Arriva la nuova piattaforma: inventiamo insieme un gioco tutto nuovo.
La isla minima
  • camaro71camaro71
    Posts: 21,496Member
    Ieri sera stranamente non sono uscito e mi son visto questo bel film noir ambientato in spagna poco dopo la caduta di franco
    Qualcuno lo ha visto?
    accuphase dp 77 - gryphon sonata - pass labs x250.5 - dufay "katja"
  • kaukokauko
    Posts: 23,177Member
    Su questo bel film c'è un ampio thread. ;-)
    Ciao, Aurelio
    VHF tartarunner
  • camaro71camaro71
    Posts: 21,496Member
    :O
    accuphase dp 77 - gryphon sonata - pass labs x250.5 - dufay "katja"
  • °Guru°°Guru°
    Posts: 16,449Member
    Eccolo qua: http://forum.videohifi.com/discussion/396369/la-isla-minima/p1

    E' piaciuto molto anche a me, per vari motivi che ho spiegato lì.
    Francesco. VHF Running Team.
  • iciogoodtimemusiciciogoodtimemusic
    Posts: 4,224Member
    Visto in 2^, non ne parlai lì ma ho già preso e rivisto 2 volte il blu-ray.
    ciao, Icio / Ci vuole la grana per vivere bene. E tanta! (Ben rivolto ad Elita)
  • minollo63minollo63
    Posts: 3,402Member
    Visto e piaciuto anche a me. Atmosfere che ricordano quelle del telefilm True detective anche se l'ambientazione europea rende più fruibile la storia anche per noi.
    Ciao
    Stefano R.
    Non basta ascoltare, occorre ascoltare con orecchie che vogliono sentire, che credono in quello che sentono. (Galileo Galilei)
  • MATTEMATTE
    Posts: 1,204Member
    Mi era piaciuto tantissimo, così come il segreto dei suoi occhi
    MG12 con xover mod.; Norma IPA 90R; Denafrips Ares; Gustard X20u; Aries LE+PSU. Sennheiser HD 650; Rudistor ; Stefan Audio Equinox; Auralic Aries Mini.
  • iciogoodtimemusiciciogoodtimemusic
    Posts: 4,224Member
    Bellissimo anche il film argentino. Veramente un gran bel film!!!
    ciao, Icio / Ci vuole la grana per vivere bene. E tanta! (Ben rivolto ad Elita)
  • graziagrazia
    Posts: 1,410Member
    camaro71 said:

    Ieri sera stranamente non sono uscito e mi son visto questo bel film noir ambientato in spagna poco dopo la caduta di franco
    Qualcuno lo ha visto?




    A mio avviso bellissimo. Storia che regge alla grande, fotografia meravigliosa. Attori misconosciuti che portano a casa una grande interpretazione corale.
  • PartizanPartizan
    Posts: 3,567Member
    Grande regista questo Rodriguez!
    Accattatevi il dvd UNIT7, un poliziesco molto diverso da Isla Minima, ma molto duro e bello.

    Ciao

    Evandro
    Post edited by Partizan at 2017-04-18 00:11:08
    "Odio gli indifferenti. Credo che vivere voglia dire essere partigiani. Chi vive veramente non può non essere cittadino e partigiano. L'indifferenza è abulia, è parassitismo, è vigliaccheria, non è vita. Perciò odio gli indifferenti." Antonio Gramsci
  • analogico_09analogico_09
    Posts: 20,944Member
    Partizan said:

    Grande regista questo Rodriguez!
    Accattatevi il dvd UNIT7, un poliziesco molto diverso da Isla Minima, ma molto duro e bello.



    Ciao Evandro, davvero un bel film, visto purtroppo in italiano con un doppiaggio a dir poco orrendo, tra i peggiori che mi siano mai capitati. Prenderò senz'altro il Blue-Ray (non l'ho trovato in DVD, nemmeno in Amazon), perchè
    conoscendo bene la città di Siviglia, teatro delle vicende narrate nel film, la sua gente, i suoi "ambienti", posso agevolmente affermare che sostituire con un doppiaggio di "piombo" il linguaggio, anzi lo "slang" andaluso, così frizzante, colorito, musicale, davvero particolare, equivale ad uccidere  perlomeno una buona metà del film! Si pensi a un Totò nello sketch "Vagon-lits"  doppiato in austriaco... :D
    UNIT 7 tuttavia merita, e dunque mi è ugualmente piaciuto, ma mi ero già ripromesso di cercare direttamente in Spagna una copia degna del film...
    Ciò che mi è rimasto particolarmente impresso è proprio l'ambientazione, i vicoli, le stradine, i bar, i quartieri "segreti", improbabili e malfamati di Siviglia, ripresi con poetico realismo, con taglio semidocumentaristico, da una mdp a spalla mobilissima, insinuante, "crudele" come le scene di inseguimento adrenaliniche e di violenza cui assiste con una sorta di impassibile, distaccato fatalismo. Da una parte la propagandata grandezza esteriore di una città che si fa bella per la Expo universale del 1992, mentre cova nascosto nel suo ventre marcio, accessibile solo a poliziotti privi di scrupolo nell'impossibile opera di "ripulitura" a fini "turistici", dall'altra il disagio sociale, esistenziale, delinquenziale nel quale si incunea la droga.
    Un film che affronta anche questioni morali senza nessun moralismo, senza schierarsi apertamente nè da una parte nè dall'altra, cosa che lascia libero lo spettatore di eleborare in proprio i suoi scenari...
    Racconto asciutto, teso, implacabile, aperto...

    Post edited by analogico_09 at 2017-04-18 11:47:51
    Peppe. - "Tradizione significa custodire il fuoco, non adorare le ceneri". Mahler
    - "Fare un film - cioè raccontare la storia di un uomo, di una donna, di due o più persone, in meno di due ore, o in almeno due ore - è un'impresa terrificante, che merita molto più dell'abilità tecnica di una prostituta." - John Cassavetes
  • analogico_09analogico_09
    Posts: 20,944Member
    Ho recuperato un altro buonissimo thriller spagnolo del 2016, "Contratiempo", interpretato da Mario Casas, lo stesso che interpretata il poliziotto sposato in UNIT/,  regia e sceneggiatura di Oriol Paulo conosciuto anche per la regia e script de El Cuerpo e per la sceneggiatura de Gli occhi di Giulia, altri thriller niente male, a conferma della vitalià del cinema spagnolo non solo di "genere".
    "Contratiempo" è una storia quasi rashmoniana, ottimamente scritta, originale quanto basta, basata sulle ambiguità del reale e dell'apparente, dei diversi punti di vista, sugli inganni e sulle spegiudicatezze morali del rampantismo "affaristico" ; tenuta narrativa e scavo psicologico, sottile e misurata tensione al punto giusto, nel gioco di incastri complicati e necessariamente un po' macchinosi fino a quando nel finale non si scoprirà che... ve piacerebbe saperlo ma non ve lo dico... :D
    Un film fatto con un budget ragionevole, credo, con interpreti non stellari ma molto ben in parte, segno che con le idee - che da noi seguitano a latitare, anche e forse specialmente con i film di "genere" nei quali anche eravamo maestri - è possibile fare del buon cinema
    Post edited by analogico_09 at 2017-04-24 19:41:21
    Peppe. - "Tradizione significa custodire il fuoco, non adorare le ceneri". Mahler
    - "Fare un film - cioè raccontare la storia di un uomo, di una donna, di due o più persone, in meno di due ore, o in almeno due ore - è un'impresa terrificante, che merita molto più dell'abilità tecnica di una prostituta." - John Cassavetes