Arriva la nuova piattaforma: inventiamo insieme un gioco tutto nuovo.
Una buona parola per tutti
  • Ivo PerelmanIvo Perelman
    Posts: 10,467Member
    http://www.repubblica.it/cronaca/2017/03/20/news/una_buona_parola_per_tutti_da_andreotti_a_giolitti_le_suppliche_per_posti_e_case-160963563/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P5-S1.8-T1

    "Linguaggio semplice, asciutto, diretto: le
    lettere su carta intestata e protocollate sono decine, alcune scritte a
    mano, tutte datate fra i primi anni '50 e metà degli anni '60. I
    mittenti sono deputati della Democrazia cristiana, dirigenti della Cisl,
    monsignori; i destinatari sono ministri, sottosegretari e dirigenti di
    aziende parastatali. Un ufficio di collocamento parallelo, la Prima
    Repubblica in tutta la sua "ingenuità", per certi versi: si chiedeva un
    alloggio popolare per tal famiglia, un aumento di stipendio per
    l'invalido di guerra, la revoca di un trasferimento per un padre di
    famiglia e così via. Tutti scrivono, chiedono "ogni possibile
    benevolenza" e i "possibili consentiti riguardi" ai propri
    interlocutori, affinché intercedano:"
  • ZapuanZapuan
    Posts: 5,000Member
    A metà degli anni '60 io nascevo. Ce ne ho messi una ventina per capire che il partito unico (all'epoca si definiva pentapartito) è marcio fino al midollo. 

    Pensa che ancora oggi c'è chi non l'ha capito. Questo è l'essere umano. C'è chi sà e chi non sà.

    ..io sà.

    :D
    Il PIL misura tutto, tranne quello che rende la vita degna di essere vissuta. (Bob Kennedy). (Casualmente ucciso).
  • MartinMartin
    Posts: 8,880Member
    Non l'avrei mai detto ne pensato... Incredibile ! 
    Maschio_ß. Capace di intendere, non di volere.
  • Ivo PerelmanIvo Perelman
    Posts: 10,467Member
    Nel mondo dell'economia una tale lettera è imprenscindibile. Nel mondo di allora era invece un modo di dare un reddito agli incapaci.
  • cactus_atomocactus_atomo
    Posts: 49,403Administrator
    le lettere erano solo fumo negli occhi, se il postulante veniva assunto il politico rivendicava se ne ascriveva il merito, se il postulante non veniva assunto il politico poteva dimostrare (carta canta) che si era interessato. Le vere raccomandazioni arrivavano per contatti diretti, per telefono. di quelle lettere ne arrivavano a catreve, sarebbe stato impossibile assumere tutti(o anche solo una parte significativa) di quei raccomandati. E non arrivavano solo nel pubblico, arrivavano anche nelle imprese private, gli italiani erano tanto abituati a quel sistema che quasi nessuno si presentava senza avere attivato il santo protettore. Ma quelle lettere contvno unto un invocazioen a san gennaro, i veri raccomandati, lo ipeto, non si senlavano cn lettere

    suono gradevole è quello che aggrada agli altri, suono realistico quello che aggrada a noi
  • Ivo PerelmanIvo Perelman
    Posts: 10,467Member
    Ora che sono finite le lettere abbiamo gi insetti politici.....