un dac esterno c'è solo la connessione ottica disponibile....per quanto possa piacere o meno!
    In quanto a stabilità....io l ho portato allo stress totale con parecchie prove A/B...normale bypass...equalizzato e non....cambio profili....diciamo che qualche cedimento l ha avuto....tipo glitch nel suono riprodotto...cioe gli ho causato crisi di panico hahahahah peró bastava scollegare l alim e tutto tornava ok....ovviamente finite le prove, settato una volta per tutte e usato con decenza non credo debba dare problemi (avevo l ultimo firmware disponibile installato)
    Comunque sono anch io bloccato nel senso che il dspeaker ha una versatilità di connessioni superiore....e soprattutto fai svolgere tutto internamente....al massimo aggiungendo un dac esterno (che per essere superiore mi sa che bisogna andare dai 1000 a salire) mentre i DDRC beneficiano della soluzione dirac che in più ho notato che gestisce anche il gain ed il delay del singolo altoparlante in caso di posizioni asimmetriche e su questo ho chiesto a dspeaker se questa funzione è implementata nel dual core...ma non ho ricevuto una risposta chiara!!
    QUALCUNO CI AIUTA????? hahahahaha
    Saluti a tutti
  • inmydreamsinmydreams
    Posts: 174Member
    ah....ti aggiungo la foto della questione "effetto fotocopia" di cui prima....presa da un forum straniero, dove un utente faceva quest' affermazione con tanto di spiegazioni tecniche....adesso non so quanto ci sia di vero/udibile nel risultato finale....però è bastato a disturbare i miei sogni tranquilli! =))

  • inmydreamsinmydreams
    Posts: 174Member
    ah....e qui si parla sempre dello stesso clock....ma prendiamo l'esempio di un file in liquida a 44.1....entra nel DDRC che lavora di suo a 96....che poi esce e dovrebbe andare in un dac che se non lavora anch'esso a 96...ci sarebbe un ulteriore UPsampling o Downsampling.......sbaglio e mi sono perso qualcosa? non so....qualcuno faccia luce sulla faccenda! ~X(
  • FelisFelis
    Posts: 638Member
    Grazie del contributo @inmydreams!
    Ma il DDRC lavora sempre e solo in upsampling? Non c'è verso di adattarlo al bitrate in entrata?
    Boh.
    La mia situazione è un po' particolare:
    io ho le KEF LS50 con sub che hanno già il dac interno e un po' di DSP configurabile (non in profondità come si potrebbe fare con DIRAC). Queste KEF hanno come ingressi digitali USB, e ottico. Magari il jitter (anche se ci credo poco, visto che sincronizzare un clock al giorno d'oggi è una sciocchezza) è trascurabile entrando ed uscendo con USB. Tra l'altro le KEF hanno il crossover attivo per canale e un dac per driver, quindi la "rimessa in fase" che farebbe Dirac (eccetto per il sub) per me sarebbe probabilmente superflua. 
    image
    Probabilmente il MiniDSP è superiore al Anti mode ma a questo punto se uno usa sempre il computer potrebbe andare anche la versione software di DIRAC e basta...
    Boh, boh e straboh.
    Post edited by Felis at 2017-04-21 16:54:23
    Sonador de concenti su grandi et antiqui stromenti dotadi de pedali
  • ZapuanZapuan
    Posts: 5,000Member
    La versione dirac su PC può processare l'audio della TV. Basta entrare da una scheda audio e configurare l'ascolto sull'ingresso.
    Leggete i thread di acustica architettonica. Più o meno è stato trattato già tutto...
    Il PIL misura tutto, tranne quello che rende la vita degna di essere vissuta. (Bob Kennedy). (Casualmente ucciso).
  • inmydreamsinmydreams
    Posts: 174Member
    Zapuan said:

    La versione dirac su PC può processare l'audio della TV. Basta entrare da una scheda audio e configurare l'ascolto sull'ingresso.
    Leggete i thread di acustica architettonica. Più o meno è stato trattato già tutto...



    che scheda/interfaccia consiglieresti con ingresso digitale toslink a prezzi "umani"??
    potrei entrare da questa e continuare ad usare come uscita l' usb del dac....o questo potrebbe creare problemi??
  • Fabio CottatellucciFabio Cottatellucci
    Posts: 21,737Member
    Felis said:
    Non ho provato il MiniDSP, ma posso dirti che il DSpeaker è un compromesso ragionevolissimo: non arriva al nirvana dell'audio ma risolve i problemi di una gran quantità di impianti "terreni" anche di alta qualità, con una grande agilità operativa. Io l'ho messo alla prova in modo molto duro, e mi ha sorpreso.

    E comunque, l'importatore concede un generoso periodo di prova entro cui esercitare il recesso; il mio vero consiglio è: compralo, impiega il poco tempo che sevre a metterlo in azione, e poi decidi se hai ancora realmente delle esigenze insoddisfatte e se ti va di imparare a usare altri strumenti per soddisfarle.
    Quando il saggio indica la luna, l’audiofilo gli morde il dito.
  • FlavioFlavio
    Posts: 931Industry, SUPPORTER
    Zapuan said:

    Se non ricordo male l'antimode non è mixed phase... quindi sostanzialmente un equalizzatore.
    Dirac invece corregge anche l'impulso, che è la cosa più importante.



    Poche (esatte) parole che sintetizzano la sostanza :)

    Flavio
    Post edited by Flavio at 2017-04-22 19:17:13
    Warning: I miei posts possono essere di parte anche se in buona fede, io lavoro per Dirac Research :-)
  • FelisFelis
    Posts: 638Member
    Grazie a tutti!
    Sonador de concenti su grandi et antiqui stromenti dotadi de pedali
  • AVS_maxAVS_max
    Posts: 569Industry
    Zapuan said:

    Se non ricordo male l'antimode non è mixed phase... quindi sostanzialmente un equalizzatore.
    Dirac invece corregge anche l'impulso, che è la cosa più importante.



    L'Anti-Mode Dual Core 2.0 lavora con filtri FIR e IIR e agisce anche sulla fase, non è un semplice equalizzatore.


    fatto sta che di base il dspeaker corregge fino ai 200hz....peeeeeró ció che non mi piaceva era che stabilisce la curva in automatico....poi se si vuole tornare "verso l'originale" ma senza rimbombi, c'è la funzione house curve che alza la curva dei bassi massimo di 6db....ma questo è indicativo perchè se l intervento che lui fa in automatico è troppo lontano dalla potenza sulle basse che si cerca, non c'è modo di aumentare troppo altrimenti il tutto inizia a suonare abbastanza compresso!!

    Se impostato in "advanced", permette di impostare un limite massimo di correzione di 500hz.
    Di base genera i filtri per ottenere una curva flat; poi se si vuole, si può agire sulle impostazioni di "house curve" e con un filtro parametrico a 16 bande per personalizzare la risposta.


    E comunque, l'importatore concede un generoso periodo di prova entro cui esercitare il recesso; il mio vero consiglio è: compralo, impiega il poco tempo che sevre a metterlo in azione, e poi decidi se hai ancora realmente delle esigenze insoddisfatte e se ti va di imparare a usare altri strumenti per soddisfarle.

    Per chi avesse dei dubbi riguardo l'efficacia, mi sembra che la prova nel proprio ambiente sia molto più chiarificatrice.
    Post edited by AVS_max at 2017-04-29 16:58:58
    Massimo
    Operatore
    www.avsolutions.it