Grande Eastwood!
  • GabrilupoGabrilupo
    Posts: 3,237Member
    In questi giorni ho visto, con i miei figli Flags of our fathers e Letters from Iwo Jima, le due prospettive di uno stesso fatto storico. Intensamente belli, con una leggera preferenza per il secondo.
    Sono anche molto contento di averli visti con la mia prole, malgrado una serie di scene "pesanti" da digerire, per mostrare loro la follia della guerra e far superare loro la falsa immagine da videogame che ne possono avere (come tanti loro coetanei).
    Gabriele
  • iciogoodtimemusiciciogoodtimemusic
    Posts: 4,342Member
    Tra i miei preferiti, come attore, e anche come regista... Un grande! Proprio come dici tu... Ciao, Icio
    ciao, Icio / Ci vuole la grana per vivere bene. E tanta! (Ben rivolto ad Elita)
  • analogico_09analogico_09
    Posts: 21,951Member
    Mi piacciono diversi film di Eastwood, alcuni moltissimo, altri per niente.., nel complesso o lo amo o lo "odio" (figuratamente), difficilmente trovo una via di mezzo con questo regista che in ogni caso non lascia indifferenti... Letters from Iwo Jima l'ho trovato francamente insincero e propagandistico, pedante e noioso, non oso pensare a come potrebbe essere Flag.... (da stimate fonti ho appreso che è peggio del secondo...), che non ho visto e mai (suppongo) vedrò.
    Peppe. - "Tradizione significa custodire il fuoco, non adorare le ceneri". Mahler
    - "Fare un film - cioè raccontare la storia di un uomo, di una donna, di due o più persone, in meno di due ore, o in almeno due ore - è un'impresa terrificante, che merita molto più dell'abilità tecnica di una prostituta." - John Cassavetes
  • MarcoMarco
    Posts: 26,658Member
    Eastwood, uno dei pochi "reazionari repubblicani fino al midollo" che mi piace amare.
    Memorabile, come attore, nel ciclo dedicato all'ispettore "Dirty Harry" (in italiano: Ispettore Callaghan), che fra l'altro vede alla regia alcuni dei maestri indiscussi del genere, fra cui il grandissimo Don Siegel.

    Coe regista e autore dsi distingue per la sua visione ipercritica del sistema, spesso più democratico di tanti democratici.
    Ma soprattutto profondamente amante della grande Amerca dei minori, vedi non a caso la lunga serie dei film crepuscolari e disncantati come Gli Spietati (l'ultimo grande western della storia del cinema), oppure Honky Tonk Man, oppure ancora il bellissimo I Ponti di Madison County, per arrivare ai suoi due indiscussi capolvari, Million Dollar Baby e Gran Torino.

    Fra l'altro, straordinario musicista (spesso autore delle colonne sonore dei suoi film) e raffinato pianista jazz.
    Post edited by Marco at 2014-05-12 19:19:29
  • GabrilupoGabrilupo
    Posts: 3,237Member
    Ciao Marco,
    oltre i due che ho citato, ho apprezzato molto Mystic River. Tu che ne pensi?
  • MarcoMarco
    Posts: 26,658Member
    Gabrilupo said:

    Ciao Marco,
    oltre i due che ho citato, ho apprezzato molto Mystic River. Tu che ne pensi?



    Bello, "fratello di sangue" di Million Dollar Baby.
    Ma tutto l'ultimo Eastwood regista è eccellente, con forse una flessione solo nell'utimissimo perido: infatti sia Invictus, che soprattutto Hereafter sono decisamente "minori". Si salvicchia J.Edgar, grazie a un Di Carpio strepitoso, ma manca comunque un po' di incisività.
  • iciogoodtimemusiciciogoodtimemusic
    Posts: 4,342Member
    A me l'unico che proprio non mi è piaciuto è "Per piacere non salvarmi più la vita" insieme a Burt Reynolds. Mi è piaciuto persino "La ballata della città senza nome" un western assai anomalo visto che si tratta di un musical, però è bella la storia... Piuttosto me ne mancano alcuni tra gli ultimi, e poi non ho mai visto "Honky tonk man", che mi sembra sia sempre con Sondra Locke, o sbaglio? Però "Gli avvoltoi hanno fame" e "Il texano dagli occhi di ghiaccio" sono due filmoni, per me... Ciao, Icio
    ciao, Icio / Ci vuole la grana per vivere bene. E tanta! (Ben rivolto ad Elita)
  • iciogoodtimemusiciciogoodtimemusic
    Posts: 4,342Member

    Mi piacciono diversi film di Eastwood, alcuni moltissimo, altri per niente.., nel complesso o lo amo o lo "odio" (figuratamente), difficilmente trovo una via di mezzo con questo regista che in ogni caso non lascia indifferenti... Letters from Iwo Jima l'ho trovato francamente insincero e propagandistico, pedante e noioso, non oso pensare a come potrebbe essere Flag.... (da stimate fonti ho appreso che è peggio del secondo...), che non ho visto e mai (suppongo) vedrò.

    In che senso trovi "Lettere..." come dici sopra? Non lo vidi al cine, ma una sola volta qui a casa e una di queste sere lo riguardo. E devo dire che "Flag..." forse forse (anche questo visto a casa sul muro) mi è piaciuto di più. La storia di questo sì che si dipana sulla propaganda di guerra, con la campagna per far sottoscrivere i crediti di guerra. E nella "campagna" viene utilizzato anche un nativo, con tutti i problemi sociali che ne derivano e l'ostilità verso di loro, molto più profonda di quanto non lo sia quella per i "negri". Insomma, non è un film girato in "trincea", se non in minima parte, ma affonda le radici sui drammi della gente, del popolo che viene coinvolto "in guerra"... Almeno così mi è parso. Certo, come pellicole "antimilitariste" c'è ben altro in giro, ma questa guarda un lato particolare della faccenda, quello della propaganda, che in caso di guerra è essenziale per avere il coinvolgimento, e soprattutto il sostegno del popolo. Ciao, Icio
    ciao, Icio / Ci vuole la grana per vivere bene. E tanta! (Ben rivolto ad Elita)
  • campa2campa2
    Posts: 1,135Member
    Grande autore.......ho amato intensamente Gran torino, changeling, un mondo perfetto e gli Spietati.
  • stanzanistanzani
    Posts: 19,961Member
    eastwood e' un grandissimo a tutti gli effetti. ha imparato a dirigere dal suo mentore don siegel (imperdibile "la notte brava del soldato johnatan" un noir maschilista e inquietante), di cui e' a tutti gli effetti l'erede e il continuatore (ma non l'epigono)
    io adoro un mondo perfetto, mystic river, gran torino (ad oggi il migliore, IMO)  e million dollar baby. i due film di guerra sopra menzionati un po' meno, anche se il punto di vista giapponese mi piacque di piu'

    i ponti di madison country e' pure notevole: cinema per femminucce ai massimi livelli ;)

    mi vedro' hereafter nei prossimi giorni
    ... you aren't hearing an improvement because of the format. You're hearing it because of the remastering ...
  • iciogoodtimemusiciciogoodtimemusic
    Posts: 4,342Member
    "Mystic River" per me è un capolavoro, "Million dollar" l'ho visto a tratti in TV, sono recalcitrante per quanto riguarda il pugilato sul ring, anche se prima o dopo me lo vedrò come si deve (amici hanno il blu-ray). Mi sembra uno sport "post arena" tipo Colosseo o roba del genere... Piuttosto preferisco i pugni a mani nude di "Fai come ti pare" e soprattutto "Filo da torcere", grande road-movie, per me... E "L'uomo nel mirino" con Sondra Locke?...
    ciao, Icio / Ci vuole la grana per vivere bene. E tanta! (Ben rivolto ad Elita)
  • MarcoMarco
    Posts: 26,658Member

    "Mystic River" per me è un capolavoro, "Million dollar" l'ho visto a tratti in TV, sono recalcitrante per quanto riguarda il pugilato sul ring, anche se prima o dopo me lo vedrò come si deve (amici hanno il blu-ray). Mi sembra uno sport "post arena" tipo Colosseo o roba del genere... Piuttosto preferisco i pugni a mani nude di "Fai come ti pare" e soprattutto "Filo da torcere", grande road-movie, per me... E "L'uomo nel mirino" con Sondra Locke?...



    in Million Dollar Baby, la boxe è mero pretesto per parlare d'altro, molto altro...
  • iciogoodtimemusiciciogoodtimemusic
    Posts: 4,342Member
    Lo so Marco, ed è proprio per questo che voglio vederlo per intero e come si deve, dal mio amico Biseo con grande schermo più che sul muro di casa mia... ma la boxe proprio... pensa che persino "Toro scatenato" proprio per quel motivo non... per il resto, un capolavoro come pochi...
    ciao, Icio / Ci vuole la grana per vivere bene. E tanta! (Ben rivolto ad Elita)
  • iciogoodtimemusiciciogoodtimemusic
    Posts: 4,342Member
    Dimenticavo il capolavoro dei capolavori con Clint Eastwood: "Una calibro 20 per lo specialista"... Pensare che nel mio immaginario, prima di prenderlo in DVD qualche anno fà, pensavo la regia fosse di Don Siegel, invece no, è di Michael Cimino... =D> ^:)^
    ciao, Icio / Ci vuole la grana per vivere bene. E tanta! (Ben rivolto ad Elita)
  • JazzloverJazzlover
    Posts: 3,871Member
    Ma come si fa a non aver visto "per intero" Million Dollar Baby? 

    Moderatori, me lo bannate a vita dalla sezione cinema, per favore? Grazie. :D
    Jazz, what else?
    Gianni
  • analogico_09analogico_09
    Posts: 21,951Member


    In che senso trovi "Lettere..." come dici sopra? 



    Sarebbe lungo spiegare i motivi delle mie critiche al cinema di Eastwood che  a dire il vero scinderei per collocarlo su due distinti piani del mio personale gradimento, uno del fuoco l'altro del gelo (quanto siano rispettivamente estesi i due piani non saprei, non li ho mai misurati col metro del geometra…). 


    Non vorrei cavarmela con uno slogan, nè riproporre quanto scrissi a suo tempo in maniera più estesa, quindi riassumerò la mia modesta idea sull'Eastwood autore di "Letters…", e di altri film analoghi che colloco sullo stesso piano del gelo, restauratori del "sogno americano" infarcito di retoriche e del mito dell"eroe" buono in perenne contesa contro i cattivi del mondo barbaro da liberare e che il regista, con estrema e convinta sincerità (ed è qui che si registra il livello massimo della "perniciosità" involontaria ma pur sempre propagandistica...) riesce a trasformare fittiziamente in "anti-eroe"… Intendiamoci.., tanto di cappello.., non è da tutti sfoderare una furbizia così "sincera"... 


    Dopotutto il "messaggio" sarebbe il minimo.., il problema è che ad un testo "filosofico" così moralistico e ideologizzato non corrisponde un'estetica filmica adeguatamente "importante" e in grado di far passare in secondo piano la "teologia dello sceriffato", come invece avviene ad esempio con Nascita di una Nazione di Griffith, il film con il plot più reazionario e razzista della storia, tuttavia cinematograficamente sublime e dunque rivoluzionario.., il primo film d'arte della storia, con l'ineffabile energia filmica di Ford, ecc. 


    Non so se mi sono capito.., come direbbe il buon Pasquale... ;)




    Per quanto riguarda invece i film della mia linea di "fuoco", Million Dollar Baby lo metterei tra i primi  (Gli Spietati.., ovviamente), una lezione di cinema "classico" di una bellezza mozzafiato che è nostalgia e insieme radici profonde sulle quali poggia il futuro… La mdp accarezza gli ambienti, i personaggi le "storie".., turgido, appassionato sguardo, fotogenia plastica nelle forme d'espressione più profonde e squisitamente cinematografiche. Per me uno dei massimi (pochi) capolavori mondiali degli ultimi 4 lustri.


    Poi ci sono gli altri film chi più chi meno celebrati.., i "classiconi", ecc.., e tra questi NON mi piace Bird, nè Mystic River, ho contratto l'orticaria al cuore, fegato e coratella con I Ponti di Madison Country, ho scoperto con molto piacere e viva sorpresa l'interessantissimo, "insolito" Hereafter.., bello Changeling credo uno dei suoi film meno conosciuti e dibattuti.., insomma.., alla fin fine a ciacuno il suo, è solo una questione di punti di vista, tutti rispettabili, tutti degni di partecipare al divertente gioco del "confronto" delle idee civile che è un po' il sale di ogni forum di discussioni che si rispetti... :)

    Post edited by analogico_09 at 2014-05-13 22:39:22
    Peppe. - "Tradizione significa custodire il fuoco, non adorare le ceneri". Mahler
    - "Fare un film - cioè raccontare la storia di un uomo, di una donna, di due o più persone, in meno di due ore, o in almeno due ore - è un'impresa terrificante, che merita molto più dell'abilità tecnica di una prostituta." - John Cassavetes
  • PanurgePanurge
    Posts: 26,147Member
    Cattivone, non ti è scappata la lacrimuccia per il povero fotografo triste dei ponti di Madison County? A dire il vero sarebbe stato più credibile John Wayne in Priscilla.
    "Noi i bogioma nen".
  • MarcoMarco
    Posts: 26,658Member
    Panurge said:

    Cattivone, non ti è scappata la lacrimuccia per il povero fotografo triste dei ponti di Madison County? A dire il vero sarebbe stato più credibile John Wayne in Priscilla.



    Credo che I Ponti di Madison County si possa capire, ed amare, solo conoscendo il Territorio Americano, che è il vero, grande, primo e ultimo protagonista di questo film.
  • fricognafricogna
    Posts: 9,995Member
    Ma "Bird" non piace a nessuno?
    saluti Giovanni
  • iciogoodtimemusiciciogoodtimemusic
    Posts: 4,342Member
    A me un pò si...
    ciao, Icio / Ci vuole la grana per vivere bene. E tanta! (Ben rivolto ad Elita)
  • MarcoMarco
    Posts: 26,658Member
    fricogna said:

    Ma "Bird" non piace a nessuno?



    ...mmm...
    Discutibile. Soprattutto il tentativo, secondo me assolutamente non riuscito, di montare il film con la "struttura" di un brano jazz. I salti temporali continui creano in questo caso solo cofusione e l'estetica cinematografica ne soffre.

    Di Bird l'unica cosa veramente memorabile è la STRAORDINARIA interpretazione di Forrest Whitaker, che, fra l'altro, si è fatto conoscere al grande pubblico con questo film.
  • iciogoodtimemusiciciogoodtimemusic
    Posts: 4,342Member


    Panurge said:

    Cattivone, non ti è scappata la lacrimuccia per il povero fotografo triste dei ponti di Madison County? A dire il vero sarebbe stato più credibile John Wayne in Priscilla.

    Credo che I Ponti di Madison County si possa capire, ed amare, solo conoscendo il Territorio Americano, che è il vero, grande, primo e ultimo protagonista di questo film.
    Penso che sia proprio come dici tu Marco…
    Ma non ho mai vinto la paura di "volare" e nell'acqua galleggio a malapena, quindi anche la traversata via mare sarebbe un problema per me...
    Eppure è tra i primi posti al mondo che mi piacerebbe visitare, prima ancora di Machu Picchu, dell’Africa o dell’Asia, e non solo per il blues, le cui radici andrei piuttosto a ricercarle sulla costa occidentale dell'Africa, ma soprattutto per ripercorrere "visivamente" la storia del cinema americano...
    Io amo alla follia Sam Peckinpah, che di certo con Clint Eastwood centra gran poco, eppure le immagini dei loro film evocano in me un qualcosa di irrefrenabile, una voglia di muovermi e di uscire, di vedere e vivere in situazioni e posti diversi dai miei soliti, e purtroppo invece il tempo passa e devo accontentarmi di vedere e rivedere all’infinito i loro film…
    Come si ascolta centinaia di volte un bel disco, io rivedo i film che più mi piacciono altrettante volte! E non mi sono ancora stancato di farlo…
    Ciao, Icio
    ciao, Icio / Ci vuole la grana per vivere bene. E tanta! (Ben rivolto ad Elita)
  • iciogoodtimemusiciciogoodtimemusic
    Posts: 4,342Member




    In che senso trovi "Lettere..." come dici sopra? 



    Non so se mi sono capito.., come direbbe il buon Pasquale... ;)



    Per quanto riguarda invece i film della mia linea di "fuoco", Million Dollar Baby lo metterei tra i primi  (Gli Spietati.., ovviamente), una lezione di cinema "classico" di una bellezza mozzafiato che è nostalgia e insieme radici profonde sulle quali poggia il futuro… La mdp accarezza gli ambienti, i personaggi le "storie".., turgido, appassionato sguardo, fotogenia plastica nelle forme d'espressione più profonde e squisitamente cinematografiche. Per me uno dei massimi (pochi) capolavori mondiali degli ultimi 4 lustri.


    Poi ci sono gli altri film chi più chi meno celebrati.., i "classiconi", ecc.., e tra questi NON mi piace Bird, nè Mystic River, ho contratto l'orticaria al cuore, fegato e coratella con I Ponti di Madison Country, ho scoperto con molto piacere e viva sorpresa l'interessantissimo, "insolito" Hereafter.., bello Changeling credo uno dei suoi film meno conosciuti e dibattuti.., insomma.., alla fin fine a ciacuno il suo, è solo una questione di punti di vista, tutti rispettabili, tutti degni di partecipare al divertente gioco del "confronto" delle idee civile che è un po' il sale di ogni forum di discussioni che si rispetti... :)

    "Mi sono spiegato bene" parafrasando Pasquale... Eppure Peppe, a me i film di Eastwood piacciono, alcuni meno meno, altri più più, altri capolavori, altri mediocri... Ma una cosa è certa, almeno per me: mi riguardo 37 volte di fila l'intera serie di Dirty Harry piuttosto che un film di Sorrentino o Moretti [tanto per fare dei nomi], che stanno sullo stesso piano del Clint Eastwood che hai descritto benissimo, rispetto alla cultura europea, o italiana, democratica e riformista [o autoritaria e controriformista che dir si voglia], visto che noi [o almeno io, questo mi è certo] abitiamo qui... Per il resto ti rimando anche al mio post più sopra, il n. 22... Ciao, Icio (ho dovuto tagliare parte del quote del tuo intervento altrimenti non ci stava tutto)
    ciao, Icio / Ci vuole la grana per vivere bene. E tanta! (Ben rivolto ad Elita)
  • analogico_09analogico_09
    Posts: 21,951Member
    Panurge said:

    Cattivone, non ti è scappata la lacrimuccia per il povero fotografo triste dei ponti di Madison County? A dire il vero sarebbe stato più credibile John Wayne in Priscilla.



    A dire il vero io sono un sentimentalone i film di questo genere mi fanno (inconfessata_mente) piangere come una vacchetta...  3:-O :D

    No.., innegabile che il film sia ben girato, ottima la coppia di interpreti che sembra fin troppo "brava".., quasi che il regista voglia "avvertire": mo te lo faccio vedere io come siamo bravi... Riuscendo egregiamente nell'intento ma l'"zelo" si nota e non dovrebbe notarsi... Inoltre i "Ponti..." è un film intenzionalmente sentimentale (sull'umano sentimento.., nell'assunto nobile del termine...) che tuttavia cammina costantemente in bilico sul filo del sentimentalismo... Non si registrano tonfi, ma lo "stillicidio" alla fine sfianca... 

    Ieri notte, sull'onda delle amene chiacchiere che stiamo qui facendo, mi sono ri-visto Heratfather, iniziando a tarda ora e rimanendo con l'occhio, la mente e il cuore incollati sul monitor, con sommo piacere e gusto, fino alle tre... Mi è ri-piaciuto più della prima volta. A suo tempo scrissi questo commentino sul film e rimango sostanzialmente della stessa idea, solo preciserei che l'aspetto conservatore, "americanista" ecc. (morale forse si...) di Eastwood, presente in altri lavori, non appartiene in nessun modo a questo bellissimo e rigoroso film che encomiabilmente evita di (s)cadere nel facile e volgare mezzuccio narrativo e visivo, e in altre analoghe trappole sempre in agguato in questo genere di film... 
    In chiusura di commento sostenni che: Film a mio avviso destinato ad essere "rivalutato"… 
    Sono sempre più convinto che Heartfather dovrebbe trovare più alta collocazione nella lista delle migliori opere del regista americano. 

    Post edited by analogico_09 at 2014-05-14 15:18:00
    Peppe. - "Tradizione significa custodire il fuoco, non adorare le ceneri". Mahler
    - "Fare un film - cioè raccontare la storia di un uomo, di una donna, di due o più persone, in meno di due ore, o in almeno due ore - è un'impresa terrificante, che merita molto più dell'abilità tecnica di una prostituta." - John Cassavetes
  • PanurgePanurge
    Posts: 26,147Member
    Concordo, rivisto da poco, mai assertivo ma sempre interrogativo, un film sulla metabolizzazione del dolore oltre che sull'aldilà, sto diventando un sensibilone, ho bisogno di una full immersion in "Walker Texas Ranger".
    "Noi i bogioma nen".
  • iciogoodtimemusiciciogoodtimemusic
    Posts: 4,342Member

    Allora questi sono quelli che non ho mai visto, quindi non posso dire nulla, e sono tutti in lista d’attesa, come regista, attore o ambedue, tralascio quelli antecedenti l’epopea con Sergio Leone che non ho neppure mai guardato se si trovano in DVD e neppure ricordo di averli mai visti…
    Changeling – di
    Debito di sangue – di e con
    Di nuovo in gioco – con
    Fino a prova contraria – di e con
    Hereafter – di
    Honky tonk man – di e con
    Invictus, l’invincibile – di
    Mezzanotte nel giardino del bene e del male – di
    Million dollar baby – di e con
    Pink cadillac – con
    Un mondo perfetto – di e con

    ciao, Icio / Ci vuole la grana per vivere bene. E tanta! (Ben rivolto ad Elita)
  • dadoxdadox
    Posts: 11,014Member
    L'Uomo nel Mirino, stasera ore 23,20 su Iris. :D 
  • iciogoodtimemusiciciogoodtimemusic
    Posts: 4,342Member
    Lo conosco a memoria, battuta per battuta, fotogramma per fotogramma!!! un capolavoro!!! "'Gus" Mally [Sondra Locke] è strepitosa!!! buona visione!!! Ciao, Icio
    ciao, Icio / Ci vuole la grana per vivere bene. E tanta! (Ben rivolto ad Elita)
  • mediomedio
    Posts: 3,058Member
    fricogna said:

    Ma "Bird" non piace a nessuno?




    a me tantissimo!!
    Wilson The Circle>ACT0.5>Benz Glider>PP1 - Marantz DV7007 - AURALiC AriesMini - Wadia Intuition - Totem Hawk
  • analogico_09analogico_09
    Posts: 21,951Member
    "Bel" film dal punto di vista agioleografico, se non si tiene conto (e per me non è possibile non tenerne conto) del fatto che Bird di Eastwood resta un film involontariamente "parodiante", nell'accezione negativa del termine, della figura di Charlie Parker, dell'uomo e del musicista, che viene melodrammatizzata in maniera mistificatoria. Magari in "buona fede", ma tant'è.., ne esce fuori un personaggio "dimezzato".. 
    Questo "taglio" manicheo ha ovviamente ricadute negative sul piano estetico. 

    Non argomenterò.., ne parlammo in questo topic, post nr. 48, e fu una lunga, articolata, serrata disanima condotta con pluralità di voci e pareri...
    Post edited by analogico_09 at 2014-05-30 21:28:22
    Peppe. - "Tradizione significa custodire il fuoco, non adorare le ceneri". Mahler
    - "Fare un film - cioè raccontare la storia di un uomo, di una donna, di due o più persone, in meno di due ore, o in almeno due ore - è un'impresa terrificante, che merita molto più dell'abilità tecnica di una prostituta." - John Cassavetes
  • camaro71camaro71
    Posts: 22,266Member

    Tra i miei preferiti, come attore, e anche come regista... Un grande! Proprio come dici tu... Ciao, Icio



    quotone, per me forse il più grande.


    è il mio mito cinematografico

    accuphase dp 77 - gryphon sonata - pass labs x250.5 - dufay "katja"