Gentili Membri, le discussioni sono momentaneamente chiuse per esigenze legate alla migrazione al nuovo sito. Fanno eccezione le discussioni inerenti la migrazione stessa.
Bracci Saec
  • BEST-GROOVEBEST-GROOVE
    Posts: 30,230Moderator
    Mai avuto uno, visti dal vivo o toccati con mano......ma è vero che quanto a costruzione, lavorazione, finitura delle parti, precisione e  morbidezza all'uso si possono considerare, fossero delle auto, le "Rolls Royce" della passata produzione Jap elevandosi una spanna sopra gli altri?

    Chi ha posseduto o possiede un modello di questa casa che mi racconta confrontato con il resto? Corrisponde all'idea che mi son fatto?
    Post edited by BEST-GROOVE at 2017-03-08 11:23:08
  • bambulottobambulotto
    Posts: 7,353Member
    Quello montato sul mio Sansui SR929 dovrebbe essere un Saec, almeno per qualche recensione letta in rete se non erro addirittura di Bebo. Bel braccio, non so se sia una Rolls Royce ma riesce a far leggere in modo splendido la mia V15IV. 
    image
    image
    image
  • sebalelesebalele
    Posts: 1,032Member
    sono bellissimi , visto dal vivo a Massa in un negozio che oramai penso non esista più ma mai ascoltati .
    C'è il solito Japponese che ha sempre una buona scorta 
    Esempi di alta tecnologia meccanica , anche solo da tenere in vetrina come una gloriosa Leica .
  • BEST-GROOVEBEST-GROOVE
    Posts: 30,230Moderator
    C'è un' altro venditore si chiama  Fonolab che ogni tanto ne vende qualcuno .....son stato sul sito a dare una occhiata, ne conosce vita morte e miracoli sembrerebbe ....visti poi i prezzi sostenuti che si leggono in giro l'idea che siano dei pezzi da 90 è stato un tutt'uno..

    Sempre bello ed interessante quel braccio sul Sansui anche se i complimenti te li avevo già fatti in passato per quel pezzo.  :x
  • bambulottobambulotto
    Posts: 7,353Member
    Grazie Best....lo cercavo da anni e...finalmente..... :x >:D<
  • BEST-GROOVEBEST-GROOVE
    Posts: 30,230Moderator
    quando si dice tenacia....   http://www.orologiepassioni.com/listing/skin2/immagini/ass.gif

  • aldina
    Posts: 3,708Member
    negli anni '80 un amico con cui mi confrontavo spesso ne aveva avuti un paio (mi sembra su gira Technics e Denon). molto ben costruiti, nel pieno della tradizione di manifattura made in japan.
    Il 308 era credo tra le migliori opzioni a disposizione in quel tempo e credo che se non si hanno budget importanti per prodotti moderni, possa costituire un'alternativa solida. Ha un'articolazione non comune, a doppia lamina di coltello. Lo vedo ben abbinato alle migliori MM o a qualche MC di medio/medioalto  lignaggio.
    Il 407 mi sembrava leggermente superiore come architettura e prezzo, non so se andasse poi tanto meglio del 308; a quel tempo ricordo che notai minime sfumature, ma con ascolti a distanza di tempo si sa che non potevano avere gran valore.
    Ne esistono varie versioni di cablaggio.
    Quello davvero raro è il 506 da 12 pollici, che ha un prezzo che risente della richiesta di collezionisti. Alle cifre richieste in giro è da evitare assolutamente come gli Ikeda o lo SME 3012 (che però è molto ma molto più comune sul mercato).
    Comunque buoni prodotti, solidi-affidabili.
    Ah dimenticavo... chiedi all'ex direttore Moroni, lui ha ottima esperienza se non ricordo male con i SAEC.
  • ghino_di_tacco
    Posts: 770Member

    presente. ho avuto il 308. bellissimo. dimarlo un'impresa. lo usavo con una 103 einstein. non ricordo bene se aveva sostituito un rega o un acous. alla fine avevo 3 bracci sul micro. insieme al 505-ma e al fr-.64.


    quando ho deciso di iniziare a vendere è stato il primo ad andare via.


    mi pento più del 505.

  • BEST-GROOVEBEST-GROOVE
    Posts: 30,230Moderator
    Ciao Giuseppe, ti riferisci alle rogne di dimatura in quanto vuole 5mm. di overhang?

    Ma perchè preferiresti di più il 505 con tutto quello che si dice in giro di questo braccio (più bello che buono)?

    ps. finito quel lavoro?  :)
  • ghino_di_tacco
    Posts: 770Member

    il 308 diciamo che mi ha fatto impazzire. continuo ad avere la dr feichter come diam e non sono mai riuscito a farlo secondo specifiche. la leggenda vuole che la geometria sia sbagliata. se non ricordo male avevo trovato un sito in cui si diceva invece che erano sbagliati i dati che all'epoca si trovavano in rete e che lìapprociio doveva essere diverso. ma era troppo tardi. forse avevo anche sbagliato accoppiamento. veramente i ricordi sono vaghi. con la 103, che era nuda con una piastra o in rame o in ottone, avevo dovuto far fare una camicia di ottone al peso per poterlo bilanciare correttamente. avevo fatto perdere tanto tempo al povero Dimitri.


    il 505 ce l'ho nel cuore. vta on fly, scatolina di plastica per l'overhang per i suoi shell e che vuoi di più. devi pensare a fissare due viti. avrai capito come sono. vero?


    il lavoro semplice l'ho finito. ho dovuto dire all amoglie e la figlia che ero in ufficio per avere una mattinata libera e prendermi un giorno di ferie. :))


    posso dirti senza che ti arrabbi che sono riuscito a lucidare il piatto con un metodo casalingo e alternativo?  

  • bear_1bear_1
    Posts: 4,312Member
    ....allora se posso dire la mia visto che ne ho uno... bracci costruiti molto bene (come in generale gli altri bracci jap) un casino per dimarlo alla fine (era montato su un DQX1000) l'ho riposto sulla scatola e ora  viaggio molto bene con il Micro Ma 505 e il CF1 più un Denon 309 (ottimo braccio) dal mio punto di vista consigliatissimo. Cmq differenze del Seac con quelli citati... praticamente nessuna (provati naturalmente con stessa testina e stesso pre phono). Altro consiglio provate la Shure V15 (visto che è stata citata) con il braccio appropriato a bassa o bassissima massa... provare per credere.
  • cactus_atomocactus_atomo
    Posts: 51,575Administrator
    eccomi, hi un saec 308 new (non il long) da una vita, montato sul mio td125 da mi pare metà anni '80. Il braccio è bellissimo esteticamente, costruito a regola d'arte, lo preferii a sui tempo agli sme che andavano per la maggiore,. La dimatura è in effetti un po "strana, quel valore di overhang non l'ho mai capito, per il dimaggio ho sempre usato una tradizionale dima a due punti o in allternativa quella della omr. Le tstine con cui l'ho utilizzato son state le più varie, comunque molte mm (adc zlm, shure v14/3, v15/5, microacoustic 2002, ecc), qualche mc (at ml33.
    Per pigrizia non lo metto sul denon dp6000 (dovrei far fare una basetta per il thorens e non ho voglia) 
  • alexisalexis
    Posts: 18,632Member
    sebalele said:

    sono bellissimi , visto dal vivo a Massa in un negozio che oramai penso non esista più ma mai ascoltati .

    C'è il solito Japponese che ha sempre una buona scorta 
    Esempi di alta tecnologia meccanica , anche solo da tenere in vetrina come una gloriosa Leica .


    ce l'ho su il mio 401, bellissimo ed eccellente braccio, ricercatissimo in giappone.
    articolazione a lame di coltello, eterne..
  • BEST-GROOVEBEST-GROOVE
    Posts: 30,230Moderator
    Anch' io penso che l'overhang a 5mm. sia un'errore di battitura sulle istruzioni.

    I Saec che possedete come sono quanto a morbidezza nelle manovre?  Sembrano piume percepedo una fluidità di qualità rispetto ad altri partner?

    Le lame di coltello quanto a fluidità ed attrito sono equivalenti ai cuscinetti...uguale ..meglio .....o leggermente peggio?





    posso dirti senza che ti arrabbi che sono riuscito a lucidare il piatto con un metodo casalingo e alternativo?  

    non mi arrabbio perchè l'ho fatto pure io artigianalmente in garage (come ebbi modo di spiegare)  :D
  • bear_1bear_1
    Posts: 4,312Member
    ma si.... molto fluido come un' EPA .... un Denon.. un Grace..ecc.....ecc... spesso si valutano oggetti usati e in qualche caso per le aticolazioni le situazioni possono cambiare.....Se poi usi un unipivot.... ti sembra di non avere niente in mano. Come detto per me il SAEC è un ottimo braccio come tanti altri Jap di quel periodo poi sull'estetica non discuto.. tutte quelle parti cromate lucide danno sicuramente all'occhio, più di qualcun altro satinato o nero.
  • ghino_di_tacco
    Posts: 770Member

    Anch' io penso che l'overhang a 5mm. sia un'errore di battitura sulle istruzioni.




    I Saec che possedete come sono quanto a morbidezza nelle manovre?  Sembrano piume percepedo una fluidità di qualità rispetto ad altri partner?



    Le lame di coltello quanto a fluidità ed attrito sono equivalenti ai cuscinetti...uguale ..meglio .....o leggermente peggio?












    posso dirti senza che ti arrabbi che sono riuscito a lucidare il piatto con un metodo casalingo e alternativo?  


    non mi arrabbio perchè l'ho fatto pure io artigianalmente in garage (come ebbi modo di spiegare)  :D
    ma io ho usato proprio prodotti da cucina. lana di acciaio e succo di limone.
    =)) =)) =))
  • BEST-GROOVEBEST-GROOVE
    Posts: 30,230Moderator
    non mi son spinto fino a quel punto.... :((

    Postare foto del risultato pls ;)
  • poeta_m1poeta_m1
    Posts: 9,590Member

    non mi son spinto fino a quel punto.... :((


    Postare foto del risultato pls ;)


    +1
  • gullazgullaz
    Posts: 1,749Member

    Anch' io penso che l'overhang a 5mm. sia un'errore di battitura sulle istruzioni.


    I Saec che possedete come sono quanto a morbidezza nelle manovre?  Sembrano piume percepedo una fluidità di qualità rispetto ad altri partner?




    Non e' un errore di battitura, il 308N e' costruito per avere un solo null point nella parte piu interna del disco.
    Scelta forse discutibile tesa a minimizzare la distorsione nel punto piu' critico del disco (mi pare sia scritto nel manuale). Pur con questa geometria un po' bizzarra resta un'ottimo braccio, le articolazioni
    a doppia lama di coltello sono eccellenti.
  • ghino_di_tacco
    Posts: 770Member
    poeta_m1 said:


    non mi son spinto fino a quel punto.... :((



    Postare foto del risultato pls ;)
    +1

    fatto


    http://forum.videohifi.com/discussion/375892/technics-sp-10-mk2-inizia-il-restauro-refurbished-e-finalmente-finisce#Item_111



     

  • sebalelesebalele
    Posts: 1,032Member
    gullaz said:

    Anch' io penso che l'overhang a 5mm. sia un'errore di battitura sulle istruzioni.


    I Saec che possedete come sono quanto a morbidezza nelle manovre?  Sembrano piume percepedo una fluidità di qualità rispetto ad altri partner?




    Non e' un errore di battitura, il 308N e' costruito per avere un solo null point nella parte piu interna del disco.
    Scelta forse discutibile tesa a minimizzare la distorsione nel punto piu' critico del disco (mi pare sia scritto nel manuale). Pur con questa geometria un po' bizzarra resta un'ottimo braccio, le articolazioni
    a doppia lama di coltello sono eccellenti.



    non capisco come possa avere un solo null point , un cerchio che incrocia una retta incrocia in 2 punti , sbaglio?
    Non son entrambi null point?
    Post edited by sebalele at 2017-03-09 14:05:24
  • poeta_m1poeta_m1
    Posts: 9,590Member
    sebalele said:

    gullaz said:

    Anch' io penso che l'overhang a 5mm. sia un'errore di battitura sulle istruzioni.


    I Saec che possedete come sono quanto a morbidezza nelle manovre?  Sembrano piume percepedo una fluidità di qualità rispetto ad altri partner?




    Non e' un errore di battitura, il 308N e' costruito per avere un solo null point nella parte piu interna del disco.
    Scelta forse discutibile tesa a minimizzare la distorsione nel punto piu' critico del disco (mi pare sia scritto nel manuale). Pur con questa geometria un po' bizzarra resta un'ottimo braccio, le articolazioni
    a doppia lama di coltello sono eccellenti.



    non capisco come possa avere un solo null point , un cerchio che incrocia una retta incrocia in 2 punti , sbaglio?
    Non son entrambi null point?
    Il semicerchio incrocia sempre la retta in due punti, ma in questo caso, mi sembra di capire, il punto di tangenza corretto (stilo tangente al solco) considerato è soltanto uno.
    In effetti esistono dime ad un punto e dime a due punti di null point.
    Così perlomeno la interpreto io... :\">
  • cactus_atomocactus_atomo
    Posts: 51,575Administrator
    in gener ele dime ad un punto si unsano se si conosce l'overhang, sempre due dati servono
  • wattpowerwattpower
    Posts: 139Member
    Premesso che (a mio avviso!)  non esiste una geometria migliore di un'altra o una univoca e valida per tutto e tutti ...

    copioincollo quello che ho trovato (e seguìto)  tempo fa in merito al montaggio con dimatura per il mio WE 308N ... anche se il buon Torlai in un'occasione di scambio opinioni, nutriva dubbi riguardo la " tracciabilità "!! ... per l' evidente maggiore inclinazione offset sullo shell della testina  ... io però o voluto dar retta alla ... "logica" (??) ... e devo dire che in pratica .... sono soddisfatto ... testina che "vola " sui solchi senza apparenti problemi di lettura
    >:D<

    Most of the numbers you show are not possible with the SAEC WE-308N tonearm. You would have seen that if you had listed effective length for each of the various scenarios you presented. Effective length cannot and does not change; it must always be 240-mm. Therefore, the only valid numbers in the list you presented are the ones associated with a mounting distance of 223-mm because those are the only set of numbers that produce an effective length of approximately 240-mm.

    Here are correct geometric parameters for SAEC's alignment compared to Löfgren A (Baerwald's) alignment.

    The SAEC WE-308N has the following geometric parameters:

    Effective Length = 240-mm (This dimension always remains the same)
    Mounting Distance = 235-mm
    Offset Angle = 12.5-degrees

    These parameters provide an absurd alignment as shown in the following graph. The green cells at the top of the graph show all the tonearm parameters. The turquoise cells show distortion. Null-points are shown in the pink cells. As you can see there is only one null-point within the playing area and tracking error is over 7-degrees at the outer groove producing nearly 2½-percent distortion. The inner null-point is actually on the paper label of the LP.


    image

    .
    The next graph shows the Löfgren A (Baerwald) alignment with the following geometric parameters:

    Effective Length = 240-mm (This dimension always remains the same)
    Mounting Distance = 222.76-mm
    Offset Angle = 22.9-degrees

    This graph has the same scale on the vertical axis so you can see how tracking error and distortion are minimized in comparison to SAEC's geometry. Distortion never rises above 0.616% anywhere within the playing area. Also both null-points fall well within the playing area at 66.0-mm and 120.9-mm. This is the optimum alignment for all pivotal tonearm.


    image

    .
    Below are some equations that are valid for all pivotal tonearms.


    image
  • BEST-GROOVEBEST-GROOVE
    Posts: 30,230Moderator
    volendo riporto una vecchia discussione riguardo  i dubbi della dimatura dei Saec .

  • wattpowerwattpower
    Posts: 139Member
    Ok.
    Però.... se prorioproprio, magari sbaglio... io agendo così... PENSO,( ho pensato)... di dare anche più "tangenzialità" (si dice così ? ) soprattutto a inizio disco , della puntina (intesa come "taglio")  in lettura ai solchi ...o nò ??? dopo magari dipende tanto anche dal taglio del diamante,  magari con testine più "importanti" e così, invece con la Denon 103 che è conica.... si avvertirà meno di questo "difetto/errore" ...ma sempre c'è penso io ...in aggiunta al resto!! :-\" di primo acchito questo mi è (era) sorto come dubbio allora....:\">

    o sto dicendo una castroneria??? E sto parlando del sesso degl'angeli??
    :-O  
  • gullazgullaz
    Posts: 1,749Member
    sebalele said:

    gullaz said:

    Anch' io penso che l'overhang a 5mm. sia un'errore di battitura sulle istruzioni.


    I Saec che possedete come sono quanto a morbidezza nelle manovre?  Sembrano piume percepedo una fluidità di qualità rispetto ad altri partner?




    Non e' un errore di battitura, il 308N e' costruito per avere un solo null point nella parte piu interna del disco.
    Scelta forse discutibile tesa a minimizzare la distorsione nel punto piu' critico del disco (mi pare sia scritto nel manuale). Pur con questa geometria un po' bizzarra resta un'ottimo braccio, le articolazioni
    a doppia lama di coltello sono eccellenti.



    non capisco come possa avere un solo null point , un cerchio che incrocia una retta incrocia in 2 punti , sbaglio?
    Non son entrambi null point?


    Certo, la retta viene sempre  incrociata due volte da un cerchio due volte ma la retta e' infinita mentre il diametro di un lp e' di  30 cm.. E dire che ero pure scarso in geometria..
  • BEST-GROOVEBEST-GROOVE
    Posts: 30,230Moderator
    .......praticamente è come se il punto di congiunzione più lontano dal centro o dal perno fosse al di fuori dell'LP ....da quanto mi par di capire  :-?
  • sebalelesebalele
    Posts: 1,032Member

    .......praticamente è come se il punto di congiunzione più lontano dal centro o dal perno fosse al di fuori dell'LP ....da quanto mi par di capire  :-?




    Quindi la retta passa non vicino al perimetro ma molto più internamente e , un null point lo becchi sul disco ma l'altro è esterno al disco ... ma che strano ..
  • gullazgullaz
    Posts: 1,749Member
    Si', solo che per enunciare il concetto per bene ci vuole uno bravo.. io posso solo provare a dirlo con parole mie suggerendo di immaginare il braccio imperniato come un compasso che traccia una circonferenza. Se il diametro di questa non e' tale che la retta dell'asse testina possa intersecare la tangente del solco due volte entro il raggio del disco.. niente doppio null point.
    Ora spero solo che qualcuno lo dica per bene cosi' cancello 'sta robaccia che ho appena scritto. 


    Post edited by gullaz at 2017-03-09 22:41:01
  • ediateediate
    Posts: 4,793Member
    Tutti i bracci imperniati correttamente progettati incontrano la tangente del solco in due punti (i null-point). In questi due punti, come si vede bene dal grafico dell'allineamento Lofgren "A", la distorsione è nulla. Se proprio volessimo essere pignoli, dovremmo anche considerare che il solco interno è più "stretto" (in circonferenza) di quello esterno... l'arco di circonferenza tracciato dal braccio imperniato deve fare i conti con un diametro via via inferiore dal solco "esterno" a quello "interno" (il solco è unico, è per semplificare il concetto); per non complicarsi troppo ed inutilmente la vita si fa in modo, sfruttando il principio geometrico, regolando l'overhang o il braccio sulla sua basetta, che la tangenza tra puntina e solco si abbia "assolutamente" in due punti dell'arco di circonferenza. I bracci tangenziali non sono nati per niente.... :D
    Post edited by ediate at 2017-03-09 21:53:49