Sezione "Acustica architettonica": si discute dell'ambiente di ascolto tra empirismo e scienza.
Mcintosh ma 6850 con biamplificazione
  • Alex.78Alex.78
    Posts: 1,066Member
    Mi servirebbe una cortesia, in pratica sto imbastendo un tentativo di biamplificazione con le mie jbl 4320.
    Il fatto è che al momento non ho un preamplificatore, ma avrei, oltre al mcintosh, un finale che intendevo utilizzare per le vie alte.
    In basso pensavo di usare il mcintosh (entrando direttamente sul finale bypassando il pre), la domanda che mi facevo era questa: posso usare il mcintosh anche come pre?
    Nel senso che esco dal mcintosh (pre out), vado al crossover, poi entro nel mcintosh (power in) e nel'altro finale e poi alle casse.

    Qualcuno sa se è una cosa fattibile?
    Grazie
  • vignotravignotra
    Posts: 10,849Moderator, Redazione
    Scusami, una cosa più semplice del tipo uscire dal MA6850 dalle uscite variabili (che mi pare ci siano) ed entrare nel secondo ampli?
    Vincenzo. La musica è il ruggito dell'anima
    Audiofili Pugliesi: https://www.facebook.com/groups/112768042156352/
  • ceccusceccus
    Posts: 1,981Member
    Salve,
    Dal pre esci a vai al crossover elettronico, da questo su una via ri-entri nella sezione finale del 6850 e sull' altra via vai direttamente all' altro finale.
    Da questi , poi, colleghi le vie delle JBL

    Ciao !!
  • Alex.78Alex.78
    Posts: 1,066Member
    uscite variabili? Non so se ci sono sul mio..
    Comunque la soluzione che pensavo era proprio quella proposta dal ceccus.....quindi sarebbe fattibile mi sembra di capire
  • vignotravignotra
    Posts: 10,849Moderator, Redazione
    Alex.78 said:

    uscite variabili? Non so se ci sono sul mio..

    Comunque la soluzione che pensavo era proprio quella proposta dal ceccus.....quindi sarebbe fattibile mi sembra di capire


    No. Non ce ne sono. L'idea di ceccus è quella giusta.
    Vincenzo. La musica è il ruggito dell'anima
    Audiofili Pugliesi: https://www.facebook.com/groups/112768042156352/
  • Alex.78Alex.78
    Posts: 1,066Member
    perfetto proverò,  grazie a tutti
  • ceccusceccus
    Posts: 1,981Member
    Salve,
    così, per curiosità, con che crossover elettronico proverai ? E quale è l' altro finale ?

    Ciao !!
  • Alex.78Alex.78
    Posts: 1,066Member
    volevo prendere un dbx 223xl , sicuramente un crossover economico, in teoria migliore dei vari behringer e forse anche del classico cabre entry level...
    Come finale per i medio-alti, ho un ottimo clone del liliput di megahertz, che fin'ora non ho mai utilizzato in quanto troppo debole come spinta (anche con diffusori efficenti come le cornwall).
    Spero di riuscire a fare questa prova prima che nasca il secondo pargolo, perchè dopo la vedo dura!
  • ceccusceccus
    Posts: 1,981Member
    Salve,
    Ma lasci il filtro interno o lo togli e arrivi direttamente agli altoparlanti ?

    Ciao !!
  • Alex.78Alex.78
    Posts: 1,066Member
    ciao, sinceramente non saprei...
    MI spieghi meglio?
    Immaginavo che dal crossover si andasse direttamente agli altoparlanti, c'è di mezzo anche un filtro?
  • ceccusceccus
    Posts: 1,981Member
    Salve,
    Ma le tue casse , all' interno, avranno un crossover , di tipo passivo ... mi sa proprio di sì ..
    Se sono queste : http://www.audiocostruzioni.com/r_s/diffusori/diffusori/jbl 4320/jbl-4320.htm   la frequenza di taglio è posizionata a 800Hz fra la via bassa e quella alta.
    Se mantieni questo crossover, il taglio sull' ampli che gestisce i bassi lo dovresti fare a circa 1600Hz ... e quello sulle vie alte a circa 400Hz ... rispettivamente un' ottava più in alto e un' ottava più in basso della frequenza di taglio del crossover passivo interno.
    Per fare questo o prendi 2 DBX 223 i li fai lavorare in mono o prendi un 234 che è la versione 3 vie del 223.
    Utilizzando un solo 223 avrai a disposizione una sola frequenza di taglio per canale e quindi non ti metterai nelle condizioni migliori ...

    Ciao !!

  • Alex.78Alex.78
    Posts: 1,066Member
    si esatto sono proprio quelle, però hanno la terza via aggiunta.
    Forse mi sbaglio, ma non dovrei tagliare il crossover esterno a 800 hz (come quello interno) ed entrare con un finale in basso (woofer)  e con uno in alto (tromba e tweeter)?
    In questo modo dovrei escludere il crossover interno e utilizzare un ampli per il basso e uno per il medio.alto...
    Non è sufficente un crossover a due vie?
    Grazie!
  • ceccusceccus
    Posts: 1,981Member
    Salve,
    Il crossover interno lo bypassi se colleghi direttamente gli altoparlanti agli amplificatori , con , nel mezzo, il crossover.
    Una cosa però te la dico ... ovvero se il crossover passivo (quello del diffusore tanto per capirci) effettua anche delle "compensazioni" , alias rotazioni di fase, livellamenti e altro, con il solo DBX 223 (& affini) difficilmente riuscirai a sistemare queste "cosette" ... ti occorrerà , magari sempre DBX, un crossover elettronico digitale dove potrai applicare tutte quelle correzioni che ti ho scritto poco sopra ...

    Ciao !!
  • Alex.78Alex.78
    Posts: 1,066Member
    chiaro il discorso compensazioni..
    Però non mi è chiarissimo il resto, con quello che vorrei fare io, non bypasso quindi il crossover dei diffusori?
    Quali sono i vantaggi di avere un crossover tre vie e tagliare a 400 e a 1600 hz?

  • ceccusceccus
    Posts: 1,981Member
    Salve,
    Allora, se lasci il crossover interno, che taglia a 800 Hz , e vuoi bi-amplificare , appurato che ai morsetti esterni il taglio sia esattamente quello interno (ti dico questo perché ci sono casi in cui ai morsetti esterni la divisione non è proprio quella interna del Crossover , o meglio non è quella "attesa") , sulla via bassa dovrai collegare un ampli e lo dovrai far lavorare da 20 a circa un ottava sopra gli 800Hz, ovvero circa 1600Hz ...
    Stesso discorso sulla via alta la cui amplificazione , per non avere problemi dovrà cominciare intorno ai 400Hz fino ai 20.000Hz.
    Questi 2 tagli sul 223 utilizzato in modalità stereo non puoi effettuarli, perché ne hai uno solo a disposizione ...
    Spero di essere più chiato ora :)

    Ciao !!
  • Alex.78Alex.78
    Posts: 1,066Member
    Io avevo preso spunto dalle varie letture effettuate di persone che utilizzavano le varie studio monitor biamplificabili con i cabre o altri crossover a due vie...
    Che collegamenti seguivano quindi queste persone ?
    E il filtro?
    Quindi per assurdo potrei già biamplificare entrando sul crossover di serie?
    Scusa per le molte domande, ma ho un pò di confusione in merito
  • ceccusceccus
    Posts: 1,981Member
    Salve.
    Certo che puoi bi-amplificare mantenendo il crossover interno ... devi solo settare il tutto come ti ho spiegato (o ci ho provato :D ) nei post precedenti.
    Se , invece, togli il filtro interno o lo bypassi, allora dovrai soilo settare la frequenza di incrocio fra la via bassa e quella alta (se si parla di un due vie) aggiustando tutta una serie di parametri che, probabilmente erano stati presi in coinsiderazione in sede di orogettazione/realizzazione del filtro (ovviamente togliendolo ...)
    Detto questo, poi, il "mondo" della multi amplificazione è quantomeno vasto per non dire molto interessante, soprattutto per una serie quasi infinita di settaggi e combinazioni di settaggi che possono essere applicati. A maggior ragione se si dispone di un crossover digitale di ultima generazione.

    Ciao !!
  • Alex.78Alex.78
    Posts: 1,066Member
    grazie Ceccus, in effetti la cosa è complessa, però penso che merita provarci!
    Quando mi arriva il crossover (perchè ormai l'ho ordinato da qualche giorno e dovrebbe arrivarmi), mi metterò con calma a fare qualche prova, grazie di nuovo
    Ciao
  • ceccusceccus
    Posts: 1,981Member
    Salve,
    Se ne hai ordinato uno solo di 223 ti consiglio di collegare direttamente gli altoparlanti ai finali , bypassando il crossover interno.

    Ciao !!

  • Alex.78Alex.78
    Posts: 1,066Member
    si ne ho preso uno solo.....
    quindi mi consigli di non usare il crossover dbx?
    Dovrei quindi collegare direttamente le uscite dei finali ai morsetti ?


  • ceccusceccus
    Posts: 1,981Member
    Salve,
    Penso proprio che tu non legga i messaggi che ti vengono scritti ...

    Se ne hai ordinato uno solo di 223 ti consiglio di collegare
    direttamente gli altoparlanti ai finali , bypassando il crossover
    interno
    .

    Crossover interno = crossover delle casse

    Che c'entra il DBX ?
    Il collegamento che, secondo me, dovrai fare è il seguente :

    Parte pre del 6850 ---> DBX 223 ---> parte finale 6850 collegata direttamente al Woofer
                                                         I--> altro finale collegato direttamente al Tweeter

    Frequenza di incrocio ... prova la stessa del crossover interno, ovvero 800Hz e poi senti e prova.

    Ciao !!


  • Alex.78Alex.78
    Posts: 1,066Member
    era proprio quello che intendevo fare io!
    Comunque grazie, vedrò di provare quanto prima.
    Dovrò anche procurarmi degli adattatori rca-xlr.....
  • cactus_atomocactus_atomo
    Posts: 46,768Administrator, Moderator, Redazione
    ma sei sicuro che uil guadagno dei due finali siano gli stessi? la bianplificazione è una brutt1a bestia, se i finali non hanno il giadagno regolabile, la cosa più sicura è avere due finali uguali (o della stessa serie), in alternatova due finali diversi ma con identico guadagno
    Quanto al crossover, hai due soluzioni
    a) lasciae il cross interno (e in questo caso il dbx non ti serve)
    b) usare un corsisver esterno ma in questo casoi devi scollegare il crossover interno dagli altoparlnati
    suono gradevole è quello che aggrada agli altri, suono realistico quello che aggrada a noi
  • ceccusceccus
    Posts: 1,981Member
    Salve,
    Nel caso si voglia bi-amplificare utilizzando due finali diversi mantenendo il crossover passivo interno alle casse, un crossover elettronico(esterno) , in questo caso il DBX è, secondo me, necessario per almeno 2 aspetti :

    1) Eseguire il livellamento dei due finali che , presumibilmente, avranno sensibilità diverse.
    2) Eseguire il filtraggio delle frequenze di lavoro dei 2 finali a monte, questo per far lavorare ogni finale nel range di competenza, evitando che entrambi i finali lavorino a "banda intera" ovvero 20-20000Hz ... il finale riservato alla via alta che solitamente, in questi casi è molto meno potente dell' altro ma di qualità molto più elevata, "ringrazierà" di certo.

    Passando al caso in esame, se la frequenza di taglio del crossover interno (passivo) alle casse è 800Hz, le 2 vie, a mio avviso dovrebbero essere settate così (sul DBX) :
    Via bassa : da 20Hz a (circa) 1600Hz (quindi un' ottava più in alto del filtro interno ovvero 800Hz)
    Via alta : da (circa) 400Hz a 20.000Hz (quindi un ottava più in basso rispetto al filtro interno ovvero 800Hz)

    Se poi, si riscontrassero anche altre problematiche "ambientali", sempre secondo me, sarebbe il caso di valutare anche l' utilizzo di un crossover elettronico digitale di ultima generazione , i quali incorporano anche funzionalità avanzate di DSP che, se utilizzate con "grano salis" e con l' ausilio di strumentazione , possono aiutare (non poco) nell' ottenere risultati positivi facilmente verificabili sia all' ascolto che strumentalmente.
    Personalmente ho intrapreso questa strada e indietro non torno più, ma , ripeto, è un mio "cammino", non è detto che ad altri possa andare bene.

    Ciao !!

  • ceccusceccus
    Posts: 1,981Member




    p.p1 {margin: 0.0px 0.0px 0.0px 0.0px; font: 13.3px Arial; -webkit-text-stroke: #000000}
    span.s1 {font-kerning: none}



    Salve,


    Così, giusto per farti comprendere un po' meglio che cosa intendo dire con utilizzare un crossover elettronico digitale con funzionalità DSP.


    Guarda questa immagine :

    image

    La curva BLU è quella ottenuta in flat ... quella ROSSA è ottenuta dopo correzione ...

    Vedi anche te che c'è una bella differenza ... la quale è facilmente udibile.

    Tutto questo per dirti che oggi, grazie alla tecnologia, si possono fare delle cose che solo qualche anno fa risultavano impensabili.

    E il setup di misura non è che sia costosissimo ... tutt'altro ... si tratta di un microfono DBX RTA-M , di una scheda di acquisizione Scarlett 2i4, di un' asta microfonica, del software FuzzMeasure e di un Mac Mini (che utilizzo ovviamente anche per altre cose)


    Ciao !!

    Post edited by ceccus at 2017-03-05 21:11:08
  • Alex.78Alex.78
    Posts: 1,066Member
    Grazie Ceccus del chiarimento e delle ulteriori informazioni in merito, in effetti la cosa è piuttosto evidente....
    Vedo quando riesco a fare questa benedetta prova!
    Grazie ancora
  • ceccusceccus
    Posts: 1,981Member
    Salve,
    Sei riuscito a fare qualche prova ? Con che risultati ?

    Ciao !!
  • Alex.78Alex.78
    Posts: 1,066Member
    purtroppo no..
    e non se riuscirò a breve 
    Ormai l'impianto lo ascolta mia mogli e mio figlio, quindi prove o stravolgimenti complicati sono rimandati