Gentili Membri, le discussioni sono momentaneamente chiuse per esigenze legate alla migrazione al nuovo sito. Fanno eccezione le discussioni inerenti la migrazione stessa. VI RACCOMANDIAMO DI NON ACCEDERE AL NUOVO SITO DURANTE QUESTE ORE.
Regolazione della tensione d'uscita del DAC WADIA 121
  • mario75
    Posts: 101Member
    Salve a tutti! Mi piacerebbe avere la vostra opinione sulla mia situazione...
    Riporto innanzitutto alcuni dettagli tecnici dei miei componenti:

    -  dac WADIA 121 (Maximum output level (line-level outputs): 4.0V, 2.0V, 1.0V - Output impedance RCA: 48 ohms)

    -  pre Xindak XA3200MKII (Output Voltage: 8.5V RMS - Gain: 20db - Impedenza ingresso: 46,5K Ohm - Impedenza uscita: 229 Ohm)

    -  finale di potenza Nuprime ST-10 (Power: 150W x 2 at 8 Ohms - Gain: 28 dB - Input Impedance: 23.5k Ohms - Sensitivity: 0.89 V to rated power)

    -  diffusori KEF LS50 (Sensitivity: 85dB - Nominal impedance: 8Ω  min. 3.2Ω).


    Post edited by mario75 at 2015-07-28 16:54:46
  • mario75
    Posts: 101Member
    Lasciando la tensione d'uscita del DAC a 2 volts (impostazione predefinita) non posso portare la manopola del pre oltre le ore 10 (l'ascolto normale è a meno di ore 9). Considerando la sensibilità piuttosto bassa dei diffusori mi sarei aspettato una situazione diversa, ma probabilmente ciò è dovuto all'accoppiamento non proprio ottimale del pre (con uscita massima di 8,5V) con l'amplificatore finale che ha una sensibilità abbastanza alta (0,89V). Mi piacerebbe avere una vostra opinione su questo abbinamento! Ad ogni modo, cercando di compensare, ho provato ad abbassare la tensione d'uscita del DAC a 1V. Per quanto riguarda la regolazione del volume la situazione migliora, consentendomi di arrivare con la manopola quasi a ore 12, ma non capisco perché dal punto di vista delle prestazioni sonore c'è un evidente peggioramento: la dinamica diminuisce (mi sarei aspettato il contrario!!), il suono quindi diventa piatto e la scena di riduce, le voci sono più sottili e perdono corpo. Per curiosità, quindi, ho fatto una prova al contrario settando l'uscita del DAC a 4 volts: così la manopola può arrivare appena sopra le ore 9, ma il suono incredibilmente migliora sotto molti punti di vista: dinamica, ricchezza armonica, corpo, profondità... D'altro canto, però, diventa un po' troppo freddo e aggressivo!! 
    Volevo chiedere se nella mia situazione potrei trovare secondo voi un equilibrio impostando il DAC a 4 volts ed inserendo agli ingressi del finale gli attenuatori di segnale Rothwell. Non avendo le necessarie conoscenze tecniche il mio timore è quello di ritrovarmi con gli stessi risultati che ottengo impostando il DAC a 2V o addirittura a 1V. Che ne pensate?
    Grazie,
    Mario
  • sebalelesebalele
    Posts: 1,032Member
    Ciao Mario , non conosco il tuo DAC ma , è possibile capire se la regolazione del volume avviene per mezzo di attenuazioni analogiche oppure nel dominio digitale ?
    Nel secondo caso potresti avere una prestazione diversa (dinamica ridotta ? ) .
    Per provare potresti utilizzare un partitore resistivo , quello che in pratica fanno gli rca Rothwell , saldate su qualche connettore RCA da battaglia . Potrebbe essere sufficiente per le prove inserire in serie all'ingresso del finale una resistenza da 22K visto che l'ingresso è ca 23K , otterresti una riduzione di ca 6dB  .
    Penso che la tensione d'uscita di 4V è indicata per l'uscita XLR (se il dac ne è fornito ) poichè sembra un tantino alta e fuori standard  per un'uscita RCA .
    Tornando al partitore questo nulla aggiunge o toglie alla qualità del segnale ed il tuo finale è così sensibile che lavorerebbe sempre in condizioni ottimali ..
  • martinogall
    Posts: 2,391Member
    Lascia stare il DAC su 4 volt e non inserire attentatori che sono rimedi peggiori del male. Non esistono altre strade valide, fregatene della manopola ed ascolta la musica.


    Martino
  • ClabenokClabenok
    Posts: 1,859Member

    Lascia stare il DAC su 4 volt e non inserire attentatori che sono rimedi peggiori del male. Non esistono altre strade valide, fregatene della manopola ed ascolta la musica.



    Martino


    +1
    la regolazione del volume sarà più micrometrica,ma fregatene.
  • sebalelesebalele
    Posts: 1,032Member

    Lascia stare il DAC su 4 volt e non inserire attentatori che sono rimedi peggiori del male. Non esistono altre strade valide, fregatene della manopola ed ascolta la musica.



    Martino


    Martino , ci fornisci una spiegazione più tecnica....
  • mario75
    Posts: 101Member
    Grazie per i vostri interventi!!
    Perché non c'ho pensato prima, caspita!! Il volume del DAC è totalmente digitale... una prova che ancora non ho fatto è quello di abbassarlo un po' sull'uscita 4V, anziché lasciarlo al massimo per bypassarlo!! Non posso provare prima di giovedì... vi farò sapere...
  • antoniozetaantoniozeta
    Posts: 10,099Member
    Fai quello che vuoi basta che non usi gli attenuatori...
  • mario75
    Posts: 101Member
    OK!! Mi avete convinto... niente attenuatori!!
  • sebalelesebalele
    Posts: 1,032Member
    mario75 said:

    OK!! Mi avete convinto... niente attenuatori!!



    Il potenziometro è un attenuato-re ...   facile dire lascia tutto come è..
  • martinogall
    Posts: 2,391Member
    sebalele said:


    Lascia stare il DAC su 4 volt e non inserire attentatori che sono rimedi peggiori del male. Non esistono altre strade valide, fregatene della manopola ed ascolta la musica.



    Martino


    Martino , ci fornisci una spiegazione più tecnica....


    Ci sarebbero tanti aspetti tecnici da tenere in considerazione, per primo alcuni DAC lavorano bene con l'uscita al max, perché al variare del livello cambia la risoluzione. Per quanto possa sembrare eccessiva l'uscita di 4 volt RMS alcuni pre giovano di questo segnale restituendo più dinamica, basta che non satura, conta l'accettazione max input.
    Sugli attentatori bisogna andarci molto cauti, inseriscono un ulteriore collo di bottiglia, 1) intanto è una connessione in più e non fa certo bene, 2) si rischia di compromettere  risposta in frequenza e dinamica a causa della variazione del matching di impedenza, conviene utilizzarli soltanto su impianti di livello medio basso quando subentra un problema di saturazione.
    Dobbiamo tenere conto che un impianto che suona bene anche con il potenziometro ad ore 9 non ha nessun problema perché crearselo il "problema" con il rischio di peggiorare?
  • mario75
    Posts: 101Member
    sebalele said:

    mario75 said:

    OK!! Mi avete convinto... niente attenuatori!!



    Il potenziometro è un attenuato-re ...   facile dire lascia tutto come è..


    Quindi, scusami... tecnicamente non sono molto ferrato... Se abbasso il segnale in partenza attraverso il potenziometro digitale del DAC, non vado lo stesso ad attenuare il segnale che arriva al finale?? o è un'altra storia utilizzare gli attenuatori?
    Post edited by mario75 at 2015-07-28 20:17:42
  • mario75
    Posts: 101Member

    sebalele said:


    Lascia stare il DAC su 4 volt e non inserire attentatori che sono rimedi peggiori del male. Non esistono altre strade valide, fregatene della manopola ed ascolta la musica.



    Martino


    Martino , ci fornisci una spiegazione più tecnica....


    Ci sarebbero tanti aspetti tecnici da tenere in considerazione, per primo alcuni DAC lavorano bene con l'uscita al max, perché al variare del livello cambia la risoluzione. Per quanto possa sembrare eccessiva l'uscita di 4 volt RMS alcuni pre giovano di questo segnale restituendo più dinamica, basta che non satura, conta l'accettazione max input.
    Sugli attentatori bisogna andarci molto cauti, inseriscono un ulteriore collo di bottiglia, 1) intanto è una connessione in più e non fa certo bene, 2) si rischia di compromettere  risposta in frequenza e dinamica a causa della variazione del matching di impedenza, conviene utilizzarli soltanto su impianti di livello medio basso quando subentra un problema di saturazione.
    Dobbiamo tenere conto che un impianto che suona bene anche con il potenziometro ad ore 9 non ha nessun problema perché crearselo il "problema" con il rischio di peggiorare?


    Sì, devo ammettere che a ore 9, con il DAC a 4V, le KEF suonano davvero alla grande, a parte una leggera perdita di calore rispetto a quando il DAC è settato a 2V ma probabilmente è proprio dovuto alla maggiore "spinta"
    Post edited by mario75 at 2015-07-28 20:26:05
  • Coltr@ne
    Posts: 8,420Member
    Io proverei anche togliendo il pre
    ps: le varie prove di differenza vanno fatte allo stesso volume (no manopola)
    Post edited by Coltr@ne at 2015-07-28 21:36:37
  • mario75
    Posts: 101Member
    Scusate, ho letto centinaia di pagine sull'argomento, ma proprio non riesco a capire alcuni aspetti che riguardano l'accoppiamento pre/finale... che immagino sia la causa principale del limitato margine di rotazione della manopola del volume, a prescindere dalla regolazione della tensione del DAC. Ho letto, in particolare, che l'abbinamento perfetto del mio pre a valvole Xindak sarebbe con il finale MS3 della stessa azienda... Vado ad approfondire le caratteristiche di quest'ultimo e scopro che la sensibilità di ingresso è di 400mV!!!! Ma come è possibile? A che serve far arrivare la tensione del pre a oltre 8 volts se al finale bastano appena 400mV per erogare la massima potenza?

  • mario75
    Posts: 101Member
    Coltr@ne said:

    Io proverei anche togliendo il pre

    ps: le varie prove di differenza vanno fatte allo stesso volume (no manopola)


    Ho già provato! Perde tantissimo sotto tutti gli aspetti... 
  • Coltr@ne
    Posts: 8,420Member
    mario75 said:

    Coltr@ne said:

    Io proverei anche togliendo il pre

    ps: le varie prove di differenza vanno fatte allo stesso volume (no manopola)


    Ho già provato! Perde tantissimo sotto tutti gli aspetti... 


    A pensarci bene si dovrebbe dire che ciò che aggiunge ti piace di più.
    O no?
  • martinogall
    Posts: 2,391Member
    Coltr@ne said:

    mario75 said:

    Coltr@ne said:

    Io proverei anche togliendo il pre

    ps: le varie prove di differenza vanno fatte allo stesso volume (no manopola)


    Ho già provato! Perde tantissimo sotto tutti gli aspetti... 


    A pensarci bene si dovrebbe dire che ciò che aggiunge ti piace di più.
    O no?


    Cosa aggiunge un pre?
  • mario75
    Posts: 101Member
    Coltr@ne said:

    mario75 said:

    Coltr@ne said:

    Io proverei anche togliendo il pre

    ps: le varie prove di differenza vanno fatte allo stesso volume (no manopola)


    Ho già provato! Perde tantissimo sotto tutti gli aspetti... 


    A pensarci bene si dovrebbe dire che ciò che aggiunge ti piace di più.
    O no?


    Sì giusto! 
    Innanzitutto la scena: si estende tantissimo sia in larghezza sia in profondità, tutto diventa "più grande"!.
    Il secondo aspetto immediatamente evidente è la focalizzazione: tutto è più stabile, soprattutto le voci, ben scolpite al centro! Senza pre la scena è più confusa.
    Il suono poi è decisamente più fluido, musicale e trasparente, per non parlare della timbrica e della maggiore ricchezza armonica! 
    Praticamente non c'è storia! Il pre Xindak con 4 valvole Psvane (2 x 12AXT e 2 x 12AT7)  e rettificatrice Brimar CV4001 (6X4) aggiunge tantissimo e non toglie nulla, davvero!!
    Post edited by mario75 at 2015-07-28 22:36:36
  • Coltr@ne
    Posts: 8,420Member

    Coltr@ne said:

    mario75 said:

    Coltr@ne said:

    Io proverei anche togliendo il pre

    ps: le varie prove di differenza vanno fatte allo stesso volume (no manopola)


    Ho già provato! Perde tantissimo sotto tutti gli aspetti... 


    A pensarci bene si dovrebbe dire che ciò che aggiunge ti piace di più.
    O no?


    Cosa aggiunge un pre?


    No, non il pre, L' amico ascolta il software con DAC, pre, finale, diffusori, se toglie il pre dice che "perde", come è possibile?


    ;)
  • mario75
    Posts: 101Member
    Coltr@ne said:

    Coltr@ne said:

    mario75 said:

    Coltr@ne said:

    Io proverei anche togliendo il pre

    ps: le varie prove di differenza vanno fatte allo stesso volume (no manopola)


    Ho già provato! Perde tantissimo sotto tutti gli aspetti... 


    A pensarci bene si dovrebbe dire che ciò che aggiunge ti piace di più.
    O no?


    Cosa aggiunge un pre?


    No, non il pre, L' amico ascolta il software con DAC, pre, finale, diffusori, se toglie il pre dice che "perde", come è possibile?


    ;)


    Sì, perde!! e ti assicuro che perde tantissimo, non poco... Non riuscirei più ad ascoltare musica senza i "benefici" del pre.
    Anzi, tra tutti i componenti della catena ritengo il preamplificatore quello più influente sul risultato finale... dopo i diffusori!! Per me irrinunciabile!!
  • sebalelesebalele
    Posts: 1,032Member

    sebalele said:


    Lascia stare il DAC su 4 volt e non inserire attentatori che sono rimedi peggiori del male. Non esistono altre strade valide, fregatene della manopola ed ascolta la musica.



    Martino


    Martino , ci fornisci una spiegazione più tecnica....


    Ci sarebbero tanti aspetti tecnici da tenere in considerazione, per primo alcuni DAC lavorano bene con l'uscita al max, perché al variare del livello cambia la risoluzione. Per quanto possa sembrare eccessiva l'uscita di 4 volt RMS alcuni pre giovano di questo segnale restituendo più dinamica, basta che non satura, conta l'accettazione max input.
    Sugli attentatori bisogna andarci molto cauti, inseriscono un ulteriore collo di bottiglia, 1) intanto è una connessione in più e non fa certo bene, 2) si rischia di compromettere  risposta in frequenza e dinamica a causa della variazione del matching di impedenza, conviene utilizzarli soltanto su impianti di livello medio basso quando subentra un problema di saturazione.
    Dobbiamo tenere conto che un impianto che suona bene anche con il potenziometro ad ore 9 non ha nessun problema perché crearselo il "problema" con il rischio di peggiorare?


    Il collo di bottiglia di una resistenza è senz'altro minore di quella di un pre .
    La connessione in più ci "stà" (una saldatura in più , ma solo una )
    La resistenza si può  "metchare" senza problemi , un resistore (in BF)non ha problemi di dinamica , fase o frequenza . Basta non sovraccaricare l'uscita della sorgente (peraltro sempre protette anche in caso di corto ) .
    Solo per dire di non diffondere "nozioni" che non trovano posto nelle leggi dell'elettrotecnica , poi si può parlare di tutto ma non diciamo che le resistenze introducono cali di frequenze audio o altro .
    Usare la corsa del volume solo per il 25% non è peraltro comodo .
  • martinogall
    Posts: 2,391Member

    sebalele said:

    sebalele said:


    Lascia stare il DAC su 4 volt e non inserire attentatori che sono rimedi peggiori del male. Non esistono altre strade valide, fregatene della manopola ed ascolta la musica.



    Martino


    Martino , ci fornisci una spiegazione più tecnica....


    Ci sarebbero tanti aspetti tecnici da tenere in considerazione, per primo alcuni DAC lavorano bene con l'uscita al max, perché al variare del livello cambia la risoluzione. Per quanto possa sembrare eccessiva l'uscita di 4 volt RMS alcuni pre giovano di questo segnale restituendo più dinamica, basta che non satura, conta l'accettazione max input.
    Sugli attentatori bisogna andarci molto cauti, inseriscono un ulteriore collo di bottiglia, 1) intanto è una connessione in più e non fa certo bene, 2) si rischia di compromettere  risposta in frequenza e dinamica a causa della variazione del matching di impedenza, conviene utilizzarli soltanto su impianti di livello medio basso quando subentra un problema di saturazione.
    Dobbiamo tenere conto che un impianto che suona bene anche con il potenziometro ad ore 9 non ha nessun problema perché crearselo il "problema" con il rischio di peggiorare?


    Il collo di bottiglia di una resistenza è senz'altro minore di quella di un pre .
    La connessione in più ci "stà" (una saldatura in più , ma solo una )
    La resistenza si può  "metchare" senza problemi , un resistore (in BF)non ha problemi di dinamica , fase o frequenza . Basta non sovraccaricare l'uscita della sorgente (peraltro sempre protette anche in caso di corto ) .
    Solo per dire di non diffondere "nozioni" che non trovano posto nelle leggi dell'elettrotecnica , poi si può parlare di tutto ma non diciamo che le resistenze introducono cali di frequenze audio o altro .
    Usare la corsa del volume solo per il 25% non è peraltro comodo .


    Mi dici dove ho detto che le resistenze introducono cali di frequenze? Ho scritto matching, (adattamento di impedenza) è una cosa importantissima, il taglio di frequenza avviene quando le componenti reattive (capacità del circuito e del cavo) formano un filtro ( R C)  insieme alla risultante della  componente resisteva che andiamo modificare senza. Per esperienza ti posso confermare come già qualcuno ha fatto che gli effetti negativi si avvertono. 
    Per quanto riguarda la connessione non non è tanto la saldatura ma la resistenza di contatto del connettore stesso il collo di bottiglia...
    Per ultimo cerca di stare sereno e cerca di non fare accuse inesistenti...

    Martino
  • antoniozetaantoniozeta
    Posts: 10,099Member







    Lascia stare il DAC su 4 volt e non inserire attentatori che sono rimedi peggiori del male. Non esistono altre strade valide, fregatene della manopola ed ascolta la musica.





    Martino
    Martino , ci fornisci una spiegazione più tecnica....
    Ci sarebbero tanti aspetti tecnici da tenere in considerazione, per primo alcuni DAC lavorano bene con l'uscita al max, perché al variare del livello cambia la risoluzione. Per quanto possa sembrare eccessiva l'uscita di 4 volt RMS alcuni pre giovano di questo segnale restituendo più dinamica, basta che non satura, conta l'accettazione max input.
    Sugli attentatori bisogna andarci molto cauti, inseriscono un ulteriore collo di bottiglia, 1) intanto è una connessione in più e non fa certo bene, 2) si rischia di compromettere  risposta in frequenza e dinamica a causa della variazione del matching di impedenza, conviene utilizzarli soltanto su impianti di livello medio basso quando subentra un problema di saturazione.

    Dobbiamo tenere conto che un impianto che suona bene anche con il potenziometro ad ore 9 non ha nessun problema perché crearselo il "problema" con il rischio di peggiorare?
    Il collo di bottiglia di una resistenza è senz'altro minore di quella di un pre .
    La connessione in più ci "stà" (una saldatura in più , ma solo una )

    La resistenza si può  "metchare" senza problemi , un resistore (in BF)non ha problemi di dinamica , fase o frequenza . Basta non sovraccaricare l'uscita della sorgente (peraltro sempre protette anche in caso di corto ) .

    Solo per dire di non diffondere "nozioni" che non trovano posto nelle leggi dell'elettrotecnica , poi si può parlare di tutto ma non diciamo che le resistenze introducono cali di frequenze audio o altro .

    Usare la corsa del volume solo per il 25% non è peraltro comodo .
    Mi dici dove ho detto che le resistenze introducono cali di frequenze? Ho scritto matching, (adattamento di impedenza) è una cosa importantissima, il taglio di frequenza avviene quando le componenti reattive (capacità del circuito e del cavo) formano un filtro ( R C)  insieme alla risultante della  componente resisteva che andiamo modificare senza. Per esperienza ti posso confermare come già qualcuno ha fatto che gli effetti negativi si avvertono. 
    concordo pienamente un partitore resistivo anche quando costruito ad hoc crea danni pazzeschi...a suo tempo ho fatto vari tentativi con l'aiuto di un amico tecnico per adattare l'uscita esagerata del mio pre valvolare all'elevata sensibilità del mio finale(0,7v) alla fine abbiamo dovuto modificare pesantemente il pre perchè i vari attenuatori testati appiattivano e toglievano vivacità al suono...
  • mario75
    Posts: 101Member


    concordo pienamente un partitore resistivo anche quando costruito ad hoc crea danni pazzeschi...a suo tempo ho fatto vari tentativi con l'aiuto di un amico tecnico per adattare l'uscita esagerata del mio pre valvolare all'elevata sensibilità del mio finale(0,7v) alla fine abbiamo dovuto modificare pesantemente il pre perchè i vari attenuatori testati appiattivano e toglievano vivacità al suono...



    Praticamente mi ritrovo nella stessa situazione... uscita esagerata del pre ( max 8.5V rms) a fronte di una sensibilità del finale di 0.89V. A questo aggiungo l'uscita del DAC a 4V...
    Mah!! Ancora non so se intervenire in qualche modo...
    Quando ho preso il finale (da ultimo) mi sono preoccupato principalmente dell'impedenza... ho sottovalutato la sensibilità!! Anche se vedo che la maggior parte si aggirano intorno a 1V.
    A parte le difficoltà x la regolazione del volume riscontravi altri problemi? Perché nel mio caso è essenzialmente questo il problema...

  • antoniozetaantoniozeta
    Posts: 10,099Member
    mario75 said:


    concordo pienamente un partitore resistivo anche quando costruito ad hoc crea danni pazzeschi...a suo tempo ho fatto vari tentativi con l'aiuto di un amico tecnico per adattare l'uscita esagerata del mio pre valvolare all'elevata sensibilità del mio finale(0,7v) alla fine abbiamo dovuto modificare pesantemente il pre perchè i vari attenuatori testati appiattivano e toglievano vivacità al suono...

    Praticamente mi ritrovo nella stessa situazione... uscita esagerata del pre ( max 8.5V rms) a fronte di una sensibilità del finale di 0.89V. A questo aggiungo l'uscita del DAC a 4V... Mah!! Ancora non so se intervenire in qualche modo... Quando ho preso il finale (da ultimo) mi sono preoccupato principalmente dell'impedenza... ho sottovalutato la sensibilità!! Anche se vedo che la maggior parte si aggirano intorno a 1V. A parte le difficoltà x la regolazione del volume riscontravi altri problemi? Perché nel mio caso è essenzialmente questo il problema...
    l'unico enorme problema era che  volumi( separati,uno per ch) in mezzo cm di corsa raggiungevano il massimo..totalmente ingestibili. In pratica abbiamo eliminato i pot simulando una loro posizione a ore 10 utilizzando delle resistenze fisse di qualità e in serie abbiamo messo un nuovo pot di valore ridotto atto a gestire la piccola porzione di corsa utile....in pratica la corsa che prima avevo da 0 a ore 8.30 ora ce l'ho da 0 a ore 4. In questo modo non abbiamo avvertito alcun degrado del segnale. Considera però che n el mio pre i potenziometri lavorano appena

    a valle del selettore ingressi quindi a monte dello stadio di preamplificazione vero e proprio quindi non so se la modifica da noi effettuata sia applicabile a  tutti i pre<?xml:namespace prefix = o ns = "urn:schemas-microsoft-com:office:office" />

    Post edited by antoniozeta at 2015-07-29 11:09:04
  • mario75
    Posts: 101Member


    l'unico enorme problema era che  volumi( separati,uno per ch) in mezzo cm di corsa raggiungevano il massimo..totalmente ingestibili. In pratica abbiamo eliminato i pot simulando una loro posizione a ore 10 utilizzando delle resistenze fisse di qualità e in serie abbiamo messo un nuovo pot di valore ridotto atto a gestire la piccola porzione di corsa utile....in pratica la corsa che prima avevo da 0 a ore 8.30 ora ce l'ho da 0 a ore 4. In questo modo non abbiamo avvertito alcun degrado del segnale.



    La mia situazione è leggermente migliore... riesco ad arrivare appena più su delle ore 9.
    Cmq spero di trovare un equilibrio abbassando di qualche db il volume del DAC. Domani posso provare...

    Post edited by mario75 at 2015-07-29 11:23:16
  • martinogall
    Posts: 2,391Member
    mario75 said:


    concordo pienamente un partitore resistivo anche quando costruito ad hoc crea danni pazzeschi...a suo tempo ho fatto vari tentativi con l'aiuto di un amico tecnico per adattare l'uscita esagerata del mio pre valvolare all'elevata sensibilità del mio finale(0,7v) alla fine abbiamo dovuto modificare pesantemente il pre perchè i vari attenuatori testati appiattivano e toglievano vivacità al suono...



    Praticamente mi ritrovo nella stessa situazione... uscita esagerata del pre ( max 8.5V rms) a fronte di una sensibilità del finale di 0.89V. A questo aggiungo l'uscita del DAC a 4V...
    Mah!! Ancora non so se intervenire in qualche modo...
    Quando ho preso il finale (da ultimo) mi sono preoccupato principalmente dell'impedenza... ho sottovalutato la sensibilità!! Anche se vedo che la maggior parte si aggirano intorno a 1V.
    A parte le difficoltà x la regolazione del volume riscontravi altri problemi? Perché nel mio caso è essenzialmente questo il problema...



    Sono una serie di combinazioni che hanno portato una scarsa gestione del potenziometro del volume. Abbiamo un pre con guadagno di 20db, la tensione di 8,5 volt è da ritenersi la massima possibile quando si ha una tensione in ingresso di 0,85 volt con il pot. al max, oltre va in saturazione. Con un dac che lavora bene a 4 volt ed un finale che ha la sensibilità a meno di 1 volt c'è poco da fare se non pensare di cambiare almeno il pre con uno a guadagno di circa 10db.

    martino 
  • mario75
    Posts: 101Member


    Sono una serie di combinazioni che hanno portato una scarsa gestione del potenziometro del volume. Abbiamo un pre con guadagno di 20db, la tensione di 8,5 volt è da ritenersi la massima possibile quando si ha una tensione in ingresso di 0,85 volt con il pot. al max, oltre va in saturazione. Con un dac che lavora bene a 4 volt ed un finale che ha la sensibilità a meno di 1 volt c'è poco da fare se non pensare di cambiare almeno il pre con uno a guadagno di circa 10db.


    martino 


    Il problema è proprio che non vorrei cambiare il pre... Mi piace moltissimo soprattutto con l'inserimento delle valvole Psvane e dopo la modifica della zoccolatura della rettificatrice. Ho provate decine di valvole nell'arco di 2 anni prima di arrivare ad un risultato per me davvero soddisfacente... Non vorrei ricominciare da capo.
    Credo che resterò così!!

  • sebalelesebalele
    Posts: 1,032Member


    sebalele said:

    sebalele said:


    Lascia stare il DAC su 4 volt e non inserire attentatori che sono rimedi peggiori del male. Non esistono altre strade valide, fregatene della manopola ed ascolta la musica.



    Martino


    Martino , ci fornisci una spiegazione più tecnica....


    Ci sarebbero tanti aspetti tecnici da tenere in considerazione, per primo alcuni DAC lavorano bene con l'uscita al max, perché al variare del livello cambia la risoluzione. Per quanto possa sembrare eccessiva l'uscita di 4 volt RMS alcuni pre giovano di questo segnale restituendo più dinamica, basta che non satura, conta l'accettazione max input.
    Sugli attentatori bisogna andarci molto cauti, inseriscono un ulteriore collo di bottiglia, 1) intanto è una connessione in più e non fa certo bene, 2) si rischia di compromettere  risposta in frequenza e dinamica a causa della variazione del matching di impedenza, conviene utilizzarli soltanto su impianti di livello medio basso quando subentra un problema di saturazione.
    Dobbiamo tenere conto che un impianto che suona bene anche con il potenziometro ad ore 9 non ha nessun problema perché crearselo il "problema" con il rischio di peggiorare?


    Il collo di bottiglia di una resistenza è senz'altro minore di quella di un pre .
    La connessione in più ci "stà" (una saldatura in più , ma solo una )
    La resistenza si può  "metchare" senza problemi , un resistore (in BF)non ha problemi di dinamica , fase o frequenza . Basta non sovraccaricare l'uscita della sorgente (peraltro sempre protette anche in caso di corto ) .
    Solo per dire di non diffondere "nozioni" che non trovano posto nelle leggi dell'elettrotecnica , poi si può parlare di tutto ma non diciamo che le resistenze introducono cali di frequenze audio o altro .
    Usare la corsa del volume solo per il 25% non è peraltro comodo .


    Mi dici dove ho detto che le resistenze introducono cali di frequenze? Ho scritto matching, (adattamento di impedenza) è una cosa importantissima, il taglio di frequenza avviene quando le componenti reattive (capacità del circuito e del cavo) formano un filtro ( R C)  insieme alla risultante della  componente resisteva che andiamo modificare senza. Per esperienza ti posso confermare come già qualcuno ha fatto che gli effetti negativi si avvertono. 
    Per quanto riguarda la connessione non non è tanto la saldatura ma la resistenza di contatto del connettore stesso il collo di bottiglia...
    Per ultimo cerca di stare sereno e cerca di non fare accuse inesistenti...

    Martino


    Lo hai scritto su ...
    Quando spiegherete come mai un partitore appiattisce il suono se fatto con le giuste impedenze di carico ve ne sarò grato .
  • antoniozetaantoniozeta
    Posts: 10,099Member
    sebalele said:






    sebalele said:



    sebalele said:




    Lascia stare il DAC su 4 volt e non inserire attentatori che sono rimedi peggiori del male. Non esistono altre strade valide, fregatene della manopola ed ascolta la musica.






    Martino
    Martino , ci fornisci una spiegazione più tecnica....
    Ci sarebbero tanti aspetti tecnici da tenere in considerazione, per primo alcuni DAC lavorano bene con l'uscita al max, perché al variare del livello cambia la risoluzione. Per quanto possa sembrare eccessiva l'uscita di 4 volt RMS alcuni pre giovano di questo segnale restituendo più dinamica, basta che non satura, conta l'accettazione max input.
    Sugli attentatori bisogna andarci molto cauti, inseriscono un ulteriore collo di bottiglia, 1) intanto è una connessione in più e non fa certo bene, 2) si rischia di compromettere  risposta in frequenza e dinamica a causa della variazione del matching di impedenza, conviene utilizzarli soltanto su impianti di livello medio basso quando subentra un problema di saturazione.

    Dobbiamo tenere conto che un impianto che suona bene anche con il potenziometro ad ore 9 non ha nessun problema perché crearselo il "problema" con il rischio di peggiorare?
    Il collo di bottiglia di una resistenza è senz'altro minore di quella di un pre .
    La connessione in più ci "stà" (una saldatura in più , ma solo una )

    La resistenza si può  "metchare" senza problemi , un resistore (in BF)non ha problemi di dinamica , fase o frequenza . Basta non sovraccaricare l'uscita della sorgente (peraltro sempre protette anche in caso di corto ) .

    Solo per dire di non diffondere "nozioni" che non trovano posto nelle leggi dell'elettrotecnica , poi si può parlare di tutto ma non diciamo che le resistenze introducono cali di frequenze audio o altro .

    Usare la corsa del volume solo per il 25% non è peraltro comodo .
    Mi dici dove ho detto che le resistenze introducono cali di frequenze? Ho scritto matching, (adattamento di impedenza) è una cosa importantissima, il taglio di frequenza avviene quando le componenti reattive (capacità del circuito e del cavo) formano un filtro ( R C)  insieme alla risultante della  componente resisteva che andiamo modificare senza. Per esperienza ti posso confermare come già qualcuno ha fatto che gli effetti negativi si avvertono. 
    Per quanto riguarda la connessione non non è tanto la saldatura ma la resistenza di contatto del connettore stesso il collo di bottiglia...

    Per ultimo cerca di stare sereno e cerca di non fare accuse inesistenti...



    Martino
    Lo hai scritto su ...
    Quando spiegherete come mai un partitore appiattisce il suono se fatto con le giuste impedenze di carico ve ne sarò grato .
    guarda io non sono un tecnico,mi limito a riferire ciò che ho riscontrato nelle mie esperienze con certezza...comunque a suo tempo ne parlò anche @smile se vorrà intervenire ti darà senz'altro tutte le spiegazioni che chiedi