Ancora sul posizionamento in ambiente
  • vittorio58vittorio58
    Posts: 913Member

    Ero entrato in un thread per un
    consiglio ma non volendo andare in OT ho preferito aprirne uno. Sono
    noioso lo so è uno dei miei tanti difetti.

    Quale delle due soluzioni preferire da
    cui partire per una analisi della sistemazione in ambiente dato che
    devo arredare l'ambiente e quindi devo decidere dimensioni e
    posizione dei mobili. Ovviamente ho inserito solo la posizione dei diffusori, il punto d'ascolto, la porta e la portafinestra; non ho inserito i mobili attuali in quanto da cambiare sia come tipo che come disposizione.

    Immagine 1 - Il posizionamento delle
    casse sul lato corto mi crea meno problemi per l'apertura della
    portafinestra ma ha un suono un po' racchiuso nel centro e i
    musicisti sembra che siano uno in braccio all'altro (anche se la
    distanza fra i diffusori è più o meno la stessa dell’altra
    soluzione il suono è più piccolo forse perché la vicinanza delle
    pareti laterali influisce negativamente sul fronte sonoro).

    image


    Immagine 2 - Il posizionamento sul lato
    più largo crea più problemi per l'apertura della portafinestra se
    posiziono l'impianto più o  meno tra le casse. Mentre se metto
    l'impianto su una delle pareti laterali devo andare dal finale alle
    casse con un cavo di circa 3 - 3,50 metri. Posizionato in questo
    modo il suono mi sembra più ampio, più rotondo, ha un respiro
    maggiore come dice la moglie.

    image


    3 - Per quanto riguarda il punto
    d'ascolto della numero1 è a 1 - 1.20 metro dalla parete di
    fondo mentre nell’altra soluzione è addossato alla parete di
    fondo. Ma da quel poco che ho sentito mi sembra che conti di più
    lasciare liberi (open air) i diffusori che non le orecchie
    (ovviamente trattando adeguatamente la parete dietro al punto
    d’ascolto mentre non so se trattando le pareti laterali della
    posizione n. 1 si abbiano benefici riguardo alla larghezza e ariosità
    del fronte sonoro.Cosa ne pensate?

    PS: scommetto Silvio che mi dici:
    misura, devi misurare.

    Ciao.



    Post edited by vittorio58 at 2016-12-07 00:26:26
    Vittorio
  • TrivellaTrivella
    Posts: 1,016Member
    Io opterei per la 2
  • ric236ric236
    Posts: 187Member
    Io sceglierei la soluzione 1.
    La soluzione 2 con il punto d'ascolto adiacente la parete di fondo ha una resa in gamma bassa sicuramente problematica e poco ottimizzabile.
    Per ridurre la scarsa larghezza della scena con la soluzione 1, adotterei un trattamento passivo sulle prime riflessioni per aumentare il suono diretto e ridurre quello riflesso (laterale e omolaterale).
    Non hai indicato le dimensioni della sala e modello diffusori, non è escluso che il trattamento passivo sia da incrementare
    Post edited by ric236 at 2016-12-21 22:24:46
    naim Unitiseve, naim DAC+XPS, Pioneer LX91, Krell Hts7.1, Thule Audio PA350, PA250, PA150x2, Diapason, Sunfire, Wireworld, Supra, Synology, Oudimmo, Vicoustic
  • Paky33Paky33
    Posts: 6,137Member
    Scusa ma perchè on misuri?
    Basta un microfono, un PC e REW.......
    Così puoi vedere in grafico cosa succede al suono nelle due posizioni e, magari, intervenire con DRC o un equalizzatore. Meglio se digitale
    JBL DD66000 Everest, Finali Mono ANCIEL Sheerazade, DAC NAD M51, Alimentatore ANCIEL Zarathustra per il PC
  • Fabio CottatellucciFabio Cottatellucci
    Posts: 21,819Member
     



    Posizionato in questo
    modo il suono mi sembra più ampio, più rotondo, ha un respiro
    maggiore come dice la moglie.



    Questa (la 2).
    Quando il saggio indica la luna, l’audiofilo gli morde il dito.
  • GABTA
    Posts: 1,439Member
    La 2 con un pannello fonoassorbente buono (ache sulle basse frequenze) dietro alla testa, magari per tutta larghezza del divano.
  • Fabio CottatellucciFabio Cottatellucci
    Posts: 21,819Member
    GABTA said:

    La 2 con un pannello fonoassorbente buono (ache sulle basse frequenze) dietro alla testa, magari per tutta larghezza del divano.



    Benissimo il pannello, ma per agire sulle basse frequenza dev'essere spesso un metro :-)
    Quando il saggio indica la luna, l’audiofilo gli morde il dito.
  • Arnaldo
    Posts: 1,016Member

    GABTA said:

    La 2 con un pannello fonoassorbente buono (ache sulle basse frequenze) dietro alla testa, magari per tutta larghezza del divano.



    Benissimo il pannello, ma per agire sulle basse frequenza dev'essere spesso un metro :-)


    io ho questo: http://gikacoustics.co.uk/product/gik-acoustics-monster-bass-trap-flexrange-technology/
    dietro la mia posizione di ascolto e non è spesso 1 metro....
    :D
    DIY Streamer - PS Audio PWD MK2 - Jeff Rowland Concerto - Jeff Rowland Model 3 Mono - Avalon Eclipse.
  • Vmorrison
    Posts: 8,558Member
    La n1 e la n2 sono diverse nel bene e nel male.
    Scegli quella che ti soddisfa di più.
    Salute
    Silvano, 35% suono diretto 65% suono riflesso
  • tappodiferrotappodiferro
    Posts: 8,955Member
    A naso ( :D) direi la 2, ma staccherei il divano dalla parete.

    Dietro la testa un bel pannello fonoassorbente celato da un dipinto (no vetro naturalmente).
    Paolo
  • vittorio58vittorio58
    Posts: 913Member
    Nella 2 la distanza orecchie tweeter è di circa 160 cm e la distanza parete posteriore orecchie è circa 30 - 40 cm
    Potrei allontanare il divano di circa 20 cm dalla parete e spostare le casse indietro di 10 cm e avrei la distanza orecchie  tweeter 150 cm. Penso sia il limite: oltre mi sembrerebbe di ascoltare un'enorme cuffia.
    La 1 mi darebbe meno problemi di distanza orecchie parete posteriore e potrei giostrare anche la distanza diffusore parete posteriore, non mi intralcerebbe l'apertura della portafinestra che da sul giardino e se lo volessi potrei in futuro mettere un tv (anche se la tv a me non interessa molto). Quindi teoricamente solo vantaggi. L'unico difetto (grande) che ho riscontrato è dato da un suono troppo costretto lateralmente e l'immagine non è ampia come nell'altra soluzione. Misurare non penso che porti a qualcosa perché l'ampiezza del fronte sonoro non credo si possa valutare da grafici e numeri. E non so se trattando tutta la zona dietro e ai lati dei diffusori otterrei il risultato della soluzione 2. E poi trattando come: assorbendo ile risonanze negli angoli e tutti i punti di prima riflessione?
    Ciao.
    Vittorio
  • corradocorrado
    Posts: 6,201Member

    Nella 2 la distanza orecchie tweeter è di circa 160 cm e la distanza parete posteriore orecchie è circa 30 - 40 cm

    Potrei allontanare il divano di circa 20 cm dalla parete e spostare le casse indietro di 10 cm e avrei la distanza orecchie  tweeter 150 cm. Penso sia il limite: oltre mi sembrerebbe di ascoltare un'enorme cuffia.
    La 1 mi darebbe meno problemi di distanza orecchie parete posteriore e potrei giostrare anche la distanza diffusore parete posteriore, non mi intralcerebbe l'apertura della portafinestra che da sul giardino e se lo volessi potrei in futuro mettere un tv (anche se la tv a me non interessa molto). Quindi teoricamente solo vantaggi. L'unico difetto (grande) che ho riscontrato è dato da un suono troppo costretto lateralmente e l'immagine non è ampia come nell'altra soluzione. Misurare non penso che porti a qualcosa perché l'ampiezza del fronte sonoro non credo si possa valutare da grafici e numeri. E non so se trattando tutta la zona dietro e ai lati dei diffusori otterrei il risultato della soluzione 2. E poi trattando come: assorbendo ile risonanze negli angoli e tutti i punti di prima riflessione?
    Ciao.


    Io proverei la soluzione 1 giocando con il toe-in e con dei pannelli fonoassorbenti da posizionare ai lati e anche nella parete di fondo.
  • felifeli
    Posts: 1,116Member
    corrado said:

    Io proverei la soluzione 1 giocando con il toe-in e con dei pannelli fonoassorbenti da posizionare ai lati e anche nella parete di fondo.

    Quoto perchè anche nella mia esperienza la soluzione 1 è quella che alla lunga può dare i risultati migliori. Assolutamente importante trattare in modo differenziato le pareti anteriore, posteriore e laterali, il pavimento e last but not least, gli angoli dietro i diffusori.
    Buona musica
  • meridianmeridian
    Posts: 8,055Member

    Nella 2 la distanza orecchie tweeter è di circa 160 cm e la distanza parete posteriore orecchie è circa 30 - 40 cm

    Potrei allontanare il divano di circa 20 cm dalla parete e spostare le casse indietro di 10 cm e avrei la distanza orecchie  tweeter 150 cm. Penso sia il limite: oltre mi sembrerebbe di ascoltare un'enorme cuffia.
    La 1 mi darebbe meno problemi di distanza orecchie parete posteriore e potrei giostrare anche la distanza diffusore parete posteriore, non mi intralcerebbe l'apertura della portafinestra che da sul giardino e se lo volessi potrei in futuro mettere un tv (anche se la tv a me non interessa molto). Quindi teoricamente solo vantaggi. L'unico difetto (grande) che ho riscontrato è dato da un suono troppo costretto lateralmente e l'immagine non è ampia come nell'altra soluzione. Misurare non penso che porti a qualcosa perché l'ampiezza del fronte sonoro non credo si possa valutare da grafici e numeri. E non so se trattando tutta la zona dietro e ai lati dei diffusori otterrei il risultato della soluzione 2. E poi trattando come: assorbendo ile risonanze negli angoli e tutti i punti di prima riflessione?
    Ciao.





    Ciao, mi inserisco perché a breve farò le stesse prove, girando i diffusori sul alto corto , in modo da avere più spazio dietro la testa e ascoltare che effetto fa. Quello che dici del senso di costrizione del suono, lo hai verificato anche facendo tutta una serie di minimi spostamenti dei diffusori, o con una posizione unica degli stessi ? Il toe in con cui li hai rappresentati in figura è reale o lo hai fatto come disegno di massima ? Perché a mio avviso, potresti anche fare qualche ascolto con i diffusori paralleli tra loro e ortogonali con le pareti, per aumentare il palcoscenico sonoro, e poi semmai fare un graduale toe in per raggiungere il giusto fuoco e il miglior compromesso.
    Saluti , Dario
    Post edited by meridian at 2017-01-21 23:02:06
    Jazz : musica in cui la stessa nota può essere suonata ogni volta in modo diverso. Ornette Coleman