Gentili Membri, le discussioni sono momentaneamente chiuse per esigenze legate alla migrazione al nuovo sito. Fanno eccezione le discussioni inerenti la migrazione stessa. ATTENZIONE! Dopo (e solo dopo) che sarà attivato il reindirizzamento, vale a dire quando scrivendo "videohifi" vi troverete da un'altra parte, se doveste riscontrare problemi di accesso, potete comunicare con noi usando il tasto CONTATTACI sulla nuova home page.
Caro Bebo, "ri"parlaci di Mario Schifano!
  • peruzzini
    Posts: 1,302Member
    L'anno scorso ho proposto un 3d dal titolo "Caro Bebo, parlaci di Mario Schifano".
    Scaturì un interessantissimo intervento del Direttore, il quale raccontò alcuni simpatici aneddoti (Modena, Rolls) e accennò al rapporto tra Schifano e la Musica, con la promessa che in seguito ne avremmo potuto riparlare.
    Ebbene, quale fan di Mario Schifano, Ti chiedo, ancora una volta, di voler raccontare qualche altro aneddoto del Grande Maestro (che era solito lavorare con televisori e radio accese), il quale credeva molto nella comunicazione audio e video. Sarebbe oltremodo interessante anche un riferimento agli apparecchi audio posseduti e ascoltati da Schifano e ai criteri da lui adottati nella scelta di tali apparecchi (c'é qualcosa che mi induce a pensare che Schifano potesse avere una predilezione per i Mcintosh!!!!).
    Grazie.
    Antonio
  • BLACKCIRCLEBLACKCIRCLE
    Posts: 11,192Member
    Mi associo anch'io.
    Al bando cavi, legnetti, e berlusconismi.
    Pro Art 4Ever!
  • GianGastoneGianGastone
    Posts: 37,362Member
    peruzzini said:

    L'anno scorso ho proposto un 3d dal titolo "Caro Bebo, parlaci di Mario Schifano".

    Scaturì un interessantissimo intervento del Direttore, il quale raccontò alcuni simpatici aneddoti (Modena, Rolls) e accennò al rapporto tra Schifano e la Musica, con la promessa che in seguito ne avremmo potuto riparlare.
    Ebbene, quale fan di Mario Schifano, Ti chiedo, ancora una volta, di voler raccontare qualche altro aneddoto del Grande Maestro (che era solito lavorare con televisori e radio accese), il quale credeva molto nella comunicazione audio e video. Sarebbe oltremodo interessante anche un riferimento agli apparecchi audio posseduti e ascoltati da Schifano e ai criteri da lui adottati nella scelta di tali apparecchi (c'é qualcosa che mi induce a pensare che Schifano potesse avere una predilezione per i Mcintosh!!!!).
    Grazie.
    Antonio


     Adoro Schifano, tutto, pero' mi piacerebbe sapere cosa gli giro' per la testa quando sulla scia di Warhol che con i Velvet  fece scaturire il Banana album, penso' una cosa praticamente simile con "Le Stelle di Mario Schifano" , copertina strepitosa, album di una bruttezza indescrivibile, una troiata spaventosa.


    Post edited by GianGastone at 2013-09-04 18:34:07
  • federico 75federico 75
    Posts: 1,807Member
    io trovo la parte musicale,non peggiore, di quella grafica.
  • Velvet
    Posts: 24,105Member
    Controcorrente dirò che il brano "molto alto" è, per l'anno in cui è uscito (1967) geniale. Una sorta di pezzo alla Velvet Underground bagnato nell'acido west-coast con cenni allo space-rock tedesco.

    A me piace un sacco, e nemmeno il resto dell'LP (che possiedo) lo trovo malaccio nel suo approccio improvvisativo e molto "free".

    Certo, non è musica per educande....

  • peruzzini
    Posts: 1,302Member
    ...siamo ancora in attesa.....
  • peruzzini
    Posts: 1,302Member
    L'altro giorno sono andato a visitare il castello di Castelbuono (in provincia di Palermo), uno dei castelli più belli d'Italia. Un fantastico angolo di medioevo, tenuto in modo impeccabile (complimenti al Comune).
    Ebbene, con grande sorpresa, all'interno c'é esposta una tela di Mario Schifano, segnatamente un cavallo. E' davvero interessante questo contrasto tra arte moderna e medioevo. In quel momento ho pensato al Direttore Bebo e al suo rapporto di amicizia e collaborazione con il grande Maestro.
  • untit60untit60
    Posts: 1,339Member
    Velvet said:

    Controcorrente dirò che il brano "molto alto" è, per l'anno in cui è uscito (1967) geniale. Una sorta di pezzo alla Velvet Underground bagnato nell'acido west-coast con cenni allo space-rock tedesco.


    A me piace un sacco, e nemmeno il resto dell'LP (che possiedo) lo trovo malaccio nel suo approccio improvvisativo e molto "free".

    Certo, non è musica per educande....



  • BeboBebo
    Posts: 26,175Moderator
    Domani sera
  • Paky33Paky33
    Posts: 6,144Member
    Io adoro la transavanguardia romana.
    Ho diverse opere di Schifano, di Franco Angeli, di Tano Festa ma quel disco, che ho comprato in versione CD, francamente, e con tutta la buona volontà a voler capire anche le più strane espressioni artistiche musicali, è davvero "tosto".
    Immaginatevi se Arman avesse fatto anche lui un disco! Eppure faceva accumuli di violini, di sassofoni, di strumenti musicali in genere. Ne ho uno splendido Buclier, quello di violini da circa 3metri quadri: Fantastico! come fantastiche sono le opere pittoriche di Mario Schifano. Una l'ho presa direttamente al suo studio che era una vera bolgia di secchi di smalto, televisioni, radio, tavoli e colore dappertutto. Che ricordi! Ma la sua musica.... beh.....
  • peruzzini
    Posts: 1,302Member
    Paky33 said:

    Io adoro la transavanguardia romana.
    Ho diverse opere di Schifano, di Franco Angeli, di Tano Festa ma quel disco, che ho comprato in versione CD, francamente, e con tutta la buona volontà a voler capire anche le più strane espressioni artistiche musicali, è davvero "tosto".
    Immaginatevi se Arman avesse fatto anche lui un disco! Eppure faceva accumuli di violini, di sassofoni, di strumenti musicali in genere. Ne ho uno splendido Buclier, quello di violini da circa 3metri quadri: Fantastico! come fantastiche sono le opere pittoriche di Mario Schifano. Una l'ho presa direttamente al suo studio che era una vera bolgia di secchi di smalto, televisioni, radio, tavoli e colore dappertutto. Che ricordi! Ma la sua musica.... beh.....



    Hai avuto la fortuna di conoscere Schifano di persona? Perché non parli dell'esperienza vissuta?
  • Paky33Paky33
    Posts: 6,144Member
    Sai, la sorella di mio cognato lo conosceva di persona. All'epoca lei ed il suo compagno - un notissimo giornalista televisivo - erano suoi amici.
    sapendo della mia sfegatata passione per l'arte moderna, un giorno mentre ero a Roma a pranzo con loro, m'invitarono ad andare con loro dal maestro.
    Poche ore dopo, intorno alle 18, entrai nello studio di Schifano. Era una bolgia!
    Ragazzotti che andavano di qua e do la trasportando secchi di smalti dei colori più vari, altri che, invece, preparavano le tele a Schifano. Qualcuno dava le "mani di fondo" alle tele.... il tutto tra suoni di televisioni, radio e puzza di sigari...
    Sembrava un girone dell'Inferno dantesco, insomma!
    Poi, tra una pennellata e l'altra, finalmente ho il piacere d'imbrattarmi la mano destra! Mario Schifano si gira e me lo presentano! Emozione? No, in verità rimasi perplesso.
    Quando i miei ospiti gli raccontarono della mia passione per i suoi dipinti lui, tra una pennellata (mamma che velocità di mano, però!) e l'altra mi fa "A ho, ma se to vendo io un quadro? MA non mi chiede a dedica, però!"
    Rimasi esterrefatto! Davvero potevo comprare direttamente da lui? Bho!!! Ora ci provo.
    Vorrei quello, ed indicai un meraviglioso "Scampate al grano". In pratica un campo di grano dipinto alla sua maniera.
    Mi dice il prezzo ed interviene il mio ospite "A Mario e che glie dai sta botta?"
    Va bè allora facciamo.... Intanto, al quadro in questione che era ancora fresco, c'era un angolino che proprio non mi piaceva. Una pennellata che, a mio avviso, disturbava l'insieme. Piano piano, con l'indice della mano, spando il colore e lo uniformo. Lui si gira: "A ho! Vedi che l'artista so io!" MA non mi dice nulla....
    Poi gli do i soldi e mi porto il quadro.
    Solo per farlo entrare in macchina, ancora fresco, non vi dico! Ora troneggia sulla parete del corridoio di servizio. Quella che appena entrati a casa mia, si vede dal salone d'ingresso.

    Raccontarti di Mario Schifano? Impossibile! Alla mano, estroso, tossico, pieno di se, umile e spavaldo.
    Geniale sicuramente.
    Genio e sregolatezza mai come in quell'uomo hanno condiviso il predominio di un'anima. Non c'erano vincitori. Dal conflitto emergeva solo Schifano.
    Il grandissimo Mario Schifano
  • long playing
    Posts: 3,319Member
    Paky33 said:

    ... Intanto, al quadro in questione che era ancora fresco, c'era un angolino che proprio non mi piaceva. Una pennellata che, a mio avviso, disturbava l'insieme. Piano piano, con l'indice della mano, spando il colore e lo uniformo. Lui si gira: "A ho! Vedi che l'artista so io!" MA non mi dice nulla.... 



    Insomma hai un quadro di Mario Schifano con una modifica , seppur piccolissima  ,  apportata da te ! Io non l'avrei minimamente toccato, per tanti motivi , non ultimo e piu' importante rimanere '' intatta in toto'' l'espressione dell'artista , che piacesse o meno in qualche particolare.
  • Paky33Paky33
    Posts: 6,144Member
    Già, ma.... approvata dal maestro! ;))
  • long playing
    Posts: 3,319Member
    Paky33 said:

    Già, ma.... approvata dal maestro! ;))



    Bhe .....non avevo dubbi....il '' maestro '' si e' comportato nel modo migliore...
    :>
  • peruzzini
    Posts: 1,302Member
    Paky33 said:

    Sai, la sorella di mio cognato lo conosceva di persona. All'epoca lei ed il suo compagno - un notissimo giornalista televisivo - erano suoi amici.
    sapendo della mia sfegatata passione per l'arte moderna, un giorno mentre ero a Roma a pranzo con loro, m'invitarono ad andare con loro dal maestro.
    Poche ore dopo, intorno alle 18, entrai nello studio di Schifano. Era una bolgia!
    Ragazzotti che andavano di qua e do la trasportando secchi di smalti dei colori più vari, altri che, invece, preparavano le tele a Schifano. Qualcuno dava le "mani di fondo" alle tele.... il tutto tra suoni di televisioni, radio e puzza di sigari...
    Sembrava un girone dell'Inferno dantesco, insomma!
    Poi, tra una pennellata e l'altra, finalmente ho il piacere d'imbrattarmi la mano destra! Mario Schifano si gira e me lo presentano! Emozione? No, in verità rimasi perplesso.
    Quando i miei ospiti gli raccontarono della mia passione per i suoi dipinti lui, tra una pennellata (mamma che velocità di mano, però!) e l'altra mi fa "A ho, ma se to vendo io un quadro? MA non mi chiede a dedica, però!"
    Rimasi esterrefatto! Davvero potevo comprare direttamente da lui? Bho!!! Ora ci provo.
    Vorrei quello, ed indicai un meraviglioso "Scampate al grano". In pratica un campo di grano dipinto alla sua maniera.
    Mi dice il prezzo ed interviene il mio ospite "A Mario e che glie dai sta botta?"
    Va bè allora facciamo.... Intanto, al quadro in questione che era ancora fresco, c'era un angolino che proprio non mi piaceva. Una pennellata che, a mio avviso, disturbava l'insieme. Piano piano, con l'indice della mano, spando il colore e lo uniformo. Lui si gira: "A ho! Vedi che l'artista so io!" MA non mi dice nulla....
    Poi gli do i soldi e mi porto il quadro.
    Solo per farlo entrare in macchina, ancora fresco, non vi dico! Ora troneggia sulla parete del corridoio di servizio. Quella che appena entrati a casa mia, si vede dal salone d'ingresso.

    Raccontarti di Mario Schifano? Impossibile! Alla mano, estroso, tossico, pieno di se, umile e spavaldo.
    Geniale sicuramente.
    Genio e sregolatezza mai come in quell'uomo hanno condiviso il predominio di un'anima. Non c'erano vincitori. Dal conflitto emergeva solo Schifano.
    Il grandissimo Mario Schifano



    Aneddoto molto interessante che ci testimonia il carattere del Maestro e l'importanza dallo stesso attribuita alla comunicazione audio e video, prova ne è la presenza di suoni e immagini nel proprio studio.
    Complimenti anche per l'opera di cui puoi essere fiero, sia perché ti é stata consegnata dallo stesso Maestro, sia perché è frutto di una piccola "collaborazione a quattro mani"!!!
    Questi sono bei ricordi da raccontare ai propri nipoti!
  • chicco98chicco98
    Posts: 3,590Member
    Bebo said:

    Domani sera



    ma domani sera quando?

    bye
  • Paky33Paky33
    Posts: 6,144Member
    peruzzini said:

    Paky33 said:



    Aneddoto molto interessante che ci testimonia il carattere del Maestro e l'importanza dallo stesso attribuita alla comunicazione audio e video, prova ne è la presenza di suoni e immagini nel proprio studio.
    Complimenti anche per l'opera di cui puoi essere fiero, sia perché ti é stata consegnata dallo stesso Maestro, sia perché è frutto di una piccola "collaborazione a quattro mani"!!!
    Questi sono bei ricordi da raccontare ai propri nipoti!





    Ma la botta di sedere è stata che Michele S., il fidanzato dell'epoca della sorella di mio cognato, era molto amico di Schifano e spesso stavano insieme sennò col cavolo che avrei avuto la fortuna di conoscerlo!
  • peruzzini
    Posts: 1,302Member
    Paky33 said:

    peruzzini said:

    Paky33 said:



    Aneddoto molto interessante che ci testimonia il carattere del Maestro e l'importanza dallo stesso attribuita alla comunicazione audio e video, prova ne è la presenza di suoni e immagini nel proprio studio.
    Complimenti anche per l'opera di cui puoi essere fiero, sia perché ti é stata consegnata dallo stesso Maestro, sia perché è frutto di una piccola "collaborazione a quattro mani"!!!
    Questi sono bei ricordi da raccontare ai propri nipoti!





    Ma la botta di sedere è stata che Michele S., il fidanzato dell'epoca della sorella di mio cognato, era molto amico di Schifano e spesso stavano insieme sennò col cavolo che avrei avuto la fortuna di conoscerlo!


    A questo punto, però, stai facendo nascere la curiosità sull'identità di "Michele S."!!!!
  • marcolinomarcolino
    Posts: 479Member
    peruzzini said:

    Paky33 said:



    A questo punto, però, stai facendo nascere la curiosità sull'identità di "Michele S."!!!!


    E' ironico? ;)

    No perché a 'sto punto mi pare chiarissimo... :D

    Un saluto
  • giannisegala
    Posts: 5,194Member
    Certamente Schifano x un certo periodo è stato un artista importante del nostro panorama artistico.Purtroppo , come spesso accade , il successo , il  denaro e la vita  movimentata in tutti i sensi  hanno  cambiato  totalmente il percorso di Schifano.Tantissime opere prodotte e spesso di scarsa qualità hanno influito negativamente sul giudizio generale dell'artista .Il mercato di Schifano guarda con particolare interesse alle opere degli anni 60 mentre le opere seriali dipinte  negli ultimi anni non destano grande interesse.  Molti anche  i falsi presenti sul mercato. Comunque rimane  un personaggio indubbiamente interessante .
    Post edited by giannisegala at 2014-05-05 08:00:30
  • Paky33Paky33
    Posts: 6,144Member
    Beh ho anche una palma di 2X1,5 metri degli anni 60
  • Paky33Paky33
    Posts: 6,144Member
    ......ed un'opera alla Warrol con due visi con tecnica di trasferimento alla trielina su fondo biano da 1,30X0,80mt
    Tutte, tranne quella che mi ha dato personalmente Schifano, con autentica della fondazione.
    Le opere che tu definisci seriali.... beh ad averne! Sono quelle delle nimphee, dei televisori, dei campi di grano....
    Un'altra opera che ho regalato a mio fratello me la procurò, tramite un amico di Salerno gallerista, Achille Bonito Oliva. Veniva dalla galleria di Lucio Amelio di Napoli. anche quella senza autentica. Mio fratello non l'ha mai richiesta
  • mozarteum
    Posts: 52,765Member
    c'e' serialita' e serialita'. quella delle ninfee o del crossing bridge ha un grande spessore pittorico. poi c'e' quella del quadro in mezzora a scopo incasso una volta indovinata la vena.
    mi piacerebbe avere a casa un pirandello un tancredi o anche mafai il cezanne de noantri...
  • peruzzini
    Posts: 1,302Member
    Ed avere un monocromo di Schifano? 8->
  • Paky33Paky33
    Posts: 6,144Member
    La mia palma è un monocromo

    Ho avuto anche uno splendido paesaggio anemico che regalai a mio fratello 20 anni fa