[film] Il diritto di contare
  • stereoplay28stereoplay28
    Posts: 826Member
    Film che mi e' piaciuto tantissimo
    incentrato sulla vita di 2 matematiche / e 1  ingegniera (come direbbe la Boldini?) di colore che partecipavano al programma Apollo
     negli anni sessanta.
    Erano gia' delle privilegiate per quel periodo, ma anche in un ambiente scientifico ad altissimo livello come
    quello hanno dovuto subire non poche angherie e solo grazie alle loro favolose capacita'
    sono riuscite a farsi valere.
    Anche le musiche dei tempi sono state scelte con cura e inserite al momento giusto.
    Favoloso l'arrivo del primo IBM 7050 in Nasa e solo una di loro riusci al farlo funzionare ...

    Vi consiglio la visione :D
    Post edited by VHF Tech Team at 2017-06-29 00:11:24
  • trabanttrabant
    Posts: 4,938Member
    è uno di quei film che si basa su una storia reale di per se eccezionale, e che si trova nella condizione di doverla in qualche modo rappresentare in una forma di spettacolo che possa essere gradito al grande pubblico, anche di giovanissimi o di persone che con la tecnologia non hanno alcuna familiarità (ma quante sono poi al giorno d'oggi?)

    quindi il regista ha scelto un'impostazione troppo da favoletta, con delle recitazioni sopra le righe, infatti i pochi personaggi che sembrano più reali sono quelli interpretati da costner e dalla dunst e qualche altro

    un po' più di pathos e realismo non avrebbe guastato, per me il film si risolleva principalmente quando arrivano le immagini e le didascalie dei titoli di coda, che strappano l'applauso al pubblico in sala






    Post edited by trabant at 2017-03-21 14:57:07
  • stereoplay28stereoplay28
    Posts: 826Member
    la Dunst piaciuta zero , meglio Costner
    e comunque rendere sempre la dura realta non sempre paga a volte
    edulcorare un pochino non guasta ... un pochino 
    :D
  • kaukokauko
    Posts: 24,087Member
    da quanto dite mi pare di capire in un certo senso è stato costruito come il film 'L'uomo che vide l'infinito'.

    Ciao, Aurelio
    VHF tartarunner
  • trabanttrabant
    Posts: 4,938Member
    anche un po' alla the imitation game, però rispetto a questi due ovviamente il finale non è drammatico

    comunque si, è un po' quello il modo di trattare la materia, si cerca di renderla meno arida ma per me si perde in coinvolgimento 

    secondo me un film non deve dare quello che il pubblico di aspetta, è il pubblico che deve entrare nella logica del film e la bravura del regista sta nel sapercelo condurre senza trattarlo come un bambino poco intelligente
  • kaukokauko
    Posts: 24,087Member
    avevo pensato anche ad Imitation game e alla teoria del tutto, ma questi hanno il vantaggio di un contesto e dellla particolarità dei protagonisti - uno omosessuale, l'altro gravemente invalido - che ha consentito di girare un film tanticchia più coerente con la realtà dei fatti.

    se ho ben capito invece per la vicenda in discussione occorreva cavare sangue dalle rape.

    Ciao, Aurelio
    VHF tartarunner
  • stereoplay28stereoplay28
    Posts: 826Member
    se negli altri film c'e' l'omosessualita' o invalidita' in questo caso c'e' il razzismo che poteva essere trattato in maniera forse piu' cruda, dico forse perche'  comunque c'e' da dire che gli americani erano ossessionati dal comunismo per cui ci sta' il fatto che le 3 protagoniste abbiano ricevuto un trattamento piu'  'soft', perche' dovevano
    condurre gli USA al traguardo, basta vedere come si comporta il poliziotto all'inizio.
    Trovare registi che facciano il loro dovere senza subire pressioni dalla produzione
    per rendere la storia tipo zuppetta, non e' semplice
  • trabanttrabant
    Posts: 4,938Member
    kauko said:


    se ho ben capito invece per la vicenda in discussione occorreva cavare sangue dalle rape.



    beh no, le 3 protagoniste hanno fatto cose pionieristiche e ricevuto riconoscimenti, oltre che contribuito a demolire i pregiudizi razziali e sessisti

    quindi il materiale di partenza c'è, anche se si tratta di figure semisconosciute rispetto a hawking e turing
  • kaukokauko
    Posts: 24,087Member

    Finalmente, grazie a una intelligente programmazione estiva di un cine cittadino, l'ho visto alla modica cifra di 3.50€.

    Bello e interessante, appassiona alla corsa spaziale con aspetti retorici che ci stanno tutti, appassiona alla vicenda umane delle tre scienziate colored.

    da vedere.
    Ciao, Aurelio
    VHF tartarunner
  • BrignoBrigno
    Posts: 6,621Member
    Molto bello,
    Sicuramente è stato un po' spettacolarizzato per renderlo più gradevole al grande pubblico e alla fine ha raggiunto il suo scopo.
    Bravo il "nostro tonno nostromo" così come la "capa" (mi sfugge il nome). Un gradino sotto la protagonista e l'altra del trio colored.


  • analogico_09analogico_09
    Posts: 22,498Member
    A me non è piaciuto. Film mediocre e pretenzioso. Sono con il parere di Stefano Selleri de gli Spietati.it , quindi rimando pigramente, anche a causa del caldo torrido, alla lettura della sua recensione con la quale concordo pienamente.
    Peppe. - "Tradizione significa custodire il fuoco, non adorare le ceneri". Mahler
    - "Fare un film - cioè raccontare la storia di un uomo, di una donna, di due o più persone, in meno di due ore, o in almeno due ore - è un'impresa terrificante, che merita molto più dell'abilità tecnica di una prostituta." - John Cassavetes
  • analogico_09analogico_09
    Posts: 22,498Member


    Trovare registi che facciano il loro dovere senza subire pressioni dalla produzione
    per rendere la storia tipo zuppetta, non e' semplice
    Mi ero dimenticato di dire che mi piace l'espressione "storia tipo zuppetta" che rende bene la mediocre realtà narrativa ed estetica del film "solita americana"  ;)
    Peppe. - "Tradizione significa custodire il fuoco, non adorare le ceneri". Mahler
    - "Fare un film - cioè raccontare la storia di un uomo, di una donna, di due o più persone, in meno di due ore, o in almeno due ore - è un'impresa terrificante, che merita molto più dell'abilità tecnica di una prostituta." - John Cassavetes
  • BrignoBrigno
    Posts: 6,621Member
    A volte ho l'impressione che un film per essere considerato "bello" da una certa critica, debba essere noiso e/o pesante e/o tragico.

    Sicuramente il film è stato "americanizzato" per renderlo appetibile al grande pubblico ma è comunque un bel film che si basa su di una bella storia (vera).
    Gli attori hanno recitato mediamente bene e benissimo Octavia Spencer

    comunque qualche riconoscimento lo hanno avuto...



  • SuperciukSuperciuk
    Posts: 16,793Member
    Brigno said:

    A volte ho l'impressione che un film per essere considerato "bello" da una certa critica, debba essere noiso e/o pesante e/o tragico.

    Sicuramente il film è stato "americanizzato" per renderlo appetibile al grande pubblico ma è comunque un bel film che si basa su di una bella storia (vera).
    Gli attori hanno recitato mediamente bene e benissimo Octavia Spencer

    comunque qualche riconoscimento lo hanno avuto...






    L'ho visto. Carino, si lascia guardare.La solita storia all'americana... 
    Però tutte queste candidature a mio parere sono immotivate.
    Aloha
    Mattia
    Sator arepo tenet opera rotas
  • BrignoBrigno
    Posts: 6,621Member
    ...però definirlo mediocre...mi sembra eccessivo !

    Mediocre si intende sotto alla media...a me pare decisamente sopra, anche perchè la qualità "media" dei film odierni è decisamente bassa !
    Guardando i principali siti vedo che si va dal voto più basso di MyMovies 3.2 passando al 4.2 di cominf soon per finire al 4.5 di badtaste.

    Tutti sopra il 2.5 (la media dei tre siti è praticamente 4) ed è per quello che per me stona la definizione mediocre.

    Il tuo "carino" ci può benissimo stare così come il "piaciuto tantissimo" di Stereoplay28 perchè comunque rientrano in quelle variazioni di valutazione date dalla soggettività.

    Capolavoro o schifezza invece li troverei eccessivi come valutazioni, così come il mediocre di Analogico_09.







  • analogico_09analogico_09
    Posts: 22,498Member
    Brigno said:

    A volte ho l'impressione che un film per essere considerato "bello" da una certa critica, debba essere noiso e/o pesante e/o tragico.

    Sicuramente il film è stato "americanizzato" per renderlo appetibile al grande pubblico ma è comunque un bel film che si basa su di una bella storia (vera).
    Gli attori hanno recitato mediamente bene e benissimo Octavia Spencer

    comunque qualche riconoscimento lo hanno avuto...





    E' invece sempre vero che non si giudica un film giudicando "certa" critica che lo giudica diversamente da come lo giudichiamo noi. Si giudica un film per quello che è o non è il film a se stante, e secondo noi.
    Nel vcaso specifico l'impostazione critica de' gli Spietati è "seria", sostanzialmente competente e preparata, anche ove non condividessimo, e soprattutto indipendente; non ci sono in redazione critici "pennivendoli di regime" che cercano di far "piacere" tutto tanto per sostenere le politiche della "cassetta" culturale e mettere al sicuro il loro piccolo potere o impiego...
    Infatti, a onor del vero, tra le motivazioni critiche negative della recenzione da me linkata non c'è quella secondo cui  "Il diritto di contare" NON sarebbe un film noiso e/o pesante e/o tragico per poter essere considerato bello. Son di ben altra natura gli argomenti critici dell'ottimo Stefano Selleri, condivisibili o meno, nel caso non avessi letto o avessi frainteso. Le critiche affrettate, sommarie e generiche a "certa" critica non meglio precisata e non adeguatamente contro-argomentata lasciamo sempre il tempo che trovano.
    La storia di un film è bella o brutta in funzione non del "testo" bensì da come viene raccontata filmicamente, e a mio avvisio "americanizando" la storia del film in questione infarcendola di vieti contenuti retorici con un linguaggio cinematograficamente scarso, l'autentico spirito della storia originaria fatto passare attraverso le solite lavanderie del propagandismo americano va a farsi friggere.

    Per me il film è cinematograficamente insufficiente, a prescindere dai buoni propositi, buoni sentimenti e ideali che sono nella storia annacquata, quindi ho usato il termine "mediocre"; avrei potuto scrivere scarso, insufficiente.., non cambia la sostanza. Se per te mediocre è troppo severo, e rispetto la tua opinione, potrei io trovare esagerato il tuo "molto bello"... ;)

    Post edited by analogico_09 at 2017-06-28 12:36:13
    Peppe. - "Tradizione significa custodire il fuoco, non adorare le ceneri". Mahler
    - "Fare un film - cioè raccontare la storia di un uomo, di una donna, di due o più persone, in meno di due ore, o in almeno due ore - è un'impresa terrificante, che merita molto più dell'abilità tecnica di una prostituta." - John Cassavetes
  • dariob
    Posts: 237Member
    Be', "le solite lavanderie del propagandismo americano"...............
    Mi sembra veramente troppo...

    Personalmente,sono d'accordo con Brigno, per quanto riguarda il film;
    accetto le tue opinioni ,natural.,
    ma QUELLA frase denota che purtroppo sono passate attraverso un FILTRO ideologico.
    Ciao,Dario
  • BrignoBrigno
    Posts: 6,621Member
    Mi hai rubato le parole dalla tastiera :)

    In passato ho notato diverse recensioni* su dei film, diciamo pro USA, piuttosto negative e per me fortemente influenzate da preconcetti probabilmente molto radicati.

    Mi vengono in mente alcuni film del grande Clint, l'attore con 2 espressioni....quella con il cappello e quella senza :) :) :)

    * parlo in generale e non ad una persona in particolare
    Post edited by Brigno at 2017-06-28 18:46:15
  • dariob
    Posts: 237Member
    Proprio!
    Quante cantonate la critica, diciamo, mainstream ; una fra tante, a suo tempo, proprio Clint con le sue "supposte" 2 sole espressioni!
    Ciao,Dario

  • analogico_09analogico_09
    Posts: 22,498Member

    dariob said:

    Be', "le solite lavanderie del propagandismo americano"...............

    Mi sembra veramente troppo...

    Personalmente,sono d'accordo con Brigno, per quanto riguarda il film;
    accetto le tue opinioni ,natural.,
    ma QUELLA frase denota che purtroppo sono passate attraverso un FILTRO ideologico.
    Ciao,Dario
    Forse la frase che ti ha colpito potrebbe risultare a te un po' forte, dal tuo punto di vista che non saprei dire non avendo altri elementi di verifica su quanto di ideologico asua volta potrebbe poggiare, ma io non metto e mai metterò i filtri ideologici nell'arte. La mia osservazione con la quale cerco di evidenziare il dato ideologico di risulta che appartiene al film, imho, è di natura estetica e si integra con quant'altro detto di strettamente filmico sul film in questione che reputo mediocre (e confermo l'impressione già motivata)  e su cui a quanto pare tu e l'amico Bringo preferite sorvolare. :D ;)
    D'altra parte, e non sono il solo a notarlo, il propagandismo in molto cinema americano è evidente e
    ricorrente, risaputo, dai tempi del cucco, quando era anche apertamente "espansionista". E non parlo ovviamente di
    propaganda politica, di viva Obama o viva Trump, bensì del fatto di
    costume, di modelli morali socio-economico-ludico-culturali della  più grande del mondo, presunta tale, che si vorrebbero di riferimento per
    tutti...
    E questo è propaganda.., e io la chiamo per nome e non in nome dell'ideologia. :)
    Peppe. - "Tradizione significa custodire il fuoco, non adorare le ceneri". Mahler
    - "Fare un film - cioè raccontare la storia di un uomo, di una donna, di due o più persone, in meno di due ore, o in almeno due ore - è un'impresa terrificante, che merita molto più dell'abilità tecnica di una prostituta." - John Cassavetes
  • dariob
    Posts: 237Member
    Ok.
    Ma e' POLITICA, mio caro
    ;) quindi mi fermo.
    Ma ribadisco il concetto delle lenti ideologiche.

    ;)ciao.
  • analogico_09analogico_09
    Posts: 22,498Member
    In ogni cosa c'è la politica, che non è il "partito" più o meno preso.., nè l'ideologia. La mia è semmai idealità, a limite idealismo. :)
    Peppe. - "Tradizione significa custodire il fuoco, non adorare le ceneri". Mahler
    - "Fare un film - cioè raccontare la storia di un uomo, di una donna, di due o più persone, in meno di due ore, o in almeno due ore - è un'impresa terrificante, che merita molto più dell'abilità tecnica di una prostituta." - John Cassavetes
  • dariob
    Posts: 237Member
    E'vero che tutto e' politica, ma allora qui, se continuiamo, non si finisce piu' e si litiga. :\">

    Ma tanto x dire come la penso, io farei mia quella battuta:
    "everyday i wake up, i say thanks God for America"
    :D :D
    Ciao Dario.
  • analogico_09analogico_09
    Posts: 22,498Member
    dariob said:

    E'vero che tutto e' politica, ma allora qui, se continuiamo, non si finisce piu' e si litiga. :\">


    Ma tanto x dire come la penso, io farei mia quella battuta:
    "everyday i wake up, i say thanks God for America"
    :D :D
    Ciao Dario.


    Non litigheremo.., giammai, però ti assicuro che in giro per il mondo e nel tempo molte genti vissero, ancora vivranno...? come un in cubo il... risveglio in casa loro con su piantata la bandiera a stelle e (che te lo fa) a "strisce".., with or without blessing... :D :D ;)
    Post edited by analogico_09 at 2017-06-30 23:30:27
    Peppe. - "Tradizione significa custodire il fuoco, non adorare le ceneri". Mahler
    - "Fare un film - cioè raccontare la storia di un uomo, di una donna, di due o più persone, in meno di due ore, o in almeno due ore - è un'impresa terrificante, che merita molto più dell'abilità tecnica di una prostituta." - John Cassavetes
  • kereskeres
    Posts: 10,124Member
    Be io la penso un pochino come analogico, si lascia guardare, ma non è per il mio metro nulla di che.
    Mi spiego... messo a confronto con un altro film con attrici di colore protagoniste "THE Help", questo film perde 10 a zero, Imho.
    Ah... THE HELP non è affatto noioso e pesante.
    Post edited by keres at 2017-06-30 23:12:09
  • dariob
    Posts: 237Member
    Bellissimo  THE HELP !   Indubbiamente + realistico, articolato, profondo, sul tema del razzismo "al femminile".

    Il Diritto di Contare e'un film + leggero, "edificante"e con un Happy End, appunto all'americana. E forse e'questo che ad alcuni puo' dare fastidio.
    Ciao,Dario