Gentili utenti, in vista del prossimo aggiornamento software, vi raccomandiamo di salvare la corrispondenza in PM e i link a Preferiti che desiderate conservare. Gli annunci del market andranno reinseriti, vi può tornare utile salvare il testo di quelli che intendete ripubblicare. Grazie.
[Thread unico] podismo/running
  • piergiorgiopiergiorgio
    Posts: 18,087Member
    Buongiorno a tutti, appassionati corridori e non :)
    Pensando di fare cosa gradita, ho aperto questo thread dove e' possibile riportare le proprie esperienze, sensazioni, aspettative, cercare e dare consigli, discutere (pacificamente) di tutto quello che riguarda il mondo del podismo e i suoi derivati.
    Si aprino le danze :)
  • piergiorgiopiergiorgio
    Posts: 18,087Member
    siebrand said:


    Piuttosto... un mio collega che ama
    correre, gioca a calcio ecc. ecc... si fa personalizzare le scarpe da
    corsa.... mette il piede su di una specie di cuscino a "gel" o cose
    così, i commessi prendono tutte le misure possibili e gli danno le
    scarre giuste per lui.


    Dice che si trova bene, ma non spende 180 euro....... ne spende parecchio meno.....



    certo, una coppia di plantari personalizzati da un ortopedia ti costano
    100 euro, poi sotto ci puoi mettere anche le scarpe del lidl da 30 euro
    ed ecco che non spendi 180 euro.
    pero' io preferisco prendere dei
    modelli piu' performanti in termini di ammortizzazione, stabilita' e
    tenuta, anche perche' non ho difetti per i quali necessito di un
    plantare a parte, ed il lavoro che fa il gel del plantare lo fa la
    tecnologia usata per l'ammortizzazione dalle varie case (air per nike, gel per asics, wave per mizuno, ecc...)

  • GionziGionzi
    Posts: 17,054Member
    Per quanto mi riguarda ho notato che i soldi spesi nelle scarpe sono soldi spesi bene, nel caso siano investiti per un modello adeguato al piede.
    Una scarpa inadatta, soprattutto da corsa, apre la porta alle infiammazioni: tallonite, fascite plantare ecc. sono dietro l'angolo e non aspettano altro che una distrazione, non solo muscolare, di chi corre.
    Per chi è pesante, poi, non ci sono scelte: scarpe molto ammortizzate, quindi normalmente molto costose. Notate che ormai corrono pure i vecchi, mentre quarant'anni fa un ultracinquantenne raramente faceva jogging. Merito, tra l'altro, dei materiali.
    Sia benedetta la spesa di 200 euro per un paio di scarpe, se ti risparmia 300 euro di spese di fisioterapia.
    Nessuno siamo perfetti, ognuno ci abbiamo i suoi difetti
  • piergiorgiopiergiorgio
    Posts: 18,087Member


    Piuttosto scopro che Sieb ignora
    quanto purtroppo siano care le scarpe da corsa (i modelli più
    ammortizzati oscillano tra i 160 e i 180 E.: e sono fatti in Cina!)


    ci sono da fare un paio di precisazioni, e nel pensarle mi sono venute in mente diverse analogie con il mondo hifi : il prezzo delle scarpe da running sicuramente e' gonfiato, di certo a causa della pubblicita' e delle sponsorizzazioni, pero' ritengo sia meno *pompato* di quando avvenga in hifi in quanto per una scarpa tecnologia e materiali incidono molto di piu'; infatti le case sono sempre alla ricerca di nuovi materiali, tecnologie o dove non e' possibile utilizzare qualche nuova soluzione si cerca sempre di migliorare quella vecchia.
    Seconda cosa, non si deve confondere il prezzo di listino dallo street price : le scarpe si trovano tranquillamente in negozio con sconti che vanno normalmente dal 10 al 30%, a salire se si trovano modelli in saldo stagionale o fine serie.
    Pertanto una Kayano (una delle migliori in quanto a stabilita' e protezione sul mercato) la si trova facilmente anche a 120-130 euro a meno di andare in qualche negozio *del centro*.
  • PanurgePanurge
    Posts: 24,647Member
    Mi sembra che le mie gel cumulus siano mooooolto sotto i 180
    "Noi i bogioma nen".
  • piergiorgiopiergiorgio
    Posts: 18,087Member
    Panurge said:

    Mi sembra che le mie gel cumulus siano mooooolto sotto i 180



    esatto, sono a 135 di listino e si trovano in negozio al 20% in meno.
    mediamente con un prezzo a listino dai 100 ai 150 euro si trovano delle ottime scarpe.
  • TiggyTiggy
    Posts: 5,495Member

    Che bello questo thread! Io non sono un podista, ma 3 mesi fa mi sono comprato un tapis roulant ed ho scaricato da runnersworld.it uno dei tanti programmi per passare dalla camminata a 1h di corsa e - dopo sei settimane, con tre allenamenti a settimana - con molta soddisfazione sono arrivato a fare 8km in un'ora continua. Niente di che, però - considerando che nel frattempo ho anche perso, associando una dieta all'attività fisica, circa 9 kg (da 81 a 72) - sono soddisfatto. Adesso, visto che non ho interesse e soprattutto tempo di andare oltre, sono un po' in una fase di stanca, complici anche i bagordi natalizi, ma stasera si riparte.


    Avevo preso di svendita un paio di Nike pegasus 25 per poco meno di 60 euro, ci ho fatto circa 300km, perciò credo possano accompagnarmi ancora per un po'. La fascia cardio del tapis roulant si è rivelata uno strumento utile, ma impreciso, così mi sono fatto regalare una fascia Polar Bluthooth che utilizzo con il Samsung S3. E vengo alla domanda..


    Per il cellulare esistono una valanga di app (Runtastic, Endomondo, Nike+, Sports tracker, Sportrack, etc.); le ho provate più o meno tutte, scartando quelle che non funzionano per attività indoor (necessità di avviare il gps) ed avendo bisogno di 1) un contapassi 2) un tracciato cardio. A meno di finire in una di quelle applicazioni che richiedono abbonamenti mensili/annuali (runtastic, endomondo) non sono riuscito a trovare qualcosa che avesse in sé entrambe le funzioni, così uso Nike+ per misurare distanza/velocità (l'app sfrutta il movimento del cellulare) e Sports Tracker per le funzioni cardio, ma non è il massimo della comodità.


    Qualcuno mi sa indicare un'app che abbia entrambe le suddette funzioni ad un prezzo contenuto, senza abbonamenti? grazie

    Gualtiero
    VHF runner
  • piergiorgiopiergiorgio
    Posts: 18,087Member
    Tiggy said:

    Che bello questo thread!



    bene, mi dai soddisfazione :) e' da tempo che ci pensavo...
    Tiggy said:


    Avevo preso di svendita un paio di Nike pegasus 25 per poco meno di 60 euro,



    scarpe universali, un po' come le klipsch heresy :D , le fanno da circa 25 anni (ci sara' un motivo...) anche se ora sono profondamente diverse dalle prime, anche se come filosofia le ricalcano ovvero rimane una scarpa di buon livello, non eccessivamente specialistica quindi adatta a tutti; tra l'altro sono state le mie prime nike, forse la seconda o terza versione.
    Sulle app passo, la mia conoscenza e' pari allo zero
  • siebrandsiebrand
    Posts: 41,583Member

    io porto scarpa 46, non sono podista ma riporto lo stesso qualche mia esperienza, forse è utile, altrimenti passate oltre e buonanotte al secchio.


    Dicevo.


    porto il 46, a volte il 47. Ma non per la "lunghezza del piede, che sarebbe un 45, ma per il collo del piede, piuttosto altro, come capita spesso ai nordici...


    Dovendo, di solito, prendere una misura, o due, in più, sono quasi sempre costretto a cambiare subito i lacci delle scarpe, perchè restano leggermente aperte e quindi serve un laccio un po' più lungo.


    Scarpe tipo mocassini senza laccci? escluse al 100% (a parte un paio d scarpette estive, cuoio, marca Tedesca, molto ma molto aperte....)


    Le scarpe da ginnastica tipo Adidas/Nike di solito riesco a portarle, ma malvolentieri, proprio per il fatto che il plantare è sempre ampio, per via del collo/piede "vesuviano"...


    Voi, chi di voi ha un problema simile? come lo risolvete?


    come me, presumo...  :(   ?

    La legge è uguale per tutti
  • pinktrianglepinktriangle
    Posts: 4,604Member
    46...praticamente un paio di sci...CIAO.PINK.
  • PanurgePanurge
    Posts: 24,647Member
    Tiggy said:


    Che bello questo thread! Io non sono un podista, ma 3 mesi fa mi sono comprato un tapis roulant ed ho scaricato da runnersworld.it uno dei tanti programmi per passare dalla camminata a 1h di corsa e - dopo sei settimane, con tre allenamenti a settimana - con molta soddisfazione sono arrivato a fare 8km in un'ora continua. Niente di che, però - considerando che nel frattempo ho anche perso, associando una dieta all'attività fisica, circa 9 kg (da 81 a 72) - sono soddisfatto. Adesso, visto che non ho interesse e soprattutto tempo di andare oltre, sono un po' in una fase di stanca, complici anche i bagordi natalizi, ma stasera si riparte.


    Avevo preso di svendita un paio di Nike pegasus 25 per poco meno di 60 euro, ci ho fatto circa 300km, perciò credo possano accompagnarmi ancora per un po'. La fascia cardio del tapis roulant si è rivelata uno strumento utile, ma impreciso, così mi sono fatto regalare una fascia Polar Bluthooth che utilizzo con il Samsung S3. E vengo alla domanda..


    Per il cellulare esistono una valanga di app (Runtastic, Endomondo, Nike+, Sports tracker, Sportrack, etc.); le ho provate più o meno tutte, scartando quelle che non funzionano per attività indoor (necessità di avviare il gps) ed avendo bisogno di 1) un contapassi 2) un tracciato cardio. A meno di finire in una di quelle applicazioni che richiedono abbonamenti mensili/annuali (runtastic, endomondo) non sono riuscito a trovare qualcosa che avesse in sé entrambe le funzioni, così uso Nike+ per misurare distanza/velocità (l'app sfrutta il movimento del cellulare) e Sports Tracker per le funzioni cardio, ma non è il massimo della comodità.


    Qualcuno mi sa indicare un'app che abbia entrambe le suddette funzioni ad un prezzo contenuto, senza abbonamenti? grazie



    mah, io uso il metodo con cui mio padre, dopo 30 anni di fumo pesante, più o meno alla mia stessa età, si è rimesso in sesto (g.s.a, un bel po' di 4.000 delle alpi occidentali, un paio di seimila cileni), vado finchè non mi appare San Pietro, quando vedo anche la madonna mi fermo.


     

    "Noi i bogioma nen".
  • JujuJuju
    Posts: 4,457Member
    Ciao a tutti, io corro poco meno di 10km in un'ora. So che non e` nulla di particolare, ma e` un'attivita` che mi appassiona e che svolgo regolarmente. I 5km li faccio in 30 minuti piu` o meno... Anche io faccio attivita` indoor con un tapis roulant perche` qui il clima tropicale e` troppo caldo per correre outdoor in orari umani.

    Prima di trovare le scarpe adatte anche io ho avuto molti problemi, soprattutto alle ginocchia, poi finalmente ho trovato un negozio con telecamera e fermo immagine per valutare la camminata ed ho comprato un paio di brooks che mi si adattano alla perfezioe e non mi danno problemi. Investire nelle scarpe e` necessario perche` con le scarpe sbagliate ci si puo` fare male sul serio e si pregiudica tutta l'esperienza.

    Per adesso corro a pendenza 2 del tapis roulant ed i miei battiti cardiaci raggiungono i 179 bpm.

    Saluti da lontano...
    Ciao, Massimo
  • TiggyTiggy
    Posts: 5,495Member
    Juju said:

    Per adesso corro a pendenza 2 del tapis roulant ed i miei battiti cardiaci raggiungono i 179 bpm.

    Saluti da lontano...

    Anche per me il tapiroulant è un ripiego, per via del tempo a disposizione e - adesso - del freddo e del buio che, per chi come me è agli inizi, non è un buon incentivo. Più avanti - allergie permettendo - proverò anche ad uscire. Ho letto che per compensare l'aiuto che il nastro offre alla "corsa" su tapis roulant è sufficiente impostare 1 di pendenza. Non so la tua età, ma per me 180 bpm sono la soglia massima, ci arrivo solo a toccarli se mi viene la malsana idea di fare uno sprint finale..
    Gualtiero
    VHF runner
  • siebrandsiebrand
    Posts: 41,583Member

    aaaaaaaah i tapis roulant... Forse l'ho già raccontato una volta, ma visto che siamo in tema....
    Una volta, in un albergo, c'era, a disposizione "gratuita" dei clienti, una sala con alcune macchine tipo ciclette, rematore (?) tapis roulant.  Non avevo mai usato un marchingegno di quel genere...
    Mi decido. Provo. E vai col Tapis Roullant....
    madonna mia che fatica....! non riuscivo a fare manco un passo. Sono andato avanti 20/30 minuti, sudavo come un pazzo, ero vicino al colasso... il tappeto rotolante era difficilissimo da smuovere....
    finchè.... finchè... finchè vedo un bottone. Power on/Power off.
    boh... e questo?  accendo... e. il tapetto rollante comincia ad andare da per conto suo...
    Sono una frana, lo so. Burlatevi pure di me, non c'è problema. Anche perchè... ora che so... evito comunque... 
    :))
    La legge è uguale per tutti
  • wertigowertigo
    Posts: 5,530Member
    Panurge said:

    Tiggy said:


    Qualcuno mi sa indicare un'app che abbia entrambe le suddette funzioni ad un prezzo contenuto, senza abbonamenti? grazie



    mah, io uso il metodo con cui mio padre, dopo 30 anni di fumo pesante, più o meno alla mia stessa età, si è rimesso in sesto (g.s.a, un bel po' di 4.000 delle alpi occidentali, un paio di seimila cileni), vado finchè non mi appare San Pietro, quando vedo anche la madonna mi fermo.


     



    intanto buona idea, PG

    e poi è lo stesso metodo che uso anch'io :-D

    Per le scarpe alterno asics e mizuno, per il fuoristrada mi ero trovato benissimo con delle north face, ma non riesco più a trovarle in giro.

    In genere le cambio quando inizio a sentire lamentarsi le varie giunture
    Who Knows Where the Time Goes?
  • piergiorgiopiergiorgio
    Posts: 18,087Member
    siebrand said:

    Le scarpe da ginnastica tipo Adidas/Nike di solito riesco a portarle, ma malvolentieri, proprio per il fatto che il plantare è sempre ampio, per via del collo/piede "vesuviano"...

    Voi, chi di voi ha un problema simile? come lo risolvete?


    come me, presumo...  :(   ?



    in genere le varie tipologie di scarpa si distinguono per la conformazione della pianta ovvero estremizzando larga per le americane brooks, new balance, etonic e un po' meno nike, e *stretta* (diciamo piu' calzante) per le jap come asics e mizuno; un altra differenza e' quella dovuta alla piu' o meno pronunciata forma dell'arco plantare; per il collo del piede alto altro non c'e' da fare che tenere le stringhe piu' lasche.
  • EspritEsprit
    Posts: 79,850Moderator, Redazione
    La camminata lenta stile bradipo è ammessa?
  • piergiorgiopiergiorgio
    Posts: 18,087Member
    Esprit said:

    La camminata lenta stile bradipo è ammessa?



    tutto e' ammesso, basta muovere il culo :D
  • wertigowertigo
    Posts: 5,530Member
    da qualche parte ho letto: per quanto lento tu vada, sarai sempre più veloce di chi sta sul divano
    Who Knows Where the Time Goes?
  • EspritEsprit
    Posts: 79,850Moderator, Redazione

    tutto e' ammesso, basta muovere il culo :D

    Per quello basta trombare. :P Devo cercare una Pegasus invernale e comunque 'sti numeri americani delle scarpe mi mettono sempre in crisi.
  • EspritEsprit
    Posts: 79,850Moderator, Redazione
    wertigo said:

    da qualche parte ho letto: per quanto lento tu vada, sarai sempre più veloce di chi sta sul divano

    Tra il dire ed il fare: http://tinyurl.com/o2d45nd
    Comunque: ripostate qui parte dei consigli sull'abbigliamento e via dicendo. Grazie
  • piergiorgiopiergiorgio
    Posts: 18,087Member
    I consigli di Gionzi sull'abbigliamento


    sono poco più giovane, quindi posso mettermi nei tuoi panni, anche se sono dimagrito
    Il sudore non deve gelarsi addosso: devi usare un abbigliamento che te lo
    stacchi dalla pelle e lo porti all'esterno; per questo scopo cotone e
    lana non sono affatto indicati, ci vogliono le ingiustamente temute
    fibre sintetiche.
    Con meno della spesa per un buon paio di A3
    ci si abbiglia completamente per l'inverno. Ho preso questa maglia, con i
    suoi pantaloni:
    La maglia va indossata con un'altra maglia di sotto, io ne uso una che va
    bene da sola intorno ad aprile, ovvviamente sempre in tessuto tecnico
    (leggi: acrilico). I capi di sopra vanno molto bene per il freddo, meno
    per il vento, ma a Genova per quest'ultimo siamo dei tester eccezionali.
    Questi guanti, che vengono dati come antivento per correre sotto zero, ed
    effettivamente le punte delle dita ieri sono andate sotto zero, dentro
    ai guanti:
    Questo il berretto, decisamente caldo, preso ieri in negozio, non ce n'erano altri, direi adeguato a ogni freddo:
    Queste le calze:

    Lo stesso abbigliamento marcato Mizuno costa il doppio e ho seri dubbi che possa dare vantaggi a un runner del mio stampo.

    Scarpe: Mizuno Enigma 2, A3 piuttosto poco ammortizzate per la categoria, con solette Noene AC2.

    Per i consigli sull'inizio cauto mi schiero con i prudenti, tieni presente
    che secondo me si può iniziare con 15 minuti lenti, incrementando di 3-5
    minuti ogni settimana per le prime 4 settimane, ma è una mia
    valutazione sul mio fisico e su quello di pochi altri di mia conoscenza.

    Attento a non sforzare troppo le articolazioni: se sei più di 80 kg potresti
    rischiare di affaticarle troppo. Da quando sono sceso a 70 per le mie è
    un'altra vita.



    ... e come si veste Piergiorgio quando corre  :)

    all'incirca io mi vesto cosi' :
    sopra i 20 gradi canotta
    sotto i 20 una maglietta, anche di cotone
    sotto i 15 una maglietta piu' pesante o 2 leggere o maglietta + canotta, al
    posto dei pantaloncini classici uso dei fuseaux tecnici in lycra
    sotto i 10 gradi una maglietta tecnica + giacca tecnica, fascetta in lycra e
    guanti (che poi puntualmente tolgo), fuseaux lunghi o 3/4 leggeri
    sotto i 5 gradi idem + gilet antivento (e' leggero e aiuta a riparare
    comunque da freddo e umidita'), cappellino e guanti in lycra, fuseaux +
    pesanti
    sotto lo zero idem + maglietta a rete a contatto della pelle :
    questo fa si' che le intercapedini formate dalla rete funzionino come
    delle bolle d'aria mantenendo la temperatura corporea abbastanza
    costante; fuseaux piu' leggeri con sopra degli scaldamuscoli, ma e' una
    cosa personale perche' soffro un po' di sciatica ed il freddo intenso mi
    da' fastidio.
    C'e' un vecchio modo di dire quando si corre col freddo, e cioe' che quando si esce di casa, si inizia a correre e si sta
    subito bene significa che ci si e' coperti troppo : nulla di piu' vero.
    Non ci si spaventi per la quantita' e la varieta' di capi da avere, pero'
    non funziona come per le scarpe che dopo un certo chilometraggio vanno
    cambiate (io ogni 6-7 mesi o 800 km), per l'abbigliamento si fa una
    spesa e poi dura per anni : io ho ancora fuseaux e canottiere di oltre
    10 anni che uso regolarmente, per non parlare delle giacche.
    Poi uso per la corsa le magliette che dismetto per l'uso nel tempo libero, per
    cui da me non si butta niente... idem per le scarpe che una volta
    inutilizzabili per la corsa (causa intersuola non piu' ammortizzante)
    uso per i lavori di casa, giardino, ecc., dopo una passata in lavatrice
    tornano come nuove.
    acquisto oramai tutto da http://it.sportsdirect.com/pages/running
    prendo tutto fuori stagione, ovvero adesso acquisto materiale estivo ed in
    estate quello invernale; lo pago anche il 70% in meno del listino, la
    spedizione oltre i 100 euro e' gratuita (con corriere da uk in 3-4
    giorni arriva).
    Ho trovato questa marca, Karrimor, decisamente migliore del materiale decathlon.
    io li' ci acquisto anche le scarpe, perche' uso sempre i soliti modelli per cui so che misura prendere.
    Post edited by piergiorgio at 2014-01-03 15:03:27
  • wertigowertigo
    Posts: 5,530Member
    In tanto grazie per le dritte di PG.

    Ho acquistato anch'io e oltre ad essere veloci ed economici (anche per altri sport) la qualità dei prodotti Karrimor è decisamente buona, per me sono funzionali e piacevoli ad indossare.

    Per il resto anch'io più meno seguo la teoria del multistrato, in genere d'inverno uso un giacchino in windstopper che va benissimo, nei giorni più freddi metto una maglietta pesantina ed una a maniche lunghe, altrimenti 2 a maniche corte.

    ciao
    c
    Who Knows Where the Time Goes?
  • piergiorgiopiergiorgio
    Posts: 18,087Member
    wertigo said:

    la qualità dei prodotti Karrimor è decisamente buona,



    quoto, decisamente meglio dei marchi distribuiti da decathlon.
    tanto per dire, dopo l'uso le maglie tecniche che ho (asics, domyos e kalenji) emanano cattivo odore, mentre quelle karrimor no ed oltretutto traspirano meglio e trattengono meno il sudore.
  • JujuJuju
    Posts: 4,457Member
    Come mi consiglieresti di vestire con clima caldo tropicale? Vale a dire temperatura di piu` di 30 gradi ed umidita` del 90%?
    Ciao, Massimo
  • GionziGionzi
    Posts: 17,054Member
    maglia sintetica sottile, oppure canottiera sintetica sottile, pantaloncini sintetici, calze running e scarpe molto traforate (mesh).
    Se sei ricco, portatori con un dispositivo che ti soffi addosso aria secca.
    Nessuno siamo perfetti, ognuno ci abbiamo i suoi difetti
  • JujuJuju
    Posts: 4,457Member
    Grazie Gionzi, ho appena finito di correre, ho fatto anche oggi 10km ma lentamente, senza sforzo. I battiti hanno toccato 179 quando ho tirato alla valocita` massima.
    Ciao, Massimo
  • medusamedusa
    Posts: 3,427Member

    Ancora una domanda sull'abbigliamento. Non prendetemi per fanatico, ma il problema è che qui continua a piovere e bisogna che mi rimetta a correre se non voglio tornare troppo indietro nel mio stato di forma, che già faceva un po' pena prima di Natale.


    Sotto una leggera pioggerella (non voglio esagerare) che abbigliamento consigliate, cari forumer-podisti? 


    un sorriso
    enzo

    hai avuto la grazia di essere genoano, vuoi anche vincere? (Pippo Spagnolo)
    VHF runner
  • fricognafricogna
    Posts: 9,995Member
    toglietemi una curiosità, perché si usano magliette in fibra acrilica e non di cotone?
    saluti Giovanni
  • TiggyTiggy
    Posts: 5,495Member
    fricogna said:

    toglietemi una curiosità, perché si usano magliette in fibra acrilica e non di cotone?



    Perché il cotone con il sudore si impregna e ti resta letteralmente attaccato sulla pelle; queste nuove fibre in poliestere, ancorché siano mediamente ignobili al tatto, hanno il pregio di bagnarsi (ovviamente!) ma di non "appiccicarsi" alla pelle, favorendo movimenti ed evitando che, non appena fermi, il sudore ti ristagni addosso. Sono stato molto scettico anch'io per diverso tempo, ma alla fine ho ceduto all'evidenza
    Gualtiero
    VHF runner
  • piergiorgiopiergiorgio
    Posts: 18,087Member
    medusa said:


    Sotto una leggera pioggerella (non voglio esagerare) che abbigliamento consigliate, cari forumer-podisti? 


    un sorriso
    enzo



    io personalmente uso una maglietta (di cotone, quelle in sintetico anche se buone quando piove io non le sopporto), poi una maglia leggera a maniche lunghe ,questa si' sintetica, sopra e che mi protegga il collo, ed il classico giubbino antivento (il mio e' leggerissimo e morbido, non quelli di *plastica* tipo antiriflesso per le auto).
    un giusto equilibrio tra leggerezza e protezione dal freddo e dall'umidita'.
    e poi l'immancabile cappellino con visiera, la pioggia negli occhi mi da' un fastidio cane